Parafrasando il  titolo di una vecchia canzone del grande Jannacci, oggi voglio parlare di una mia vecchia passione che mi coinvolge da quando ero ancora adolescente e giravo per boschi e campagne ricercando funghi ed erbe commestibili. La passione ha un nome difficile e a molti sconosciuto: Alimurgia.

La parola venne creata da uno studioso italiano e dalla  sua intensa attività di scienziato. Il suo nome non è noto a tutti, ma Giovanni Targioni Tozzetti è stato un medico e naturalista italiano, capostipite di una famiglia di studiosi la cui opera  fu basilare allo sviluppo scientifico ed economico della Toscana.

Alimurgia: ovvero  raccogliere e cibarsi di erbe spontanee, selvatiche, che possono essere mangiate e, cosa non meno importante,  erbe che possono essere utilissime dal punto di vista salutistico.

Direi che in un periodo  pandemico come quello attuale, che richiede una risposta immunitaria efficiente e potente, la cosa riveste una certa importanza.

Certo  si deve avere la fortuna di vivere  in un Paese che non abbia attuato un lockdown alla cinese, con arresti domiciliari che impediscono ogni attività, e che permetta sane e sicurissime passeggiate dove il pericolo contagio e diffusione virale è pari a zero.

Ma dove questo non sia un problema, la pratica della raccolta di erbe edibili conosciute  è largamente da consigliare.

Questo richiede studio, pratica, conoscenza dei territori, esperienza e grande buon senso. Non ci si improvvisa  raccoglitori di erbe, di funghi e altri frutti leggendo Wikipedia o  guardando due foto su una bella rivista che segue le mode del momento. Serve impegno sul campo che duri  anni prima  che  si possa affinare una conoscenza profonda di ciò che si metterà in bocca. Molte erbe, così come molti funghi, bacche e altri vegetali possono essere  molto pericolosi,  anzi alcuni proprio letali.

Ma come in tutte le situazioni naturali e  vegetali vi sono delle eccezioni.

Tra queste  vi è un’erba  sulla natura della quale sbagliarsi direi sia quasi impossibile: l’umile e fortissima ortica.

Basta un dito con il quale sfiorarla e lei si svela in tutto il suo carattere aggressivo: un  bruciore immediato, senza alcun dubbio urticante.

Il suo nome deriva dal latino  urere che significa bruciare, un bruciare causato dai  peli urticanti dell’ortica  che sono sulle foglie e sul fusto e che contengono istamina (1%) e acetilcolina (0,2%-1%), sostanze prodotte anche dal nostro organismo, che si attivano come trasmettitori degli impulsi nervosi del sistema neurovegetativo e fanno percepire un bruciore intenso e immediato.

Ma l’ortica tanto è “bruciante”  da viva, tanto è buona e benefica quando  ce ne possiamo cibare da cotta. Per citare brevemente; è ricca  di acido folico e ferro, è utilizzata in caso di anemia, artrite, cistite e diarrea. In epoca romana veniva anche usata per  “salubri” fustigazioni  esterne – urticazioni locali ad azione antinfiammatoria  praticate sull’articolazione dolorante -. Io sconsiglierei questa  antica pratica che viaggia sulla sottile linea sadismo- masochismo…

La temperatura  di bollitura  comunque  disattiva  e distrugge in pochi minuti  i peli urticanti e il loro contenuto,  rendendo questa erba squisita per risotti, frittate, zuppe o tal quale condita con olio evo, sale aceto e pepe.

In questa stagione l’ortica è appena spuntata. È tenera e la sua potenza salutare è alle stelle.

Basta armarsi di guanti da cucina in gomma – il lattice potrebbe essere troppo debole contro i peli urticanti – e raccogliere i capolini,  diciamo i primi 8 centimetri della pianta. Va cercata e trovata  in un luogo sano, lontano da strade polverose o trafficate, lontano da coltivazioni intensive in corso, insomma usando il buon senso.

Una volta raccolta si arriva a casa e la si lava con acqua fredda abbondante, sempre usando i guanti, sia chiaro. Poi sbollentata per pochi minuti in acqua  o al vapore se la si vuole più intensa negli aromi.  Poi vedete voi se optare per il  risotto o altro.

Quindi con l’ortica tutti si possono cimentare  nella raccolta e nella cucina senza paura di  fare errori botanici.

Solo due info in chiusura per  chiarezza e per aggiungere attenzioni  necessarie. 

La prima. L’assunzione dell’ortica in quantità abbondanti è sconsigliata durante la gravidanza perché stimola la motilità uterina.  La pianta  ricoperta dalla famosa  peluria urticante può causare allergia e irritazioni  molto fastidiose su pelli sensibili. Infine per  le  sue proprietà diuretiche se ne sconsiglia l’uso in concomitanza con  i farmaci diuretici.

La seconda: l’ortica ha un’unica erba che le assomiglia fortemente, pur essendo di famiglia completamente diversa:  il Lamio, detto anche la falsa ortica purpurea, per i suoi splendidi fiori. Le foglie del Lamio sono  molto simili a quelle dell’ortica. Ma nessun problema,  sono anche loro commestibili  se consumate in quantità limitata e sono prive di qualsiasi sostanza urticante. Perciò avanti nella raccolta…  se potrete. E come diceva Enzo … faceva il palo perchè l’era al su mester.

Photo by Paul M on Unsplash

  • Articoli
Vive in Austria, a Vienna, dal 2014. Studia, scrive e collabora con le sue “ragazze ronzanti” che volano e producono mieli nelle foreste viennesi. Api-cultore, mielosofo, amante della Sapienza applicata al cibo. Libero pensatore nato a Mantova nel secolo scorso. Dice di se: “Vengo… non so da dove. Sono… non so chi. Muoio… non so quando. Vado…non so dove. Mi stupisco di essere lieto.
  • È una questione di… pelle

    Ogni albero ha la sua tipica pelle che dipende dalla sua… pigrizia. Sì, avete letto bene, dalla sua pigrizia…

  • Il veleno che fa bene

    Oltre al dolore e al prurito, in una puntura d’ape vi è molto di più…

  • Quando la pappa è… reale!

    Da dove deriva e a cosa serve la pappa reale? Prima cosa da dire è che la pappa reale è un vero e proprio prodotto animale dell’alveare, mentre la grande maggioranza degli altri prodotti delle api invece è strettamente da annoverare nei prodotti vegetali…

  • FACEVA IL PALO NELLA BANDA DELL’ORTICA

    Alimurgia: ovvero raccogliere e cibarsi di erbe spontanee, selvatiche, che possono essere mangiate e, cosa non meno importante, erbe che possono essere utilissime dal punto di vista salutistico…

  • Anche il “pegano” dice la sua: una nuova dieta all’orizzonte

    La dieta ha un nome strano che ricorda un po’ gli infedeli, i cavalli alati e le abbuffate di seitan: Dieta Pegana.
    La Dieta che mette insieme fuoco e acqua; carne e proteine unite ai sacri dogmi del veganesimo…

  • OHH… LIVE – L’olio nutraceutico

    Il termine nutraceutica è composto dai due sostantivi: nutrizione e farmaceutica. Nutrire curando con la prevenzione.
    La parola può essere riferita a varie tipologie di prodotti e tra questi rientra proprio l’olio da olive e.v…

  • I pipistrelli non si mangiano

    I pipistrelli. Mammiferi straordinari. Sono le palestre naturali in cui molti virus rimangono per anni ad allenarsi. Perché? Perché questi piccoli chirotteri hanno una particolarità straordinaria che a nessun altro essere vivente a sangue caldo è stata concessa: hanno un sistema immunitario spaventosamente efficiente. Loro, piccoli topi volanti, non si ammalano mai, pur ospitando virus terribili…

  • Oro e cioccolato, le due facce dell’uovo pasquale

    L’uovo di cioccolato quando, come e dove è nato?

  • La colomba… il dolce mette le ali

    Qui su Cavolo Verde, come sempre cerco di fare, vorrei raccontarvi qualche storia sul come nacque la Colomba che oggi rallegra le Pasque dalla parte del dolce…

  • I nemici dei virus stanno anche nelle nostre scelte alimentari

    Virus, dal latino. Significa veleno. Un veleno invisibile e perciò temibile. Ma qualcuno questi virus, che girano per il mondo facendo i loro interessi di specie, li vede benissimo. Sono i nostri amici del sistema immunitario, il nostro esercito interno che combatte ogni giorno per noi battaglie silenziose, di cui noi percepiamo spesso solo echi lontani

  • REPETITA IUVANT. Di mieli, semplicemente…

    Parliamo di mieli scrivendo righe di facile accesso senza scadere nella banalità dell’approssimativo e cercando di ripetere concetti e notizie utili nelle esplorazioni alla scoperta del buono, sano e onesto come direbbe qualcuno che ha fatto scuola in questo senso…

  • Carnevale: La carne è tolta? E pesce sia

    In attesa delle ricette, che fioriranno su ogni rivista o giornale che abbia qualche intenzione di proporre cultura del cibo, forse vale la pena ricordare alcune premesse storiche di questa festa che ci fa “rimettere in carne” prima del periodo quaresimale, dove saranno le regole dietetiche a dettare legge, imponendo l’astensione dalla carne e la sobrietà…

  • Vanillekipferl, il dolce Natale viennese

    Il croissant (letteralmente “crescente”) è un dolce austriaco. Non stupitevi, è così, e tra un po’ capirete perché e anche come sia strettamente collegato ai Vanillekipferl…

  • RED-ATTORI DEL CAVOLO

    Oggi vorrei raccontarvi di due bellissime iniziative, promosse a Vienna gli scorsi giorni, e che hanno avuto come protagonisti proprio alcuni redattori del Cavolo Verde. Iniziative importanti e belle…

  • Mutuo appoggio: l’Evoluzione

    Forse pochi di voi hanno potuto vedere dal vivo una Gunnera Manicata. Una pianta dalle foglie gigantesche, che arrivano a diametri di 140 centimetri e con picciolo di 4 metri. Nella foto a corredo si può vederla a confronto con una normale bicicletta…

  • IL MUTUO APPOGGIO

    Eravamo rimasti alla mitica e ingenua frase del pesce grande che mangia il piccolo, ricordate? Una delle false affermazioni di un errato punto di vista della teoria dell’Evoluzione della specie che Darwin elaborò. Ma affermazione che sembra immortale e che sta alla base di miliardi di pensieri umani che vanno in quella stupida direzione…

  • Le relazioni naturali o del come spargere falsità che poi girano… girano… – Prima Parte

    Oramai, e sarà sempre più così in futuro, la comunità degli Homo Sapiens si concentra perlopiù nelle città, luoghi dove in effetti spesso è la criminalità organizzata a dominare zone e quartieri. Proprio in queste realtà e condizioni prospera una filosofia imbecille, una falsità pura…

  • Nella vita per molte cose bisogna avere naso, e le api… ce l’hanno – quarta parte

    Vi voglio raccontare un esperimento che lasciò stupiti gli stessi ricercatori del gruppo di Randolf Menzel, Neurobiologo e Zoologo di fama mondiale…

  • Profumo di casa – Terza parte

    Eravamo rimasti che le api usano il loro incredibile olfatto anche dentro l’alveare…

  • Parliamo dell’olfatto delle api – seconda parte

    Come abbiamo potuto constatare la scorsa settimana, le api hanno un olfatto molto sensibile, degno di Cyrano de Bergerac…

  • L’ape, uno straordinario naso alla Cyranó – prima parte

    Oggi rimango sull’ape e su un aspetto che coinvolge anche coloro i quali le api seguono e curano: gli apicoltori. Quelli che mettono mano e pensieri dentro la vita dei super organismi sciame aprendo alveari…

  • C’È COSCIA E COSCIA OVVERO DEL PROSCIUTTO SENZA LE ALI

    È una questione di cosce… Ma non alla Silvana Mangano, quella era cultura popolare e cinematografica. Quelle che oggi sono sulle prime pagine della cronaca delle cialtronerie italiche in campo di cibo sono cosce maialesche. Quelle suine…

  • Greta: ovvero del clima a risoluzione vegetale
  • Del mais, della carne, del latte e dell’erba

    Una domanda nasce spontanea: perché uno splendido animale da latte come la vacca, ma in parte la stessa cosa vale per altri animali da latte, deve essere alimentato con mais o mangimi dalla complessa e spesso sconosciuta composizione?

  • Zagare a Vienna

    Bruno ha scritto questo libro – Zitrone – che fa seguito ad un’altra sua precedente creatura editoriale dedicata ai carciofi, altra verdura che nessuno immaginerebbe venga coltivata con grande successo proprio a pochi chilometri da Vienna.

  • “QUESTIONE DI CARATTERE”, DISSE LA QUERCIA AL TIGLIO

    Si tratta di rispondere alla domanda: gli alberi, che sempre più negli ultimi anni – grazie agli studi di neurobiologia vegetale – impariamo a conoscere, hanno anche un carattere? Sì, intendo proprio un carattere individuale, una personalità, un’indole come possiamo ritrovare anche tra noi umani.

  • In ricordo di Giancarlo Bini

    Pochi giorni fa Giancarlo ha intrapreso il suo ultimo viaggio e noi amanti dell’olio evo, sangue verde degli ulivi, siamo oggi rimasti più soli nell’uliveto della vita, che lui seppe far conoscere e far amare a molti di noi. Un amico e un Maestro, questo era per me Giancarlo.

  • Di umani, di alberi e di api e di fiori… nascosti

    L’eucalipto è il miele che molti definiscono “normale”, il miele di tutti i giorni, a volte erroneamente considerato un miele di poco pregio perché molto comune.

  • Gli orsi con le foglie

    Ma esattamente cosa accade ai nostri amici e fratelli “esseri vegetali viventi” in questo periodo dell’anno? Cosa dovremmo tutti sapere su questo aspetto della “povera foglia frale” che lungi dal proprio ramo va, come diceva Leopardi?

  • Il Sapore del Sapere: “Rispettando grado, priorità, rango, stabilità, tempo, forma, dovere e fedeltà”