Mi capitò una sera, di circa tre anni fa, dovevo scrivere la recensione di un ristorante per una rivista per cui lavoravo e non avevo nessuno che venisse con me a provare il locale. Era la prima volta che succedeva.

Essendo lavoro non potevo certo tirarmi indietro, così mi recai al ristorante, mandai giù quella che io interpretai come la faccia vagamente interdetta del cameriere, mi sedetti e iniziò.

Iniziò un’esperienza.

Ordinai in lentezza, dopo aver letto il menù con attenzione, aspettai i miei piatti guardando i particolari del locale, osservando la gente che entrava alla spicciolata.

E poi, dopo che fui servita, incominciai a mangiare, con gli occhi prima che con la bocca, annusando prima ancora di degustare; studiai, valutai e poi assaporai, masticando senza parlare, boccone dopo boccone, tenendo il cibo in bocca senza il dovere di ingoiare per parlare con un inesistente interlocutore.

E tra una portata e l’altra mi divertii a sbirciare gli altri.

Non sono mai stata una che si interessa agli estranei. Da quel che dicono a quel che fanno. Preferisco badare a me, sono già abbastanza impegnativa per trovar tempo di far caso anche alle persone, sconosciute, che mi circondano. La classica sbadata menefreghista.

Invece quella sera iniziai a sentire e vedere gli altri, individui che condividevano con me lo spazio di un luogo poco conosciuto, per il tempo limitato di una cena.

La moglie che raccontava i particolari della vita di un’amica al marito annoiato; la famigliola completa di nonni che commentava la cena mentre ancora stava avvenendo; i fidanzatini con la faccia infilata nei loro smartphone e, magari, il cuore altrove; due uomini che si erano portati il lavoro a tavola o, forse, erano seduti a quel tavolo per parlarne, di lavoro.

Da quel giorno mi è capitato molto spesso di mangiare da sola, anzi, per correttezza dovrei dire “ho scelto di mangiare da sola”; quando mi prende voglia di [una cucina a caso] non so aspettare di organizzare una cenetta con qualche amica per il prossimo fine settimana, io prendo e vado, scelgo il locale, mi siedo, mi studio il menù e mi godo la cena, da sola. Oramai non faccio più caso agli sguardi della gente, perché se è vero che a pranzo capita spesso di vedere persone mangiare in solitaria, per pause pranzo veloci, tappe momentanee ma obbligate durante una frenetica giornata lavorativa, è altrettanto vero che a cena, nei ristoranti, è molto più raro trovarne.

Eppure, se voi sapeste, com’è bello e appagante mangiare da sola, concentrarsi sulla tua ordinazione, sulla preparazione dello chef, dedicargli tutto il tuo tempo, tutta la tua attenzione, in qualche modo è dare importanza al lavoro altrui.

Quando un senso viene escluso gli altri si acuiscono e non serve una privazione definitiva, ne basta una momentanea, gli altri sensi corrono a sopperire alla sua mancanza per cui – se mangi da sola, la vista si concentra sul piatto, l’udito si autoesclude, il gusto si potenzia, e via di seguito.

Si crea un legame, un legame stretto, un bondage culinario tra te e il cibo che ti regala un’emozione unica nel suo genere, un’esperienza forte, intensa, violenta se vogliamo, un’esperienza che vi consiglio di provare, almeno una volta nella vita.
Parafrasando Steve Jobs: Siate curiosi, siate sfacciati, mangiate (anche) da soli.

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.