Questo titolo altro non è se non la domanda tipica che mi viene rivolta quando le persone scoprono di cosa mi occupo. Ed è un vero sfracassamento di zebedei, che solitamente accolgo con un sorriso mesto alla Monnalisa, che nasconde un fumetto con dentro la scritta “eccone un altro/a…”

Non è saccenza o maleducazione, il problema è che la risposta, ho scoperto a mie spese nel corso degli anni, non è poi così semplice.

Sì perché prima di tutto bisogna comprendere che i gusti sono discutibili, nel senso vero del termine.

Io posso essere una persona parsimoniosa e famelica per cui se mi consigli una pizzeria dove il costo media delle pizze è a 12€ potrei trovar di che ridire; a una persona così dovrei forse consigliare la pizza all you can eat, sai quanta ne mangi, non sai cosa ti mangi ma se sei felice tu…

E poi mettiamoci che i gusti sono personali, influenzano le scelte e i consigli, quando hai il tuo “ristorante crudista preferito” e ci mandi l’amico che vive di bistecche e braciole il successo decisamente non è assicurato; quando mangi creativo e moderato forse il conoscente che, scoprirai solo dopo, ha la guida delle trattorie per camionisti sul comodino, potrebbe ritenere inconsistente, fuorviante e anche dispettoso il tuo consiglio gourmet.

I problemi sono questi e non solo, per cui quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande:
  • Quanto vuoi spendere?
  • In che zona di Roma vuoi andare a mangiare?
  • Che cucina vuoi provare?
  • Che cibi non ti piacciono?
  • Varie ed eventuali…

Il bello è che – nonostante una serie di informazioni raccolte, in perfetto stile censimento – bisognerà sempre far i conti con le incognite. E le incognite son quelle che ti fregano, son quelle che ti mandano in vacca il consiglio, che possono rovinare la serata al consigliato e la reputazione di buongustaio esperto del consigliante.

Le incognite sono due: il cambio dello chef e una serata storta in cucina.

Diciamolo, se in un locale che amo cambia lo chef non è detto che io sia immediatamente informata, tranne se lo conosco personalmente, se lo leggo sui social o se sono stata da poco a mangiarci. Lo chef è come la spina dorsale di un locale, se cambia lui cambia come minimo la mano che comanda la cucina e spessissimo cambia il menu; e io cosa posso saperne del nuovo? Se non provo non so, se non testo non giudico. Eccoci quindi nel buio più oscuro.

E poi ci sono le serate storte. Credete a me, anche agli stellati capita di far uscire un piatto “ni”, figuriamoci ai ristoranti “terreni”. Ovviamente non è colpa mia, non è colpa dello chef, non è colpa di nessuno. Capita, e stop. Però il consigliato potrebbe ricavarne una pessima esperienza, potrebbe rimanerne deluso e fare di tutta un’erba un fascio, bocciare il locale, come fanno tanti su Tripadvisor, solo per un piatto uscito male.

E allora, vi direte voi, alla fine di tutte queste riflessioni, qual è la mia risposta davanti alla fatidica domanda?

È questa:

“Bah, dipende, ce ne sono tanti. Io – se voglio mangiare [la prima tipologia di cucina che mi viene in mente] vado da [nome del ristorante]. Però certo, è un po’ che non ci passo, non so come stanno messi adesso in cucina [e qui repentino colpo di frusta con cambio di argomento che solitamente implica una domanda al consigliante per gettare subito tutto il mio interesse su di lui]”. Bella, pulita, a prova di denunce e recriminazioni, et voilà!

Photo by Syed Ahmad on Unsplash

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.