Quando si parla di alimentazione viene spesso menzionata la piramide alimentare.

Questa sorta di grafico ci illustra in maniera semplice e schematica l’importanza dei vari alimenti, e soprattutto la posizione che essi devono ricoprire nella nostra dieta, specialmente in termini di quantità.

Infatti, alla base della piramide troviamo gli alimenti che possono essere consumati con maggiore frequenza, perché la loro presenza nell’alimentazione è fondamentale come i nutrienti che vi apportano, mentre andando verso la cima gli alimenti che troviamo andrebbero consumati sempre con maggiore moderazione, perché le sostanze che apportano, specie se assunte in quantità eccessive, possono risultare dannose.

Vediamo ora la piramide alimentare nel dettaglio:

Livello 1_I Cereali.

Alla base della piramide alimentare si trovano gli alimenti a base di cereali, come pasta, riso, pane e cereali integrali, ma anche i legumi, il mais e le patate.

Questi alimenti apportano fibre ed amidi, oltre a molte vitamine e minerali importanti, e, nel caso dei legumi in particolare, proteine di origine vegetale, eccellenti sostitute di quelle di origine animale.

La loro presenza nella nostra dieta può andare da 6 porzioni al giorno in su, dove una porzione è intesa come:

  • ½ piatto di pasta, riso o semolino
  • ½ tazza di legumi o mais cotti
  • ½ panino o 2 fette di pane in cassetta
  • ¾ di tazza di cereali secchi, con o senza latte e/o frutta ma senza zucchero
  • 1 patata grossa o 2 patate piccole
  • 4 cracker

Per aumentare in maniera considerevole l’apporto di fibre, importanti per controllare i valori di colesterolo e glicemia, può essere utile orientare la propria scelta su cereali e farine integrali, anche per la preparazione di dolci e prodotti da forno.

Livello 2_La Verdura.

Subito sopra la base della piramide troviamo il settore dedicato alle verdure.

La verdura fornisce buona parte della gamma vitaminica e di minerali rintracciabili nei cibi di consumo comune, sostanze che possono essere facilmente assimilate grazie alla digeribilità degli alimenti d’origine.

Sarebbe buona norma modificare le proprie abitudini alimentare in modo da includere nella propria dieta verdure crude e cotte in abbondanza, in particolare quelle di colore verde scuro, fonte privilegiata delle vitamine del complesso B.

Le sostanze nutritive sono naturalmente più attive nelle verdure crude, ma anche in quelle cotte ne possiamo trovare una buona varietà.

La loro acqua di bollitura può essere inoltre utilizzata per la cottura di alimenti a base di amido, come riso e patate, che grazie alla loro caratteristica porosità possono recuperare buona parte delle sostanze disciolte, rendendole nuovamente disponibili per l’organismo.

La loro presenza nella nostra dieta può andare da 3 a 5 porzioni al giorno, dove una porzione è intesa come:

  • ½ tazza di succo di pomodoro o di centrifugato di verdure
  • ½ piatto di verdure cotte
  • 1 piatto di verdure crude

Livello 3_La Frutta.

Ancora un passo verso l’alto e troviamo il piano della frutta.

Benché, come la verdura, la frutta sia un’altra fonte privilegiata di vitamine e minerali, il suo contenuto in sostanze attive è talmente alto da renderne consigliabile un consumo più moderato.

Tra le vitamine messe a disposizione dalla frutta ne troviamo molte di tipo termolabile, come la vitamina C, che vengono quindi danneggiate o distrutte con l’esposizione al calore.

Pertanto, è consigliabile consumare preferibilmente frutta fresca cruda, possibilmente con la buccia (fonte di fibre facilmente digeribili), e succhi e spremute freschi.

Nel settore della frutta è inclusa anche la frutta secca, fonte privilegiata di acidi grassi essenziali, da consumare con moderazione in quanto molto calorica.

La presenza della frutta nella dieta è consigliabile tra le 2 e le 4 porzioni al giorno, dove una porzione è intesa come:

  • ¼ di tazza di frutta secca
  • ½ tazza di succo o centrifugato di frutta
  • 1 frutto grande
  • 2 frutti piccoli

Livello 4_La Carne, le Uova ed il Pesce.

Procedendo verso la cima della piramide troviamo il piano occupato dagli alimenti proteici di origine animale.

Il loro consumo apporta molte proteine nobili, quelle di origine animale, e numerosi minerali preziosi, tra cui calcio e ferro.

Tuttavia, la loro ricchezza in sostanze potenzialmente dannose come colesterolo e grassi saturi può sovraccaricare il lavoro di fegato e reni, oltre ad innalzare i livelli glicemici nei soggetti predisposti al diabete e ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

Quindi per questi alimenti è consigliabile un consumo controllato, integrandoli magari con un buon apporto di legumi.

La presenza degli alimenti proteici di origine animale è ammessa nella dieta nell’ordine di 2/3 porzioni al giorno, dove una porzione è intesa come:

  • 60/90 gr di carne o pesce cotti
  • 1 uovo

Per migliorare la qualità degli alimenti proteici nella nostra dieta, ed eventualmente arrivare al limite massimo delle quantità se questi ci sono particolarmente graditi, può essere utile mettere in pratica alcuni semplici accorgimenti, tra cui ad esempio:

  • Eliminare con un coltello la pelle e gli strati di grasso visibili prima di cucinare.
  • Limitarsi a tre tuorli alla settimana.
  • Dare la preferenza alle carni magre rispetto a quelle grasse.
  • Limitare il consumo di interiora e frattaglie.
  • Ridurre il più possibile il consumo di insaccati, troppo ricchi di sale e di sostanze a base di nitrati.
  • Cucinare carne e pesce nel forno, al vapore o alla griglia, riducendo al minimo l’uso di grassi o condimenti di vario genere.
  • Privilegiare l’olio d’oliva come condimento, eliminando burro, lardo, margarina e strutto.

Livello 5_Il Latte ed suoi Derivati.

Subito prima della punta della piramide abbiamo il latte e i suoi derivati, fonte di carboidrati semplici, proteine e molti minerali, tra cui il calcio.

Benché il loro apporto in nutrienti essenziali sia fondamentale, la loro tendenza ad essere mal tollerati ne suggerisce un consumo limitato, privilegiando i formaggi stagionati (meno ricchi di lattosio e più ricchi di proteine), il latte scremato (meno ricco di colesterolo e maggiormente tollerato) e lo yogurt intero e non zuccherato (ricco di fermenti utili ad una corretta attività intestinale).

La loro presenza nella dieta è accettata nella dieta nell’ordine di 2/3 porzioni al giorno, dove una porzione è intesa come:

  • 1 tazza di yogurt
  • 1 tazza di latte parzialmente o totalmente scremato
  • 30 gr di formaggio

Livello 6_I Dolci e gli Alimenti Grassi.

Eccoci alla punta della piramide, dove troviamo gli alimenti più graditi al palato e meno alla salute.

Fanno parte di questa categoria i dolci, le bevande zuccherate, l’alcool ed i condimenti di vario genere.

A causa del loro elevato contenuto in grassi e zuccheri e della loro povertà in vitamine e minerali hanno un valore nutrizionale molto scarso, anche perché per la complessità della loro composizione risultano di difficile digestione e possono sovraffaticare in maniera significativa il sistema gastrointestinale.

I dolci in particolare devono essere guardati con attenzione, perché anche quelli definiti “light” contengono spesso quantitativi di carboidrati pari a quelli dei loro colleghi “normali”, oltre a  dolcificanti non troppo diversi dal normale zucchero bianco.

Pertanto, sono tollerati nella dieta solo in quantità minime, nell’ordine di 1 porzione al giorno, ed anche meno, dove una porzione è intesa come:

  • ½ tazza di gelato o di dolce al cucchiaio
  • 1 cucchiaino di marmellata o confettura
  • 1 dolce piccolo o 1 fetta di torta semplice
  • 1 cucchiaino di condimento a scelta tra olio, burro o maionese.
  • 2 biscotti piccoli

Il concetto di porzione non è da fraintendere, e soprattutto non è da sfruttare per fare i furbi.

Le porzioni indicate sono infatti intese come variate ed alternate, quindi non è che si possano, per esempio, mangiare tre piatti di pasta in un giorno.

Una dieta strutturata seguendo con attenzione il principio della piramide alimentare può essere infatti un ottimo modo per assicurarsi un’alimentazione sana e bilanciata, primo passo verso una vita all’insegna della buona salute, tuttavia come in ogni cosa valgono le regole della moderazione e del buon senso, assieme a quella di non far subire alla propria alimentazione variazioni troppo drastiche senza averne prima messo al corrente il medico di fiducia.

Immagine di <a href=”https://it.freepik.com/vettori-gratuito/piramide-alimentare-illustrata-creativa_7314275.htm#query=alimentar%20pyramid&position=2&from_view=search&track=sph”>Freepik</a>

 

  • Articoli
Nome: Layla.Cognome: Benazzi. Età: 37 (effettivi, dichiarati e documentati…). Città: Genova (forever!). Layla Benazzi nasce in quel di Genova nel 1981. Di natali liguri ma di origini emiliane, coltiva da sempre la passione per la scrittura, coltivazione finora rimasta limitata alla scrivania, ma che ultimamente inizia a dare qualche risultato che non sia quello di appesantire il cassetto. A tredici anni, non avendo ancora scoperto la vocazione della penna, decide di fare della scienza il suo lavoro. Studia come perito chimico all’ITIS Gastaldi di Genova, scuola dedicata al primo partigiano d’Italia, e nel frattempo inizia a scrivere, buttando giù in cinque anni di studi circa 10 romanzi, tutti finiti ormai al riciclaggio della carta. A 18 anni inizia a lavorare, prima in un laboratorio ospedaliero e poi in varie aziende del settore farmaceutico, tuttavia la passione per la scrittura non la molla, con il risultato di scrivere altri racconti (tutti con lo stesso destino dei precedenti) con i quali affina (si spera) lo stile. Per quel che riguarda la cucina, non riesce mai a fare delle grandi esperienze (però mangia benissimo) a causa del tempo sempre risicato, ma si specializza almeno nella pasta fresca (quel tanto che basta per non disonorare la regione d’origine) e nella paella di pesce, ad oggi suo piatto forte. A 21 anni l’incontro con Laura Rangoni imprime una decisa svolta alla sua vita, creando una sincera e solida amicizia. Nel frattempo, continua a scrivere, visto che non riesce a cucinare. Attualmente, dopo aver abbandonato il mondo del lavoro dipendente a favore della libera professione, sta lavorando come consulente per la sicurezza delle aziende, e nell’attesa di scrivere qualcosa che non resti nella scrivania (un’altra, perché nel frattempo si è sposata ed ha fatto anche un figlio) ha ri-scoperto il giornalismo gastronomico. Amante della ricerca sul campo, grazie alla natura pignola data dal segno della Vergine, si dedica ad articoli legati all’alimentazione e alla nutrizione, aiutata indubbiamente dagli studi fatti, che la portano ad approfondire gli argomenti soprattutto dal punto di vista della composizione degli alimenti. Alla chiamata di Laura per il NUOVO Cavolo Verde, ha risposto con un garibaldino “obbedisco!”, avendo già da tempo iniziato a contribuire ad altri siti, tra cui il Cavolo ORIGINARIO. Se poi pubblicherà qualcosa, ve lo faremo sapere…
  • Frutta, Verdura e Colori – Una verità dal sapore di leggenda

    Rosso, Verde, Bianco, Giallo/Arancio, Blu/Viola. Consumando regolarmente i prodotti appartenenti a questi cinque gruppi possiamo assicurare al nostro organismo le sostanze necessarie per contrastare l’azione dei radicali liberi e dei processi ossidativi, che sono la causa primaria…

  • La Piramide Alimentare – Facciamo Chiarezza

    Alla base della piramide troviamo gli alimenti che possono essere consumati con maggiore frequenza, perché la loro presenza nell’alimentazione è fondamentale come i nutrienti che vi apportano, mentre andando verso la cima…

  • Il Galateo: Allattare al Seno…educazione, legge, verità e falsi miti

    Ad oggi è in atto un vero e proprio scontro culturale che cerca – pretende – di valutare in maniera obbiettiva il diritto/la possibilità di allattare in pubblico un neonato senza dare adito a malumori, o peggio ad atti di vera e propria intolleranza…

  • Il Galateo: Bambini ed Animali, come fare?

    Ecco un argomento spinoso: animali, bambini ed inviti a cena. Per quanto infatti possa apparire azzardato affiancare questi due temi nello stesso articolo, in realtà sono due situazioni che spesso richiedono, per quanto diverse, comportamenti – e che causano imbarazzi – assai similari…

  • Il Galateo: Gli Inviti e L’Accoglienza.

    Come invitare ed accogliere amici, parenti, conoscenti in casa nostra, facendo sfoggio della migliore educazione e savoir-faire?

  • Chimica non solo con gli Alimenti… il Galateo

    Studieremo l’apparecchiatura ed il servizio, i corretti abbinamenti, gli accessori più semplici e quelli più qualificanti a tavola, e scopriremo quanto poco ci vuole, nell’ambito del cibo, a fare bella figura, oppure a farne una pessima…

  • Il Prezzemolo, buono… ma non sempre

    Se c’è una pianta aromatica ed officinale che può a buon diritto dire di essere parte integrante del linguaggio comune, è il Prezzemolo…

  • La Salvia, non solo frittate… (Parte II)

    La salvia, oltre che con i suoi due cugini, condivide buona parte delle sue sostanze attive con una pianticella molto particolare, ovvero la Marjuana…

  • La Salvia, non solo frittate… (Parte I)

    Le proprietà di questa specie aromatica sono talmente tante che gli antichi presero il suo nome dal termine salvus, cioè salvare, ed i contadini sostenevano che: “Chi ha la salvia nell’orto ha la salute in corpo e la felicità nel cuore”

  • Il rosmarino in cucina, cosmesi e fitoterapia (seconda parte)

    Recenti ricerche hanno dimostrato che il rosmarino contiene molte sostanze antiossidanti, pertanto il suo utilizzo abituale è utile al buon mantenimento della salute psicofisica in generale ed a ritardare l’invecchiamento cellulare.

  • Il Rosmarino, arbusto leggendario e piccola farmacia (parte prima)

    Una delle prime testimonianze accertate sull’uso di questa specie arbustiva da parte dell’uomo è stata ritrovata in una tomba egiziana, dove un rametto di rosmarino, quasi perfettamente conservato, era custodito in un pregiato cofanetto in marmo ed avorio, accanto alla mummia

  • ZINCO, utile alle donne…ma non solo.

    Lo zinco è, dopo il ferro, uno dei componenti essenziali del nostro organismo, di conseguenza non è considerato in presenza percentuale ma come un vero e proprio “mattone” fisso del corpo umano.

  • Senza IODIO non si cresce…

    Per quanto di solito si citino minerali più famosi, parlando di crescita, come ferro e calcio, in realtà un ruolo importantissimo è svolto anche da un minerale che spesso per molti resta uno sconosciuto.
    Lo iodio.

  • POTASSIO, se non c’è si sente…

    Spesso si sente parlare del potassio, tuttavia raramente si sa a che cosa serva.

    Pur non essendo tra i minerali più abbondanti nel nostro organismo (il 5% sul totale), il potassio è indispensabile alla nostra buona salute.

  • Ne basta poco… il MAGNESIO
  • La calamita della salute, il FERRO
  • FOSFORO, mente sana in corpo sano
  • FLUORO, non solo denti…
  • Diamo un CALCIO alla debolezza
  • Con il SODIO, andiamoci piano…