Ha riaperto i battenti il 28 Febbraio. Èi giovani studenti che vivono o studiano in questa zona di Roma e vogliono mangiare spendendo moderatamente (con fish burger e wrap a 12 euro) e i palati più esigenti (con i suoi plateaux di crudi o i suoi astici interi cotti a scelta tra vapore/grigliato o gratinato, tanto per dirne una).
Aperto sette giorni su sette, ora come ora (nel momento in cui esce l’articolo il Lazio si trova in zona rossa [n.d.r.]) fa servizio take away (dalle 12:00 alle 22:00) e delivery (dalle 12:00 alle 22:30) ma quando sarà di nuovo possibile mangiare al ristorante sappiate che ad aspettarvi c’è anche uno spazio esterno dedicato ai vostri pranzi (e speriamo presto anche cene) nel dehors del locale.
Io stessa sono stata a provare il loro menù i primi giorni di Marzo, ci tengo quindi a segnalarvi alcune chicche.
Inizierei sicuramente dalle tartare di tonno e salmone (con puntarelle le prime e avocado più zest di lime le seconde). Passerei poi alle crocchette di pulled salamon con crema di provola e accompagnate da salse home made.
Se non potete rinunciare al primo piatto le scelte sono varie, si va dal classico dei classici, lo spaghettone con le vongole (leggermente piccanti come vuole la tradizione) alle modaiole poke bowl che assicurano un pranzo leggero e sfizioso (la ricetta prevede riso basmati al vapore, tartare di salmone, edamame, avocado, cetrioli, mandorle tostate e semi di sesamo).
Uno dei must del locale, sicuramente consigliato, è il polpo intero arrosto cotto sui carboni, servito con delle deliziose chips (inutile dirlo, una tira l’altra) e insalata mista.
Ritornando invece ai burger, nel caso voleste mangiare con un “panino al volo” il mio consiglio spassionato è il Tuna Wrap: morbida tortillas ripiena di tartare di tonno, stracciatella di burrata, rucola, pomodorini confit e melanzane. Davvero da leccarsi i baffi!
Se invece voleste spendere un po’ di più potete concedervi un Lobster Roll Bacon (sempre accompagnato da patatine fritte) dove un morbido pane al burro viene farcito con polpa di astice e arricchito con bacon, rucola, maionese e lime.
Se vi restasse uno spazietto per i dolci penso che un bel “Tiramisù fattelo tu” sia il modo perfetto di concludere il pasto. Vi verranno serviti una moka monodose di caffè con una ciotolina di crema al mascarpone e dei savoiardi e starà a voi scegliere come comporre e degustare il vostro personalissimo tiramisù.

Fisherman Burger
Via Ravenna 34 A
Tel. 0669411684

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • THE FISHERMAN BURGER

    The Fisherman Burger, in zona Piazza Bologna, regala delizie di pesce per tutti i gusti e tutte le tasche, che promette di sfamare, ingolosire e soddisfare…

  • Luca Mastracci, il Pupillo della pizza

    Conosco Luca da anni, da quando lavorava al Mercato Centrale. Ho mangiato più volte la sua pizza. E’ una sicurezza…

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.