Conosco Luca da anni, da quando lavorava al Mercato Centrale.
Ho mangiato più volte la sua pizza. E’ una sicurezza, è fare una bella figura quando ci porti gli amici (o il fratello, com’è successo ieri) e poi è un piacere mangiarla, scoprire le storie e le evoluzioni dei prodotti che usa nelle sue preparazioni,vivere le sperimentazioni, le nuove scoperte, gli assaggi, i progetti, è un percorso in continuo divenire perchè Luca, lui, non si ferma mai.

Nel 2020, in pieno lockdown, quando i locali erano chiusi non si è perso d’animo,

si è rimboccato le maniche e ha diversificato, ha ritirato fuori dal cilindro della tradizione la Falia, un antico pane delle sue zone, l’ha prodotto, c’ha conquistato le persone e ha iniziato a distribuirlo. Stessa cosa a fine anno, sotto Natale, ennesime chiusure, ennesimi disagi e lui che fa? La Ciammella, un prodotto da forno a metà tra un dolce e un pane, buono da solo, buono con la marmellata a colazione e buono pure col salame. Stesso iter della falia, distribuita per permettere ai più di scoprire (in alcuni casi di ri-scoprire) i prodotti delle tradizioni che tanto gli sono care.

Le pizzerie di Luca, una a Priverno e una a Frosinone,

accolgono i clienti con supplì di vario genere (io ho provato quello alla carbonara con pasta e guanciale, meraviglioso come si vede dalla foto) poi tanto altro, come le montanare, le pizze fritte, le pizze napoletane. Tra queste ultime c’è l’imbarazzo della scelta: bianche, rosse, di stagione, il comun denominatore e la sua forza stanno nei singoli ingredienti che le farciscono e che sono di qualità così elevata da accrescere il successo della pizza in maniera esponenziale.
Se vi rimane posto per un dolce vi consiglio di scostarvi dali classici di pasticceria e di assaporare le sue creazioni. La seadas, rivisitata usando pizza fritta ma ripiena di ricotta, miele e zeste di limone oppure di lasciarvi guidare verso il suo ultimo progetto,”Come se fosse”, che dipinge su una tavolozza di pizza fritta i classici della pasticceria italiana. Ora come ora in menù c’è il suo omaggio alla pastarella alle visciole di Sezze ma so già che molti altri ne seguiranno e che io andrò lì per assaporarli.

 

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Luca Mastracci, il Pupillo della pizza

    Conosco Luca da anni, da quando lavorava al Mercato Centrale. Ho mangiato più volte la sua pizza. E’ una sicurezza…

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…