Non voglio apparire saccente, preziosa o elitaria ma lo apparirò.
Io non mi vendo.
Ora, capisco che un titolo simile potrebbe essere fuorviante soprattutto se associato a una foto che ritrae vari centimetri delle mie cosce (avvolte in delle modaiole calze a rete, per giunta) ma la verità è che non tutti i giornalisti scrivono e raccontano solo di fatti belli e prodotti gustosi come invece farò io questa sera. No.
Alcuni potremmo definirli un po’ facili, volteggiano da un evento all’altro, guizzano e strizzano l’occhio a destra e manca, si emozionano a comando e consigliano qualunque locale, alimento e situazione gli venga suggerito insomma, per farvela breve, fanno più marchette delle signorine arzille che girano sulla Salaria (nota strada romana famosa per la presenza di prostitute).
Io no.

Per questo e per basilari motivazioni legate alla mancanza di tempo mi sono imposta di selezionare accuratamente gli eventi a cui partecipo.

Solitamente, nella scelta, vado a istinto. Se la situazione supera la prova “sensazione a pelle” allora apro l’agenda e cerco di capire se l’istinto può avere uno sfogo concreto e trasformarsi in impegno. Se così è, allora via libera alla serata.
Sì perché il 90% degli eventi avvengono di sera. Come questo di cui vi parlerò, uno di quelli a cui ho partecipato in qualità di “blogger” – “giornalista” – ”vicedirettore editoriale” – ”e poi te lamenti pure che non hai una vita e dove lo trovi il tempo di vivere con tutti sti lavori?”

L’occasione era speciale, un incontro di sapori forti ed elitari: vodka e caviale e per la precisione Vodka Russian Standard e caviale Calvisius.

In prima fila, davanti a una sorridente stangona russa che ci illustrava a dovere le caratteristiche delle cinque vodka in degustazione, ho appreso varie notizie sul distillato trasparente venuto dal freddo che ignoravo beatamente fino a quel momento, è stata una serata inebriante e istruttiva.
Intanto sappiate che la Vodka Russian Standard è la vodka russa più distribuita nel mondo (in ben 98 paesi) ed è tra i pochi prodotti ad avere ottenuto il riconoscimento ufficiale di Vodka Originale Russa concesso proprio dal Governo Federale; ho appreso che “vodka” significa “acqua della vita” perché ancor prima che fosse scoperta la penicillina la vodka era l’unica medicina utilizzabile in Russia e che le migliori vodka sono prodotte con solo grano.
Abbiamo avuto modo di degustare Russian standard original, Russian standard gold (la vodka che i russi bevono sotto Natale), Russian standard platinum, Imperia vodka e Kauffman vodka (definibile come il limoncello russo).
Dopo un primo sorso di ogni tipologia, per poterne apprezzare i sentori, abbiamo associato al distillato il caviale, perché – forse voi non lo saprete – ma il gusto salato e grasso del caviale si sposa perfettamente con la vodka. Il caviale era italiano, il Calvisius Siberian, una delle prelibatezze più raffinate della gastronomia mondiale, prodotto a Calvisano, un caratteristico paese della pianura bresciana.

Per poter godere appieno dell’accostamento ci è stato consigliato di scaldare un poco il caviale spalmandone un cucchiaino sulla mano (segue foto esplicativa) e poi leccarlo via bevendoci su un sorso di vodka.

E’ stato così che ho preso una manciata di quelle piccole perle nere, le ho stese morbidamente sul dorso della mia mano, le ho avvicinate alla bocca succhiandole via e leccandone il residuo e le ho annaffiate di vodka, lasciando che il liquido incolore scivolasse giù per la trachea fino a spandere i suoi vapori e inebriarmi definitivamente.
Inutile dirvi che oramai saranno da me banditi cucchiaini di plastica e di madreperla (gli unici utilizzabili per mangiare caviale, visto che quelli di acciaio generano ossidazione) e mangerò caviale solo leccandolo dal dorso della mia mano?

Nàima Tomaselli

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Guida semiseria su cosa non ordinare mai al ristorante al primo appuntamento

    Dall’alto delle mie continue e proficue (nonché goderecce) scorribande culinarie una breve guida mi sento di scriverla; la guida dei piatti da non ordinare mai al primo appuntamento…

  • Ornelli Black Angus – La steakhouse all’Esquilino

    Nel pieno centro di Roma, dove per anni e anni c’è stata l’attività di famiglia, Nicola Ornelli ha creato una steakhouse sui generis. Sì perché da Ornelli Black Angus si mangia…

  • Fotografia, industria e lavoro a Bologna. Tema? FOOD!

    Dal 14 Ottobre Bologna si è tinta di… FOOD e lo rimarrà fino a fine Novembre; undici mostre in giro per la città allietano i curiosi che amano il tema Food visto in una chiave totalmente nuova e inaspettata. Dal MAST parte una mostra…

  • IL CELLULARE A TAVOLA. REGOLE PRATICHE, CATEGORIE CAFONE, COME SMASCHERARLE (E PUNIRLE)

    Oggi le persone scattano spesso foto a quello che mangiano, prendono spesso in mano il telefono durante una cena per controllarne le notifiche, oggi che tutto questo è divenuto parte del quotidiano sociale io voglio fare un passo indietro…

  • THE FISHERMAN BURGER

    The Fisherman Burger, in zona Piazza Bologna, regala delizie di pesce per tutti i gusti e tutte le tasche, che promette di sfamare, ingolosire e soddisfare…

  • Luca Mastracci, il Pupillo della pizza

    Conosco Luca da anni, da quando lavorava al Mercato Centrale. Ho mangiato più volte la sua pizza. E’ una sicurezza…

  • Guida semiseria ai cibi da evitare al primo appuntamento

    Di guide su cosa fare/dove andare/come vestirsi/come comportarsi in occasione del primo appuntamento con un uomo ne è pieno l’Etere e pure l’Internet. Non sarò quindi certo io a darvi consigli in merito. Però una breve guida mi sento di scriverla: la guida dei piatti da non ordinare mai al primo appuntamento…

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…