Non voglio apparire saccente, preziosa o elitaria ma lo apparirò.
Io non mi vendo.
Ora, capisco che un titolo simile potrebbe essere fuorviante soprattutto se associato a una foto che ritrae vari centimetri delle mie cosce (avvolte in delle modaiole calze a rete, per giunta) ma la verità è che non tutti i giornalisti scrivono e raccontano solo di fatti belli e prodotti gustosi come invece farò io questa sera. No.
Alcuni potremmo definirli un po’ facili, volteggiano da un evento all’altro, guizzano e strizzano l’occhio a destra e manca, si emozionano a comando e consigliano qualunque locale, alimento e situazione gli venga suggerito insomma, per farvela breve, fanno più marchette delle signorine arzille che girano sulla Salaria (nota strada romana famosa per la presenza di prostitute).
Io no.

Per questo e per basilari motivazioni legate alla mancanza di tempo mi sono imposta di selezionare accuratamente gli eventi a cui partecipo.

Solitamente, nella scelta, vado a istinto. Se la situazione supera la prova “sensazione a pelle” allora apro l’agenda e cerco di capire se l’istinto può avere uno sfogo concreto e trasformarsi in impegno. Se così è, allora via libera alla serata.
Sì perché il 90% degli eventi avvengono di sera. Come questo di cui vi parlerò, uno di quelli a cui ho partecipato in qualità di “blogger” – “giornalista” – ”vicedirettore editoriale” – ”e poi te lamenti pure che non hai una vita e dove lo trovi il tempo di vivere con tutti sti lavori?”

L’occasione era speciale, un incontro di sapori forti ed elitari: vodka e caviale e per la precisione Vodka Russian Standard e caviale Calvisius.

In prima fila, davanti a una sorridente stangona russa che ci illustrava a dovere le caratteristiche delle cinque vodka in degustazione, ho appreso varie notizie sul distillato trasparente venuto dal freddo che ignoravo beatamente fino a quel momento, è stata una serata inebriante e istruttiva.
Intanto sappiate che la Vodka Russian Standard è la vodka russa più distribuita nel mondo (in ben 98 paesi) ed è tra i pochi prodotti ad avere ottenuto il riconoscimento ufficiale di Vodka Originale Russa concesso proprio dal Governo Federale; ho appreso che “vodka” significa “acqua della vita” perché ancor prima che fosse scoperta la penicillina la vodka era l’unica medicina utilizzabile in Russia e che le migliori vodka sono prodotte con solo grano.
Abbiamo avuto modo di degustare Russian standard original, Russian standard gold (la vodka che i russi bevono sotto Natale), Russian standard platinum, Imperia vodka e Kauffman vodka (definibile come il limoncello russo).
Dopo un primo sorso di ogni tipologia, per poterne apprezzare i sentori, abbiamo associato al distillato il caviale, perché – forse voi non lo saprete – ma il gusto salato e grasso del caviale si sposa perfettamente con la vodka. Il caviale era italiano, il Calvisius Siberian, una delle prelibatezze più raffinate della gastronomia mondiale, prodotto a Calvisano, un caratteristico paese della pianura bresciana.

Per poter godere appieno dell’accostamento ci è stato consigliato di scaldare un poco il caviale spalmandone un cucchiaino sulla mano (segue foto esplicativa) e poi leccarlo via bevendoci su un sorso di vodka.

E’ stato così che ho preso una manciata di quelle piccole perle nere, le ho stese morbidamente sul dorso della mia mano, le ho avvicinate alla bocca succhiandole via e leccandone il residuo e le ho annaffiate di vodka, lasciando che il liquido incolore scivolasse giù per la trachea fino a spandere i suoi vapori e inebriarmi definitivamente.
Inutile dirvi che oramai saranno da me banditi cucchiaini di plastica e di madreperla (gli unici utilizzabili per mangiare caviale, visto che quelli di acciaio generano ossidazione) e mangerò caviale solo leccandolo dal dorso della mia mano?

Nàima Tomaselli

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.

  • Quando l’arte nutre l’anima – World Press Photo 2019

    Fotografia dopo fotografia, sala dopo sala, mi nutro del bello ma molto più spesso dell’orrido del mondo, dello scioccante, del pauroso, del desolante spettacolo che siamo noi, esseri umani e che facciamo noi, del mondo che ci circonda e che crediamo, sciocchi Dei in Terra, di governare…

  • Ti trovo dimagrita…

    Oggi ho deciso di scrivere un pezzo di “aiuto al maschio” per parlare di uno dei più grandi impasse in cui si ritrovano gli uomini nei rapporti di coppia con l’altro sesso: le liti, che spesso iniziano con un:
    – “amore, cos’hai?”
    – “niente…”

  • Di buona critica e altri disastri…

    Noi di Cavolo Verde non pubblichiamo recensioni negative per il semplice fatto che abbiamo scelto di rispettare il lavoro di ognuno, dietro ogni impresa ci sono persone, posti di lavoro, ci auguriamo anche passione, dedizione e serietà per cui vogliamo rispettare il buono e il sano di ogni esperienza ed evitare di salire in cattedra. Ma, c’è un “ma”.

  • Vodka, Caviale (e cosce)

    Non voglio apparire saccente, preziosa o elitaria ma lo apparirò.
    Io non mi vendo.
    Ora, capisco che un titolo simile potrebbe essere fuorviante soprattutto se associato a una foto che ritrae vari centimetri delle mie cosce…

  • AMICHE, APERITIVI E CATEGORIE UMANE (seconda parte)

    Prosegue la carrellata di soggetti – uomini e/o donne – che caratterizzano il panorama sociale nostrano, che ci ricordano come “i migliori so’ presi”, che “se era sano se lo teneva quella de prima” e via discorrendo.

  • AMICHE, APERITIVI E CATEGORIE UMANE (Prima Parte)

    Immaginatevi tre donne in età da marito.
    Immaginatele senza, un marito.
    Tra piatti veg, finger food e cocktails variopinti finiscono per generalizzare, categorizzare e infilare uomini (e donne) in caselle che calzano a pennello…

  • Gli chef nascono in cucina

    Inevitabile chiedersi se questi uomini, questi artisti che hanno scoperto la cucina e la passione per essa tanti anni fa, che hanno lavorato, sudato e faticato per portarla avanti, per farla crescere e crescere con lei si riconoscano in quello che fanno, oggi, oggi che il marketing li compra con “poco” perché tutti noi abbiamo un prezzo (dicono) e pecunia non olet (ari-dicono).

  • “La verità, vi prego, sui locali romani!” Quando tra il buono e il davvero buono, a volte, c’è lo spazio per una fregatura.
  • Metti una sera a cena a magna’ romano all’Osteria Fratelli Mori
  • Kitchen Confidential – Avventure Gastronomiche a New York
  • Io mangio da sola – Storie di bondage culinari tra me e il cibo