“Le grandi idee arrivano nel mondo con la dolcezza delle colombe. Forse, se ascoltiamo bene, udiremo tra il frastuono degli imperi e delle nazioni, un debole frullìo d’ali. Il dolce fremito della vita e della speranza.”

(Albert Camus)

 

 

Come inizio direi non male, il ricordo delle parole scritte sul fremito della vita da un grande scrittore come Camus. 

É in arrivo la Pasqua, anche in quest’anno certamente alquanto diverso da quelli trascorsi. Una Pasqua 2020 diversa dal solito rito primaverile tra il religioso risorgere e il profano agnello al forno e colomba al seguito. E se il primo quest’anno sarà molto difficile mangiarlo in allegra compagnia su un prato fiorito e assolato, data la tragedia virale, la seconda, la colomba, potremo trovarla in mille modi proposta negli Iper, che nonostante tutto rimangono aperti. Normale, farcita, artigianale, al burro o all’e.v.o. e chi più ne ha più ne metta. 

Ma qui sul Cavoloverde,come sempre cerco di fare, vorrei raccontarvi qualche storia sul come nacque la Colomba che oggi rallegra le Pasque dalla parte del dolce.

Inizio con un po’ di leggenda. 

Anche la Colomba, mettiamola in maiuscolo così per non confonderla con bianco volatile, ha, come il Panettone, le proprie leggende a cui far ricorso per darsi toni nobili.

Una delle più antiche fa risalire il dolce a forma di volatile all’assedio di Pavia del VI secolo d.c., assedio che ebbe come primo attore in armi il re Alboino, siamo in periodo Longobardo. Ad Alboino, in segno di pace, fu offerto un dolce a forma di Colomba che qualcuno afferma poi divenne dolce rinomato in quelle terre. Vero? Falso? Difficile dirlo.

Ma anni dopo furono Teodolinda e San Colombano – in nomen omen – a definire la venuta alla luce della dolce Colomba pasquale. Era il 612 d.c. e il santo abate Colombano, santo irlandese, arrivò in Italia con molti dei suo monaci al seguito. Fu accolto con grandi onori dalla regina longobarda Teodolinda che in suo onore organizzò un grande pranzo con decine di volatili ben arrostiti, molta cacciagione e litri di buon vino. Ma il Santo Colombano rifiutò tali leccornie e disse che, visto il periodo di quaresima, non potevano i suoi monaci, e lui stesso, super santo in vita, abbuffarsi di carne, a patto che questa carne non venisse da lui stesso benedetta.

Così fu. Il santo alzò la mano benedicente ed ecco avverarsi il miracolo: tutti gli uccelli arrostiti alla tavola si trasformarono,sotto gli occhi stupiti e spalancati della bella Teodolinda, in bianchi pani di farina e mandorle a forma di colombe. Erano nate le Colombe Pasquali. 

Ma anche in questo caso la domanda sorge spontanea: verità o bufala antica? Probabile la seconda.

Ma allora quale sarà la storia vera che ha dato vita a questo dolce? 

Bisogna arrivare ai primi del Novecento per capire come nacque la Colomba e arrivare ad un nome che a me, come mantovano, è particolarmente caro. Si tratta dell’artista, scrittore e giornalista Dino Villani che nacque a Nogara (VR) , ma che all’età di 8 anni si trasferì con la sua famiglia a Suzzara, provincia di Mantova e lì visse sin dopo i suoi trent’anni. Perciò una giovinezza e prima maturità tutte mantovane-suzzaresi. Villani si trasferì poi a Milano, ma non dimenticò mai la sua Suzzara. A Milano creò quella che oggi è una fiorente attività creativa: l’agenzia di Pubblicità Moderna, fatta di slogan e idee per promuovere i prodotti. 

Tra questi, lavorando in quegli anni anche alla Motta, Dino Villani ebbe l’idea di protrarre la lavorazione dei Panettoni oltre la stagione natalizia, per non lasciare le macchine ferme troppi mesi. Usando lo stesso impasto del Panettone modellò la forma che oggi tutti conosciamo e nacque così, nel 1944 l’attuale Colomba che tutti oggi conosciamo come dolce pasquale. Pochi anni dopo a Dino Villani e a Cesare Zavattini si dovrà la nascita del famoso concorso di bellezza Miss Italia. 

Quest’anno epidemico purtroppo la Colomba volerà un po’ bassa, ma avrà modo comunque di rallegrare e rasserenare animi provati, quindi… buona Pasqua e buona Colomba a tutti. 

  • Articoli
Vive in Austria, a Vienna, dal 2014. Studia, scrive e collabora con le sue “ragazze ronzanti” che volano e producono mieli nelle foreste viennesi. Api-cultore, mielosofo, amante della Sapienza applicata al cibo. Libero pensatore nato a Mantova nel secolo scorso. Dice di se: “Vengo… non so da dove. Sono… non so chi. Muoio… non so quando. Vado…non so dove. Mi stupisco di essere lieto.
  • È una questione di… pelle

    Ogni albero ha la sua tipica pelle che dipende dalla sua… pigrizia. Sì, avete letto bene, dalla sua pigrizia…

  • Il veleno che fa bene

    Oltre al dolore e al prurito, in una puntura d’ape vi è molto di più…

  • Quando la pappa è… reale!

    Da dove deriva e a cosa serve la pappa reale? Prima cosa da dire è che la pappa reale è un vero e proprio prodotto animale dell’alveare, mentre la grande maggioranza degli altri prodotti delle api invece è strettamente da annoverare nei prodotti vegetali…

  • FACEVA IL PALO NELLA BANDA DELL’ORTICA

    Alimurgia: ovvero raccogliere e cibarsi di erbe spontanee, selvatiche, che possono essere mangiate e, cosa non meno importante, erbe che possono essere utilissime dal punto di vista salutistico…

  • Anche il “pegano” dice la sua: una nuova dieta all’orizzonte

    La dieta ha un nome strano che ricorda un po’ gli infedeli, i cavalli alati e le abbuffate di seitan: Dieta Pegana.
    La Dieta che mette insieme fuoco e acqua; carne e proteine unite ai sacri dogmi del veganesimo…

  • OHH… LIVE – L’olio nutraceutico

    Il termine nutraceutica è composto dai due sostantivi: nutrizione e farmaceutica. Nutrire curando con la prevenzione.
    La parola può essere riferita a varie tipologie di prodotti e tra questi rientra proprio l’olio da olive e.v…

  • I pipistrelli non si mangiano

    I pipistrelli. Mammiferi straordinari. Sono le palestre naturali in cui molti virus rimangono per anni ad allenarsi. Perché? Perché questi piccoli chirotteri hanno una particolarità straordinaria che a nessun altro essere vivente a sangue caldo è stata concessa: hanno un sistema immunitario spaventosamente efficiente. Loro, piccoli topi volanti, non si ammalano mai, pur ospitando virus terribili…

  • Oro e cioccolato, le due facce dell’uovo pasquale

    L’uovo di cioccolato quando, come e dove è nato?

  • La colomba… il dolce mette le ali

    Qui su Cavolo Verde, come sempre cerco di fare, vorrei raccontarvi qualche storia sul come nacque la Colomba che oggi rallegra le Pasque dalla parte del dolce…

  • I nemici dei virus stanno anche nelle nostre scelte alimentari

    Virus, dal latino. Significa veleno. Un veleno invisibile e perciò temibile. Ma qualcuno questi virus, che girano per il mondo facendo i loro interessi di specie, li vede benissimo. Sono i nostri amici del sistema immunitario, il nostro esercito interno che combatte ogni giorno per noi battaglie silenziose, di cui noi percepiamo spesso solo echi lontani

  • REPETITA IUVANT. Di mieli, semplicemente…

    Parliamo di mieli scrivendo righe di facile accesso senza scadere nella banalità dell’approssimativo e cercando di ripetere concetti e notizie utili nelle esplorazioni alla scoperta del buono, sano e onesto come direbbe qualcuno che ha fatto scuola in questo senso…

  • Carnevale: La carne è tolta? E pesce sia

    In attesa delle ricette, che fioriranno su ogni rivista o giornale che abbia qualche intenzione di proporre cultura del cibo, forse vale la pena ricordare alcune premesse storiche di questa festa che ci fa “rimettere in carne” prima del periodo quaresimale, dove saranno le regole dietetiche a dettare legge, imponendo l’astensione dalla carne e la sobrietà…

  • Vanillekipferl, il dolce Natale viennese

    Il croissant (letteralmente “crescente”) è un dolce austriaco. Non stupitevi, è così, e tra un po’ capirete perché e anche come sia strettamente collegato ai Vanillekipferl…

  • RED-ATTORI DEL CAVOLO

    Oggi vorrei raccontarvi di due bellissime iniziative, promosse a Vienna gli scorsi giorni, e che hanno avuto come protagonisti proprio alcuni redattori del Cavolo Verde. Iniziative importanti e belle…

  • Mutuo appoggio: l’Evoluzione

    Forse pochi di voi hanno potuto vedere dal vivo una Gunnera Manicata. Una pianta dalle foglie gigantesche, che arrivano a diametri di 140 centimetri e con picciolo di 4 metri. Nella foto a corredo si può vederla a confronto con una normale bicicletta…

  • IL MUTUO APPOGGIO

    Eravamo rimasti alla mitica e ingenua frase del pesce grande che mangia il piccolo, ricordate? Una delle false affermazioni di un errato punto di vista della teoria dell’Evoluzione della specie che Darwin elaborò. Ma affermazione che sembra immortale e che sta alla base di miliardi di pensieri umani che vanno in quella stupida direzione…

  • Le relazioni naturali o del come spargere falsità che poi girano… girano… – Prima Parte

    Oramai, e sarà sempre più così in futuro, la comunità degli Homo Sapiens si concentra perlopiù nelle città, luoghi dove in effetti spesso è la criminalità organizzata a dominare zone e quartieri. Proprio in queste realtà e condizioni prospera una filosofia imbecille, una falsità pura…

  • Nella vita per molte cose bisogna avere naso, e le api… ce l’hanno – quarta parte

    Vi voglio raccontare un esperimento che lasciò stupiti gli stessi ricercatori del gruppo di Randolf Menzel, Neurobiologo e Zoologo di fama mondiale…

  • Profumo di casa – Terza parte

    Eravamo rimasti che le api usano il loro incredibile olfatto anche dentro l’alveare…

  • Parliamo dell’olfatto delle api – seconda parte

    Come abbiamo potuto constatare la scorsa settimana, le api hanno un olfatto molto sensibile, degno di Cyrano de Bergerac…

  • L’ape, uno straordinario naso alla Cyranó – prima parte

    Oggi rimango sull’ape e su un aspetto che coinvolge anche coloro i quali le api seguono e curano: gli apicoltori. Quelli che mettono mano e pensieri dentro la vita dei super organismi sciame aprendo alveari…

  • C’È COSCIA E COSCIA OVVERO DEL PROSCIUTTO SENZA LE ALI

    È una questione di cosce… Ma non alla Silvana Mangano, quella era cultura popolare e cinematografica. Quelle che oggi sono sulle prime pagine della cronaca delle cialtronerie italiche in campo di cibo sono cosce maialesche. Quelle suine…

  • Greta: ovvero del clima a risoluzione vegetale
  • Del mais, della carne, del latte e dell’erba

    Una domanda nasce spontanea: perché uno splendido animale da latte come la vacca, ma in parte la stessa cosa vale per altri animali da latte, deve essere alimentato con mais o mangimi dalla complessa e spesso sconosciuta composizione?

  • Zagare a Vienna

    Bruno ha scritto questo libro – Zitrone – che fa seguito ad un’altra sua precedente creatura editoriale dedicata ai carciofi, altra verdura che nessuno immaginerebbe venga coltivata con grande successo proprio a pochi chilometri da Vienna.

  • “QUESTIONE DI CARATTERE”, DISSE LA QUERCIA AL TIGLIO

    Si tratta di rispondere alla domanda: gli alberi, che sempre più negli ultimi anni – grazie agli studi di neurobiologia vegetale – impariamo a conoscere, hanno anche un carattere? Sì, intendo proprio un carattere individuale, una personalità, un’indole come possiamo ritrovare anche tra noi umani.

  • In ricordo di Giancarlo Bini

    Pochi giorni fa Giancarlo ha intrapreso il suo ultimo viaggio e noi amanti dell’olio evo, sangue verde degli ulivi, siamo oggi rimasti più soli nell’uliveto della vita, che lui seppe far conoscere e far amare a molti di noi. Un amico e un Maestro, questo era per me Giancarlo.

  • Di umani, di alberi e di api e di fiori… nascosti

    L’eucalipto è il miele che molti definiscono “normale”, il miele di tutti i giorni, a volte erroneamente considerato un miele di poco pregio perché molto comune.

  • Gli orsi con le foglie

    Ma esattamente cosa accade ai nostri amici e fratelli “esseri vegetali viventi” in questo periodo dell’anno? Cosa dovremmo tutti sapere su questo aspetto della “povera foglia frale” che lungi dal proprio ramo va, come diceva Leopardi?

  • Il Sapore del Sapere: “Rispettando grado, priorità, rango, stabilità, tempo, forma, dovere e fedeltà”