Eccomi a voi di nuovo, cari amici, per parlare di alcune peculiarità degli esseri vegetali viventi, in particolare degli alberi, che sono scarsamente conosciute, ma che una volta sapute sono certo vi faranno guardare un viale alberato cittadino di platani, tigli o aceri in modo completamente diverso da come avevate fatto sino a ieri.

Peter Wohlleben, uno dei più grandi esperti al mondo di alberi e foreste, chiama gli alberi giovani che ornano e abbelliscono i viali di una qualsiasi città nei nostri climi temperati “ragazzi vegetali di strada”. Proprio ad indicare come molti di questi alberi siano proprio quasi sempre dei “malati mentali vegetali”; immaturi e infantili anche quando abbiano raggiunto 30 o 50 anni di età, età che comunque per certe specie è ancora un’età veramente infantile, avendo i secoli come riferimento temporale – vedi faggi, querce, olmi, platani ecc.
Queste tipologie di piante hanno tutte estremo bisogno di piante nutrici, piante adulte che li possano far crescere ed educare in una comunità. Questa comunità si chiama bosco e solo nel bosco questi giovani alberi diciamo “sociali” trovano una sorta di affetto vegetale, cure e attenzioni da parte di altri alberi -patriarchi e matriarche – che li fanno crescere sani fisicamente e mentalmente.

Questo per quanto è stato dimostrato dalla neurobiologia vegetale, cioè che possano esistere menti vegetali sane ma anche menti vegetali malate e immature.

Questo processo educativo arboreo non accade mai nelle nostre città trafficate e asfaltate , dove la vita di queste specie arboree lungo un viale è veramente durissima. Per decine di motivi che vanno dalla compromessa crescita delle radici, in terra spesso dura e tra tubi di ogni tipo, e infine alla mancanza di loro simili adulti nelle vicinanze, cioè piante adulte di 100-200 anni con cui scambiare informazioni e ricevere cibo e protezione. Per questo la loro vita è quasi sempre una vita malata e breve, triste infine.

Ma oggi non vorrei soffermarmi su questi essere vegetali viventi ingabbiati in un viale di città a soffrire, ma sui loro simili verdi che se ne fregano della vita in comunità e che invece hanno una fretta matta di crescere, bruciando deliberatamente tempo e vita ma sempre e solo in solitudine. Cosa che permette loro grande diffusione nei territori e completo disinteresse verso comunità vegetali di loro simili che siano boschi o foreste.
Sono piante che fanno volare leggeri i loro semi molto lontano, usando i venti e le tempeste e quando questi semi atterrano in una zona arsa, brulla, desertica, hanno dalla loro l’arma vincente: la velocità di crescita e nessun bisogno di altri alberi della loro specie che facciano da tutori e insegnanti di vita.

Sono le cosiddette piante pioniere, che arrivano dove il bosco non esiste e lì bruciano rapidamente la loro esistenza nell’arco di 30-40 anni e poi schiattano.

Muoiono tra i funghi che le divorano e tempeste che le abbattono avendo i loro legni deboli, cresciuti in fretta e pieni di bolle d’aria. Questo dopo aver bruciato una quantità di energia immensa e recuperata dal sole, infine giocata tutta in pochi decenni di vita “spericolata”. Chi sono questi guerrieri vegetali solitari, così individualisti, spavaldi e veloci?

Tra questi per prima troviamo una pianta, un albero, molto amato dai giardinieri e dai poeti: la betulla.
La betulla brucia la sua vita in pochi decenni ed è una pianta pioniera dalla crescita velocissima e che usa strategie incredibili per difendersi da animali erbivori predatori, producendo una corteccia dura, secca e impregnata di oli immangiabili ed avendo poi nella sua corteccia la produzione di una sostanza bianca chiamata betullina, quella che colora di bianco i suoi tronchi e che la difende dal sole estivo bruciante usando appunto la sua tinta bianca che, si sa, è colore poco affine ai raggi solari che amano surriscaldare il nero. Questo principio attivo dal nome gentile “betullina” ha anche una potente azione antivirale e antibatterica, tanto da venir usata in farmacopea per produrre farmaci che curano malattie della nostra pelle umana. Eccola così la nostra betulla solitaria pronta alla conquista di nuovi territori senza bisogno di avere né amici, né aiutanti e né genitori protettivi.

Altra pianta che brucia la propria vita in pochi decenni e senza aiuti da altri vegetali imparentati è il pioppo tremulo dalle foglie argentate.

Si chiama tremulo proprio per il lungo peduncolo che fa ballare al vento le sue foglie che producono un suono particolare. In genere lo si pensa come una pianta timida che trema di paura come le sue foglie, ma è invece vero il contrario.
Siamo di fronte ad un guerriero dalla potenza energetica straordinaria le cui tremule foglie hanno la straordinaria capacità di effettuare la fotosintesi su tutti e due i lati della foglia e questo permette loro di produrre una quantità esagerata di energia e far crescere così questa pianta anche più velocemente delle stesse betulle, occupando grandi territori e riuscendo a diffondere le proprie radici con grande rapidità. Da queste poi nasceranno nel tempo cespugli che diverranno alberi futuri che potranno trovarsi anche molto distanti dalla pianta madre. Negli USA – nello Stato dello Utah – è stato studiato un pioppo tremulo, primigenio e poi morto,che nel corso di migliaia di anni si era espanso su una superficie di oltre 400.000 metri quadrati, dando vita a circa 40.000 nuovi fusti di pioppo. Incredibile vero?

Comunque tutto questo dispendio energetico nella crescita velocissima ha un prezzo molto alto: la vita breve sia dei singoli pioppi tremuli che delle betulle che finisce per esaurimento di energie bruciate in fretta. La pianta giunta a 30-40 anni non riesce più a nutrire i propri germogli che si diradano, creando zone assolate ai propri piedi che danno in questo modo energia a piante più lente – faggi, abeti bianchi, carpini – che in pochi anni soppianteranno in altezza gli scarsi 25 metri delle betulle e dei pioppi, decretandone la morte per mancanza di luce.

Bella storia vero? Chi troppo in fretta vuole infine nulla stringe!

Che poi non è così vero, perche il risultato finale è un successo nella diffusione vasta di queste specie di piante pioniere e infine la diffusione del bosco vero e proprio fatto di alberi centenari che le soppiantano. Ora chiudo il mio scritto, ma immagino che d’ora in poi guardare un pioppo, una betulla o un platano nevrotico in un viale di città non sarà più per voi tutti che mi avete letto sino a qui come era sino a ieri, e forse vi scapperà una carezza regalata alla corteccia di un platano triste del viale, uno di questi “ragazzi vegetali di strada” perenni infanti, o magari riuscirete a dare anche una pacca amichevole sulla pelle bianca della gioventù bruciata di una betulla o di un pioppo tremulo.

 

Photo by Romain Le Teuff on Unsplash

  • Articoli
Vive in Austria, a Vienna, dal 2014. Studia, scrive e collabora con le sue “ragazze ronzanti” che volano e producono mieli nelle foreste viennesi. Api-cultore, mielosofo, amante della Sapienza applicata al cibo. Libero pensatore nato a Mantova nel secolo scorso. Dice di se: “Vengo… non so da dove. Sono… non so chi. Muoio… non so quando. Vado…non so dove. Mi stupisco di essere lieto.
  • Caro lei! Caro te!

    Ebbene sì le prime carote, nate 5000 anni fa in Afghanistan e colà per le prime volte coltivate, erano viola e in qualche caso gialle, ma non certo color arancio…

  • Passeggiare nei boschi è un bagno di salute
  • Tre sorelle e un diverso carattere vegetale
  • IL SONNO DEL… FUSTO

    Il riposo invernale degli esseri vegetali viventi è – a tutti gli effetti – paragonabile ad un vero sonno umano e come accade anche a noi umani, se le piante e gli alberi venissero privati del sonno invernale si ammalerebbero e si ammalerebbero così gravemente da morirne…

  • GIOVENTÙ BRUCIATA VEGETALE

    Peter Wohlleben chiama gli alberi giovani che ornano e abbelliscono i viali di una qualsiasi città nei nostri climi temperati “ragazzi vegetali di strada” proprio ad indicare come molti di questi alberi siano proprio quasi sempre dei “malati mentali vegetali”; immaturi e infantili anche quando abbiano raggiunto 30 o 50 anni di età…

  • È una questione di… pelle

    Ogni albero ha la sua tipica pelle che dipende dalla sua… pigrizia. Sì, avete letto bene, dalla sua pigrizia…

  • Il veleno che fa bene

    Oltre al dolore e al prurito, in una puntura d’ape vi è molto di più…

  • Quando la pappa è… reale!

    Da dove deriva e a cosa serve la pappa reale? Prima cosa da dire è che la pappa reale è un vero e proprio prodotto animale dell’alveare, mentre la grande maggioranza degli altri prodotti delle api invece è strettamente da annoverare nei prodotti vegetali…

  • FACEVA IL PALO NELLA BANDA DELL’ORTICA

    Alimurgia: ovvero raccogliere e cibarsi di erbe spontanee, selvatiche, che possono essere mangiate e, cosa non meno importante, erbe che possono essere utilissime dal punto di vista salutistico…

  • Anche il “pegano” dice la sua: una nuova dieta all’orizzonte

    La dieta ha un nome strano che ricorda un po’ gli infedeli, i cavalli alati e le abbuffate di seitan: Dieta Pegana.
    La Dieta che mette insieme fuoco e acqua; carne e proteine unite ai sacri dogmi del veganesimo…

  • OHH… LIVE – L’olio nutraceutico

    Il termine nutraceutica è composto dai due sostantivi: nutrizione e farmaceutica. Nutrire curando con la prevenzione.
    La parola può essere riferita a varie tipologie di prodotti e tra questi rientra proprio l’olio da olive e.v…

  • I pipistrelli non si mangiano

    I pipistrelli. Mammiferi straordinari. Sono le palestre naturali in cui molti virus rimangono per anni ad allenarsi. Perché? Perché questi piccoli chirotteri hanno una particolarità straordinaria che a nessun altro essere vivente a sangue caldo è stata concessa: hanno un sistema immunitario spaventosamente efficiente. Loro, piccoli topi volanti, non si ammalano mai, pur ospitando virus terribili…

  • Oro e cioccolato, le due facce dell’uovo pasquale

    L’uovo di cioccolato quando, come e dove è nato?

  • La colomba… il dolce mette le ali

    Qui su Cavolo Verde, come sempre cerco di fare, vorrei raccontarvi qualche storia sul come nacque la Colomba che oggi rallegra le Pasque dalla parte del dolce…

  • I nemici dei virus stanno anche nelle nostre scelte alimentari

    Virus, dal latino. Significa veleno. Un veleno invisibile e perciò temibile. Ma qualcuno questi virus, che girano per il mondo facendo i loro interessi di specie, li vede benissimo. Sono i nostri amici del sistema immunitario, il nostro esercito interno che combatte ogni giorno per noi battaglie silenziose, di cui noi percepiamo spesso solo echi lontani

  • REPETITA IUVANT. Di mieli, semplicemente…

    Parliamo di mieli scrivendo righe di facile accesso senza scadere nella banalità dell’approssimativo e cercando di ripetere concetti e notizie utili nelle esplorazioni alla scoperta del buono, sano e onesto come direbbe qualcuno che ha fatto scuola in questo senso…

  • Carnevale: La carne è tolta? E pesce sia

    In attesa delle ricette, che fioriranno su ogni rivista o giornale che abbia qualche intenzione di proporre cultura del cibo, forse vale la pena ricordare alcune premesse storiche di questa festa che ci fa “rimettere in carne” prima del periodo quaresimale, dove saranno le regole dietetiche a dettare legge, imponendo l’astensione dalla carne e la sobrietà…

  • Vanillekipferl, il dolce Natale viennese

    Il croissant (letteralmente “crescente”) è un dolce austriaco. Non stupitevi, è così, e tra un po’ capirete perché e anche come sia strettamente collegato ai Vanillekipferl…

  • RED-ATTORI DEL CAVOLO

    Oggi vorrei raccontarvi di due bellissime iniziative, promosse a Vienna gli scorsi giorni, e che hanno avuto come protagonisti proprio alcuni redattori del Cavolo Verde. Iniziative importanti e belle…

  • Mutuo appoggio: l’Evoluzione

    Forse pochi di voi hanno potuto vedere dal vivo una Gunnera Manicata. Una pianta dalle foglie gigantesche, che arrivano a diametri di 140 centimetri e con picciolo di 4 metri. Nella foto a corredo si può vederla a confronto con una normale bicicletta…

  • IL MUTUO APPOGGIO

    Eravamo rimasti alla mitica e ingenua frase del pesce grande che mangia il piccolo, ricordate? Una delle false affermazioni di un errato punto di vista della teoria dell’Evoluzione della specie che Darwin elaborò. Ma affermazione che sembra immortale e che sta alla base di miliardi di pensieri umani che vanno in quella stupida direzione…

  • Le relazioni naturali o del come spargere falsità che poi girano… girano… – Prima Parte

    Oramai, e sarà sempre più così in futuro, la comunità degli Homo Sapiens si concentra perlopiù nelle città, luoghi dove in effetti spesso è la criminalità organizzata a dominare zone e quartieri. Proprio in queste realtà e condizioni prospera una filosofia imbecille, una falsità pura…

  • Nella vita per molte cose bisogna avere naso, e le api… ce l’hanno – quarta parte

    Vi voglio raccontare un esperimento che lasciò stupiti gli stessi ricercatori del gruppo di Randolf Menzel, Neurobiologo e Zoologo di fama mondiale…

  • Profumo di casa – Terza parte

    Eravamo rimasti che le api usano il loro incredibile olfatto anche dentro l’alveare…

  • Parliamo dell’olfatto delle api – seconda parte

    Come abbiamo potuto constatare la scorsa settimana, le api hanno un olfatto molto sensibile, degno di Cyrano de Bergerac…

  • L’ape, uno straordinario naso alla Cyranó – prima parte

    Oggi rimango sull’ape e su un aspetto che coinvolge anche coloro i quali le api seguono e curano: gli apicoltori. Quelli che mettono mano e pensieri dentro la vita dei super organismi sciame aprendo alveari…

  • C’È COSCIA E COSCIA OVVERO DEL PROSCIUTTO SENZA LE ALI

    È una questione di cosce… Ma non alla Silvana Mangano, quella era cultura popolare e cinematografica. Quelle che oggi sono sulle prime pagine della cronaca delle cialtronerie italiche in campo di cibo sono cosce maialesche. Quelle suine…

  • Greta: ovvero del clima a risoluzione vegetale
  • Del mais, della carne, del latte e dell’erba

    Una domanda nasce spontanea: perché uno splendido animale da latte come la vacca, ma in parte la stessa cosa vale per altri animali da latte, deve essere alimentato con mais o mangimi dalla complessa e spesso sconosciuta composizione?

  • Zagare a Vienna

    Bruno ha scritto questo libro – Zitrone – che fa seguito ad un’altra sua precedente creatura editoriale dedicata ai carciofi, altra verdura che nessuno immaginerebbe venga coltivata con grande successo proprio a pochi chilometri da Vienna.