Dove eravamo rimasti? Proviamo a ripetere i concetti, a grandi linee s’intende.

Eravamo partiti da Darwin e dal suo “adatto”, colui che, attento a diversi aspetti e mutamenti, risulta il fautore vero dell’evoluzione.
Non il più forte, non il più grosso e cattivo, ma il più “adatto”. Poi i darwinisti sociali, che lessero tutto con la lente della prepotenza del “pesce grande” e poi il grande Kropotkin, scienziato anarchico, che smentì la bufala della prevalenza del più forte che dettava linee evolutive attraverso scontri ferali, e introdusse invece il concetto di cooperazione reciproca, che chiamò “mutuo appoggio”. Infine la grande scienziata Margulis che, negli anni sessanta, confermò, con le sue ricerche sui cloroplasti vegetali, che dalla cooperazione – mutuo appoggio – nascono gli adattamenti positivi negli esseri viventi, siano essi vegetali o animali.

Qui ci eravamo fermati con la promessa di proporre qualche esempio che potesse far capire a tutti di cosa si tratta quando si parla di SET – teoria endosimbiotica seriale – che la Margulis dimostrò. Sono termini che possono disorientare, parolone, capisco. Ma oggi il termine che prevale e che tutti conoscono è simbiosi. Di che si tratta? Due righe per chiarire.

“La simbiosi (dal greco συμβίωσις “vivere insieme”, da σύν “insieme” e βίωσις “vivere”) è qualsiasi tipo di interazione biologica stretta e a lungo termine tra due diversi organismi biologici, sia essa mutualistica, commensalistica o parassitaria.

Gli organismi, ciascuno definito simbionte, possono essere della stessa specie o di specie diverse. Nel 1879, Heinrich Anton de Bary lo definì come “la convivenza di organismi diversi”.”Questo ci dice il dizionario.

Ora, per chiudere la mia argomentazione a sostegno del più adatto e del mutuo appoggio, oggi simbiosi, eccovi alcuni esempi a cui in pochi fanno caso, pur avendoli spesso davanti agli occhi ogni giorno.
Certamente vi sarà capitato di vedere, su muri o statue o rami d’alberi vecchi, delle strane crescite colorate, spesso in verde, a volte in arancio o in grigio. Bene, quelli che avete visto sono i licheni, un bellissimo e vittorioso esempio di cooperazione che lega oramai in modo indissolubile un’alga e un fungo e che ha permesso loro di mettere insieme le capacita fotosintetiche di una piccola alga con le capacità di un fungo di trattenere acqua e sali minerali. Ambedue singolarmente avrebbero avuto poche possibilità di vivere in condizioni estreme di umidità e temperature. Ma insieme, da millenni, sono una specie a sé stante, licheni appunto, con una potenza vitale incredibile.
Pensate che alcuni licheni sono sopravvissuti fuori dalla stazione spaziale in orbita nel cosmo per sue settimane, esposti a raggi cosmici e a temperature proibitive. Questo accadeva nel 2005. Poi li troviamo in Antartide o nei deserti più aridi, insieme; alga e fungo. Quasi invincibili.

Ma voglio parlarvi di un’altra meraviglia vegetale, perché è nel mondo degli esseri vegetali viventi che la simbiosi ha dato da sempre il meglio di sé.

Forse pochi di voi hanno potuto vedere dal vivo una Gunnera Manicata. Una pianta dalle foglie gigantesche, che arrivano a diametri di 140 centimetri e con picciolo di 4 metri. Nella foto a corredo si può vederla a confronto con una normale bicicletta.
Io ne vidi una, anni fa, in un giardino botanico in Germania e rimasi stupefatto. Bene, la sua potenza vegetale e la sua vitalità grandiosa nascono dalla simbiosi che la Gunnera ha sviluppato da tempo immemore nella sua terra di origine, il Brasile, con un batterio che ha un nome secco e strano: Nostoc.
Questo batterio riesce, con alcune reazioni chimiche del suo metabolismo, a fissare l’azoto atmosferico e – come si sa – l’azoto insieme a carbonio, ossigeno e idrogeno è uno dei 4 elementi chiave per la vita sul nostro piccolo pianeta azzurro. Con questo, insieme alla sua capacita di fare fotosintesi, il Nostoc fornisce alla Gunnera tutto l’azoto necessario alla sua gigantesca crescita vegetale. Simbiosi anche in questo caso vincente.

Insomma, diciamo che fare squadra… paga.

Chiudo banalizzando, ma viste le recenti manifestazioni di milioni di ragazzi avvenute nel mondo occidentale con a tema il cambiamento climatico che qualcuno ha paragonato alle riunioni globali del ’68 direi che ci può stare.
Mi abbandono perciò alla nostalgia (sono, diciamo, maturo…) con un noto e amato grido di battaglia: fate l’amore non fate la guerra. Ce lo dice anche la Gunnera…

Photo Credits: arboreafarm.com

  • Articoli
Vive in Austria, a Vienna, dal 2014. Studia, scrive e collabora con le sue “ragazze ronzanti” che volano e producono mieli nelle foreste viennesi. Api-cultore, mielosofo, amante della Sapienza applicata al cibo. Libero pensatore nato a Mantova nel secolo scorso. Dice di se: “Vengo… non so da dove. Sono… non so chi. Muoio… non so quando. Vado…non so dove. Mi stupisco di essere lieto.
  • Mutuo appoggio: l’Evoluzione

    Forse pochi di voi hanno potuto vedere dal vivo una Gunnera Manicata. Una pianta dalle foglie gigantesche, che arrivano a diametri di 140 centimetri e con picciolo di 4 metri. Nella foto a corredo si può vederla a confronto con una normale bicicletta…

  • IL MUTUO APPOGGIO

    Eravamo rimasti alla mitica e ingenua frase del pesce grande che mangia il piccolo, ricordate? Una delle false affermazioni di un errato punto di vista della teoria dell’Evoluzione della specie che Darwin elaborò. Ma affermazione che sembra immortale e che sta alla base di miliardi di pensieri umani che vanno in quella stupida direzione…

  • Le relazioni naturali o del come spargere falsità che poi girano… girano… – Prima Parte

    Oramai, e sarà sempre più così in futuro, la comunità degli Homo Sapiens si concentra perlopiù nelle città, luoghi dove in effetti spesso è la criminalità organizzata a dominare zone e quartieri. Proprio in queste realtà e condizioni prospera una filosofia imbecille, una falsità pura…

  • Nella vita per molte cose bisogna avere naso, e le api… ce l’hanno – quarta parte

    Vi voglio raccontare un esperimento che lasciò stupiti gli stessi ricercatori del gruppo di Randolf Menzel, Neurobiologo e Zoologo di fama mondiale…

  • Profumo di casa – Terza parte

    Eravamo rimasti che le api usano il loro incredibile olfatto anche dentro l’alveare…

  • Parliamo dell’olfatto delle api – seconda parte

    Come abbiamo potuto constatare la scorsa settimana, le api hanno un olfatto molto sensibile, degno di Cyrano de Bergerac…

  • L’ape, uno straordinario naso alla Cyranó – prima parte

    Oggi rimango sull’ape e su un aspetto che coinvolge anche coloro i quali le api seguono e curano: gli apicoltori. Quelli che mettono mano e pensieri dentro la vita dei super organismi sciame aprendo alveari…

  • C’È COSCIA E COSCIA OVVERO DEL PROSCIUTTO SENZA LE ALI

    È una questione di cosce… Ma non alla Silvana Mangano, quella era cultura popolare e cinematografica. Quelle che oggi sono sulle prime pagine della cronaca delle cialtronerie italiche in campo di cibo sono cosce maialesche. Quelle suine…

  • Greta: ovvero del clima a risoluzione vegetale
  • Del mais, della carne, del latte e dell’erba

    Una domanda nasce spontanea: perché uno splendido animale da latte come la vacca, ma in parte la stessa cosa vale per altri animali da latte, deve essere alimentato con mais o mangimi dalla complessa e spesso sconosciuta composizione?

  • Zagare a Vienna

    Bruno ha scritto questo libro – Zitrone – che fa seguito ad un’altra sua precedente creatura editoriale dedicata ai carciofi, altra verdura che nessuno immaginerebbe venga coltivata con grande successo proprio a pochi chilometri da Vienna.

  • “QUESTIONE DI CARATTERE”, DISSE LA QUERCIA AL TIGLIO

    Si tratta di rispondere alla domanda: gli alberi, che sempre più negli ultimi anni – grazie agli studi di neurobiologia vegetale – impariamo a conoscere, hanno anche un carattere? Sì, intendo proprio un carattere individuale, una personalità, un’indole come possiamo ritrovare anche tra noi umani.

  • In ricordo di Giancarlo Bini

    Pochi giorni fa Giancarlo ha intrapreso il suo ultimo viaggio e noi amanti dell’olio evo, sangue verde degli ulivi, siamo oggi rimasti più soli nell’uliveto della vita, che lui seppe far conoscere e far amare a molti di noi. Un amico e un Maestro, questo era per me Giancarlo.

  • Di umani, di alberi e di api e di fiori… nascosti

    L’eucalipto è il miele che molti definiscono “normale”, il miele di tutti i giorni, a volte erroneamente considerato un miele di poco pregio perché molto comune.

  • Gli orsi con le foglie

    Ma esattamente cosa accade ai nostri amici e fratelli “esseri vegetali viventi” in questo periodo dell’anno? Cosa dovremmo tutti sapere su questo aspetto della “povera foglia frale” che lungi dal proprio ramo va, come diceva Leopardi?

  • Il Sapore del Sapere: “Rispettando grado, priorità, rango, stabilità, tempo, forma, dovere e fedeltà”
  • Tra la vita e la morte
  • Ogni carne è come l’erba
  • La nuova Mission del Cavolo Verde