O speziale veritiero! Il tuo veleno è rapido. E così con un bacio io muoio

(W.Shakespeare, Romeo e Giulietta).

L’ultimo articolo scritto da me per Cavoloverde.it, articolo che parlava della Pappa Reale, ha avuto buoni riscontri di lettura e in molti mi hanno scritto. Mi fa molto piacere. Perciò, come già avevo annunciato, mi pare giusto e importante proseguire sulla strada del racconto relativo alle peculiarità anche di altri prodotti dell’ape e dell’alveare che non siano quelli già stranoti: cioè mieli, polline, propoli ecc.

Ad esempio se facessi a qualcuno di voi la domanda quale sia l’uso e l’utilità del veleno delle api, probabilmente in molti non saprebbero dirmi nulla di più che il veleno dell’ape, quando arriva sotto alla nostra pelle, provoca un forte dolore bruciante e un probabile successivo gonfiore più o meno evidenti a seconda delle reazioni individuali alle sostanze attive presenti nel veleno stesso. Poi arrivano prurito intenso e, più raramente, reazioni allergiche anche importanti e che vanno trattate con pratiche mediche specifiche.

Ma oltre al dolore e al prurito, in una puntura d’ape vi è molto di più.
Ma partiamo dalle cose più semplici e curiose.

L’ape quando punge e perché?
Innanzitutto l’ape non punge mai se non provocata, non attacca mai a caso e gratuitamente per noia o divertimento. Lo fa solo quando deve difendere qualcosa, sia questo il proprio miele dentro l’alveare o se stessa. E lo fa pensandoci bene perché pungere,nella vita di un’ape, vuole dire nel 90% dei caso morire. Perché il pungiglione dell’ape, quando entra nella pelle di un animale, e noi umani tra questi, rimane piantato come un amo da pesca, avendo ardiglioni atti a questo scopo e l’ape, fuggendo, si eviscera da sola e dopo pochi minuti muore. Ecco perché una puntura l’ape non la spreca mai, ma la usa come ultima ratio. Solo se punge altri insetti il pungiglione può esser estratto senza danni. Altrimenti è la vita dell’ape che se se va.
Va anche detto che nel corso della sua breve esistenza l’ape può pungere solo dopo tre settimane dalla propria nascita, quando diviene guerriera atta a difendere l’alveare e dopo che le ghiandole velenifere all’interno del suo addome si sono sviluppate e iniziano a produrre veleno. Quando è appena nata e per diversi giorni nessuna puntura potrà essere inferta da lei a qualcuno che la dovesse disturbare.

Oltre alle operaie anche la regina ha un bel pungiglione, ma questo non viene mai usato per usi aggressivi contro di noi o contro altri animali, ma solo contro altre regine nelle sfide per il dominio regale all’interno dell’alveare.

La parte maschile dello sciame invece, i droni o fuchi, non ha pungiglione. I fuchi sono del tutto inoffensivi anche se molto rumorosi quando svolazzano intorno alle arnie.

Detto questo, vi sono luoghi specifici nei quali è più facile venir punti dalle api. Non in un prato dove le api volano da fiore in fior , a meno di non schiacciarne una casualmente con i piedi, ma non è facile. Non sotto una pianta fiorita di tiglio o di ciliegio fioriti dove migliaia di api lavorano in bottintura. Potete dormire sonni tranquilli sotto questi alberi fioriti e con migliaia di api sopra le vostre teste che emettono il loro ronzio curativo – ma di questo parleremo un’altra volta – e nessuna di loro vi disturberà. Semplicemente verrete ignorati.

Mentre se andaste a curiosare, magari ridacchiando, facendo ampi gesti con un bel vestito sgargiante e odorose dosi di ottimi profumi davanti ad un alveare, la probabilità di subire un attacco delle api guerriere che sono sulle portine a difesa della famiglia sarebbe altissima.
E non sarà una sola ape a pungervi, ma probabilmente diverse api si lanceranno contro la vostra testa e in quel caso saranno guai. In quel caso comunque non correte via veloci, loro saranno molto più veloci di voi e si accanirebbero ancora di più. Conviene andarsene molto lentamente e senza gesticolare a mulinello con le mani, sarebbe inutile, anzi peggiorereste le cose. Lentamente allontanatevi, andando verso il fianco delle cassette o meglio ancora dietro di esse e solitamente dopo una quindicina di metri dall’apiario vi lasceranno in pace senza più seguirvi.

Ora un po’ di notizie sul cosa c’è dentro una goccia di veleno d’ape.

Alla composizione del veleno d’ape partecipano 78 diverse componenti. La Melittina. Un peptide. Presente al 40-50 % Ha proprietà stimolanti sul cuore, abbassa la pressione sanguigna, permeabilizza i tessuti, è un potente antiinfiammatorio, inibitore del sistema nervoso centrale, radioprotettivo, antibatterico e antifungino.
L’Apamina (2%) è un antiinfiammatorio, neurotossico e stimolante del sistema nervoso, migliora la conduttività elettrica delle guaine nervose anche se degenerate. È un componente importante per la cura della sclerosi multipla.
Il Peptide 401 (2-3%), altro antiinfiammatorio, sembrerebbe agire sull’ipofisi scatenando la produzione di ACTH e quindi di cortisolo, rivestendo anche importanza per il sistema immunitario.
L’Adolapina (1%) ha un’attività antipiretica e analgesica.
L’Istamina (1%) ha un’attività vasodilatatrice. È all’origine delle sensazioni dolorose e infiammatorie del veleno.
La Fosflolipasi (12%) e la Ialuronidasi (4%) detossificano le cellule, permeabilizzando i tessuti (importante perciò in affezioni reumatiche), la Fosfolipasi provoca inoltre una riduzione della pressione sanguigna ed inibisce la coagulazione del sangue, la Ialuronidasi è immunostimolante.
La Dopamina agevola la funzione di neurotrasmissione e provoca l‘aumento della frequenza cardiaca.

Non male vero?
Ora veniamo alle cure per le quali in campo medico il veleno viene usato.

In campo: Neurologico (per Sclerosi multipla, Lombosciatalgia, Paralisi di Bell, Analgesia, Nevralgia, Dolori cronici, Nevralgia post-erpetica, Sindrome del Tunnel carpale)
Reumatologico (per Reumatismi, artriti e Artrosi, borsiti, Mialgie, Spondilite deformante, Poliartrite Deformante, Artrite psoriasica, Gotta, Gomito del tennista, morbo di Schermann, Fibromialgia, Tendinite, Contrazione di Dupytrèn, Traumi)
Polmonare (per Asma, Malattie ostruttive polmonari, Enfisema)
Immunologico ( per Scleroderma, Lupus Erytematosa, Endoarteritis Obliterans)
Infettivologico (per Herpes Zoster, Meningite Virale, Sindrome della Stanchezza Cronica, AIDS, Verruche)
Dermatologico (per Eczema, Tumori della pelle, Tumori vascolari della pelle, Alopecia, Dermatiti seborroiche, Micosi, Calli)
Cardiovascolare: (per Ipertensione, Ipotensione, Aterosclerosi, Aritmia, Endoarterite)
Oftalmologico (Glaucoma, Maculopatie)
Veterinario (Artriti, Infezioni)
Inoltre per ferite, lesioni, cicatrici, come preventivo per raffreddori e influenze, per sindrome premestruale, per crampi mestruali, per aumentare il numero di spermatozoi, per aumentare la fertilità.

Mi pare un bell’elenco non credete e… non lo avreste mai immaginato, dite la verità.

La cura con veleno d’api è antica, già gli Egiziani erano esperti nell’uso del veleno delle ronzanti.

L’apiterapia vera e propria nasce però in Austria, a cavallo tra l’800 e il ‘900. Fu il dottor Philip Terc che lo utilizzò in 25 anni di pratica su pazienti reumatici. La ditta Mack poi, nel sud della Germania, iniziò nel 1930 la preparazione commerciale del veleno. Le operaie della ditta prelevavano le api una ad una davanti all’ingresso dell’alveare e con una lieve pressione le inducevano a infilare il pungiglione in una stoffa assorbente. Qualche anno dopo venne introdotto un metodo meno laborioso, utilizzando una leggera scossa elettrica per indurre le api a infilare il pungiglione. Il metodo venne perfezionato nel 1960 in Cecoslovacchia, dove il materiale utilizzato per la raccolta era un tessuto speciale che permetteva alle api di sfilare il pungiglione lasciando il veleno. Questo metodo è usato anche oggi.

Ma modernamente oggi il veleno viene estratto con apparecchi particolari a bassa carica elettrica che stimolano le api ad emettere veleno e che sono posti all’interno degli alveari per brevi periodi. Hanno passerelle formate da piccolissimi fili in acciaio fitti fitti e messi in tensione elettrica a 20-30 volts dove le api sono obbligate a passare sopra per entrare nell’arnia. La piccola stimolazione elettrica fa emettere alle api il veleno che cade in un recipiente sottostante i fili e viene raccolto. La pratica però rende le api molto aggressive scatenando la risposta feromonale dell’attacco e deve essere di breve durata.

I paesi nei quali oggi l’apiterapia a base di veleno d’api viene praticata con successo sono: l’America, la Russia e nei paesi dell’est europeo. Seguono Cina, Giappone, Corea, Canada, Francia, Germania, Svizzera e Austria.

Per chi poi volesse approfondire veramente la cura “ velenosa” e ronzante ecco alcuni testi che ho trovato molto interessanti e che vi consiglio.

Libri reperibili in Italiano:
Bodog Beck: Apiterapia, Nuova Ipsa Editore, 1999
Umberto Nardi: Apiterapia, ed. Aporie 1992
Federico Grosso: Apipuntura, Edizioni TIP.LE.CO, 2001
Paolo Pigozzi: Apipuntura e Apiterapia, Ed. La Casa Verde 1996
In lingua inglese, francese e spagnola è disponibile un CD realizzato a cura della Commissione d’Apiterapia di Apimondia, www.ap-ar.com, “Trattato di Apiterapia”

Inoltre consiglio anche la lettura del capitolo bellissimo e molto approfondito sul veleno delle api che potrete trovare nel sito www. mieliditalia.it sito nodale per capire la vita delle api e per conoscere i prodotti dell’ alveare.

Buona cura e buone punture a tutti…, per chi volesse provare.
Io la cura la faccio ogni anno, gratuitamente. Provvedono le mie ragazze ronzanti su mia richiesta, ma spesso anche senza preavviso, così, come regalo di benvenuto.

Photo by Maxime Gilbert on Unsplash

  • Articoli
Vive in Austria, a Vienna, dal 2014. Studia, scrive e collabora con le sue “ragazze ronzanti” che volano e producono mieli nelle foreste viennesi. Api-cultore, mielosofo, amante della Sapienza applicata al cibo. Libero pensatore nato a Mantova nel secolo scorso. Dice di se: “Vengo… non so da dove. Sono… non so chi. Muoio… non so quando. Vado…non so dove. Mi stupisco di essere lieto.
  • È una questione di… pelle

    Ogni albero ha la sua tipica pelle che dipende dalla sua… pigrizia. Sì, avete letto bene, dalla sua pigrizia…

  • Il veleno che fa bene

    Oltre al dolore e al prurito, in una puntura d’ape vi è molto di più…

  • Quando la pappa è… reale!

    Da dove deriva e a cosa serve la pappa reale? Prima cosa da dire è che la pappa reale è un vero e proprio prodotto animale dell’alveare, mentre la grande maggioranza degli altri prodotti delle api invece è strettamente da annoverare nei prodotti vegetali…

  • FACEVA IL PALO NELLA BANDA DELL’ORTICA

    Alimurgia: ovvero raccogliere e cibarsi di erbe spontanee, selvatiche, che possono essere mangiate e, cosa non meno importante, erbe che possono essere utilissime dal punto di vista salutistico…

  • Anche il “pegano” dice la sua: una nuova dieta all’orizzonte

    La dieta ha un nome strano che ricorda un po’ gli infedeli, i cavalli alati e le abbuffate di seitan: Dieta Pegana.
    La Dieta che mette insieme fuoco e acqua; carne e proteine unite ai sacri dogmi del veganesimo…

  • OHH… LIVE – L’olio nutraceutico

    Il termine nutraceutica è composto dai due sostantivi: nutrizione e farmaceutica. Nutrire curando con la prevenzione.
    La parola può essere riferita a varie tipologie di prodotti e tra questi rientra proprio l’olio da olive e.v…

  • I pipistrelli non si mangiano

    I pipistrelli. Mammiferi straordinari. Sono le palestre naturali in cui molti virus rimangono per anni ad allenarsi. Perché? Perché questi piccoli chirotteri hanno una particolarità straordinaria che a nessun altro essere vivente a sangue caldo è stata concessa: hanno un sistema immunitario spaventosamente efficiente. Loro, piccoli topi volanti, non si ammalano mai, pur ospitando virus terribili…

  • Oro e cioccolato, le due facce dell’uovo pasquale

    L’uovo di cioccolato quando, come e dove è nato?

  • La colomba… il dolce mette le ali

    Qui su Cavolo Verde, come sempre cerco di fare, vorrei raccontarvi qualche storia sul come nacque la Colomba che oggi rallegra le Pasque dalla parte del dolce…

  • I nemici dei virus stanno anche nelle nostre scelte alimentari

    Virus, dal latino. Significa veleno. Un veleno invisibile e perciò temibile. Ma qualcuno questi virus, che girano per il mondo facendo i loro interessi di specie, li vede benissimo. Sono i nostri amici del sistema immunitario, il nostro esercito interno che combatte ogni giorno per noi battaglie silenziose, di cui noi percepiamo spesso solo echi lontani

  • REPETITA IUVANT. Di mieli, semplicemente…

    Parliamo di mieli scrivendo righe di facile accesso senza scadere nella banalità dell’approssimativo e cercando di ripetere concetti e notizie utili nelle esplorazioni alla scoperta del buono, sano e onesto come direbbe qualcuno che ha fatto scuola in questo senso…

  • Carnevale: La carne è tolta? E pesce sia

    In attesa delle ricette, che fioriranno su ogni rivista o giornale che abbia qualche intenzione di proporre cultura del cibo, forse vale la pena ricordare alcune premesse storiche di questa festa che ci fa “rimettere in carne” prima del periodo quaresimale, dove saranno le regole dietetiche a dettare legge, imponendo l’astensione dalla carne e la sobrietà…

  • Vanillekipferl, il dolce Natale viennese

    Il croissant (letteralmente “crescente”) è un dolce austriaco. Non stupitevi, è così, e tra un po’ capirete perché e anche come sia strettamente collegato ai Vanillekipferl…

  • RED-ATTORI DEL CAVOLO

    Oggi vorrei raccontarvi di due bellissime iniziative, promosse a Vienna gli scorsi giorni, e che hanno avuto come protagonisti proprio alcuni redattori del Cavolo Verde. Iniziative importanti e belle…

  • Mutuo appoggio: l’Evoluzione

    Forse pochi di voi hanno potuto vedere dal vivo una Gunnera Manicata. Una pianta dalle foglie gigantesche, che arrivano a diametri di 140 centimetri e con picciolo di 4 metri. Nella foto a corredo si può vederla a confronto con una normale bicicletta…

  • IL MUTUO APPOGGIO

    Eravamo rimasti alla mitica e ingenua frase del pesce grande che mangia il piccolo, ricordate? Una delle false affermazioni di un errato punto di vista della teoria dell’Evoluzione della specie che Darwin elaborò. Ma affermazione che sembra immortale e che sta alla base di miliardi di pensieri umani che vanno in quella stupida direzione…

  • Le relazioni naturali o del come spargere falsità che poi girano… girano… – Prima Parte

    Oramai, e sarà sempre più così in futuro, la comunità degli Homo Sapiens si concentra perlopiù nelle città, luoghi dove in effetti spesso è la criminalità organizzata a dominare zone e quartieri. Proprio in queste realtà e condizioni prospera una filosofia imbecille, una falsità pura…

  • Nella vita per molte cose bisogna avere naso, e le api… ce l’hanno – quarta parte

    Vi voglio raccontare un esperimento che lasciò stupiti gli stessi ricercatori del gruppo di Randolf Menzel, Neurobiologo e Zoologo di fama mondiale…

  • Profumo di casa – Terza parte

    Eravamo rimasti che le api usano il loro incredibile olfatto anche dentro l’alveare…

  • Parliamo dell’olfatto delle api – seconda parte

    Come abbiamo potuto constatare la scorsa settimana, le api hanno un olfatto molto sensibile, degno di Cyrano de Bergerac…

  • L’ape, uno straordinario naso alla Cyranó – prima parte

    Oggi rimango sull’ape e su un aspetto che coinvolge anche coloro i quali le api seguono e curano: gli apicoltori. Quelli che mettono mano e pensieri dentro la vita dei super organismi sciame aprendo alveari…

  • C’È COSCIA E COSCIA OVVERO DEL PROSCIUTTO SENZA LE ALI

    È una questione di cosce… Ma non alla Silvana Mangano, quella era cultura popolare e cinematografica. Quelle che oggi sono sulle prime pagine della cronaca delle cialtronerie italiche in campo di cibo sono cosce maialesche. Quelle suine…

  • Greta: ovvero del clima a risoluzione vegetale
  • Del mais, della carne, del latte e dell’erba

    Una domanda nasce spontanea: perché uno splendido animale da latte come la vacca, ma in parte la stessa cosa vale per altri animali da latte, deve essere alimentato con mais o mangimi dalla complessa e spesso sconosciuta composizione?

  • Zagare a Vienna

    Bruno ha scritto questo libro – Zitrone – che fa seguito ad un’altra sua precedente creatura editoriale dedicata ai carciofi, altra verdura che nessuno immaginerebbe venga coltivata con grande successo proprio a pochi chilometri da Vienna.

  • “QUESTIONE DI CARATTERE”, DISSE LA QUERCIA AL TIGLIO

    Si tratta di rispondere alla domanda: gli alberi, che sempre più negli ultimi anni – grazie agli studi di neurobiologia vegetale – impariamo a conoscere, hanno anche un carattere? Sì, intendo proprio un carattere individuale, una personalità, un’indole come possiamo ritrovare anche tra noi umani.

  • In ricordo di Giancarlo Bini

    Pochi giorni fa Giancarlo ha intrapreso il suo ultimo viaggio e noi amanti dell’olio evo, sangue verde degli ulivi, siamo oggi rimasti più soli nell’uliveto della vita, che lui seppe far conoscere e far amare a molti di noi. Un amico e un Maestro, questo era per me Giancarlo.

  • Di umani, di alberi e di api e di fiori… nascosti

    L’eucalipto è il miele che molti definiscono “normale”, il miele di tutti i giorni, a volte erroneamente considerato un miele di poco pregio perché molto comune.

  • Gli orsi con le foglie

    Ma esattamente cosa accade ai nostri amici e fratelli “esseri vegetali viventi” in questo periodo dell’anno? Cosa dovremmo tutti sapere su questo aspetto della “povera foglia frale” che lungi dal proprio ramo va, come diceva Leopardi?

  • Il Sapore del Sapere: “Rispettando grado, priorità, rango, stabilità, tempo, forma, dovere e fedeltà”