La pizza si fa gourmet anche in spiaggia e questa volta ci pensa il pizzaiolo pluripremiato Luca Pezzetta (Tre Spicchi Gambero Rosso 2019) con le sue ricette studiate ad hoc per la nuova pizzeria Birra del Borgo presso il Marine Village di Ostia. Già chef dell’Osteria Birra del Borgo che si trova nel quartiere Prati di Roma, Luca Pezzetta si mette alla guida di una nuova sfida gastronomica: la pizza tonda da mangiare in spiaggia. Niente cibo preriscaldato e ingredienti scadenti quindi, ma una pizza che ha solo tanto gusto e qualità: farine biologiche e macinate a pietra, impasti ad alta digeribilità, ingredienti di prima scelta selezionati nel pieno rispetto del prodotto finale, delle materie prime, ma anche dei lavoratori delle aziende da cui si rifornisce.

Cotte con un forno ibrido a legna e gas, le pizze verranno sfornate a ciclo continuo dalle ore 18 in poi, con prezzi dagli 8 euro a salire.

In perfetta linea con la filosofia già seguita all’Osteria Birra del Borgo di Leonardo Di Vincenzo, dove qualità e gusto del cibo sono al centro di tutto insieme alla birra, Luca Pezzetta porta quindi anche sulla spiaggia del Marine Village le sue eccellenze e lo fa con nuove e interessanti proposte. Non vogliamo spoilerarvi tutti i gusti disponibili, ma sicuramente vogliamo suggerirvi qualcosa, sperando di stuzzicare il vostro appetito.


Per chi ama gusti saporiti ed equilibrati da non perdere la pizza cozze e pecorino, ma chi invece è più legato alla tradizione (come quella romana) può provare la “pizza e fichi” con prosciutto di Parma o la “Gamberetti di una volta” con gamberetti e maionese che ci ha ricordato (ma solo per il nome degli ingredienti!) l’intramontabile cocktail degli anni ‘80. La Margherita estiva ha la variante con la mozzarella di bufala a crudo, mentre la Passata prende il posto della più tradizionale Marinara perché è fatta con tre tipi di pomodori differenti (il datterino dolce, quello giallo più acido e il San Marzano). Noi abbiamo trovato particolarmente interessante la pizza Vegana con una caponata estiva e l’aggiunta di una leggera spolverata di cioccolato e pinoli che rendono tutto più gustoso e intrigante, senza però rinunciare alla leggerezza.

Ecco, leggerezza è la parola chiave con cui potremmo definire l’esperienza di una pizza di Luca Pezzetta mangiata anche in spiaggia, sotto all’ombrellone, mentre ci godiamo un bel tramonto in riva al mare.

Scordatevi quindi panini schiacciati nella stagnola o tramezzini preconfezionati nella plastica, dimenticatevi scene da film anni ’80 con teglie di lasagne ancora calde da mangiare seduti sugli sdraio, bibite conservate nelle borse frigo o pezzi di frutta già tagliata e riscaldata dal sole cocente. Certo, nessuno ci negherà mai il piacere di una birretta fresca bevuta allo storico chioschetto della spiaggia dove andiamo da sempre e a cui siamo affezionati o di un ghiacciolo insapore preso giusto per dissetarsi un po’. Ma l’estate può avere un gusto diverso e con essa anche il cibo in spiaggia. Cibo buono, mare, venticello e tramonto… what else?

  • Articoli
Sono nata e vivo a Roma. Mi sono laureata in Lettere alla Sapienza e dopo un master in Web Marketing e New Media ho lavorato nel settore della Comunicazione e degli eventi. Oggi mi occupo di divulgazione cinematografica in ambito museale e amo viaggiare in maniera spasmodica. Sono cresciuta in una famiglia di astemi, ma visto che ho sempre fatto il contrario di tutto e di tutti, ad un certo punto della mia vita ho deciso di diventare sommelier. Amo il vino in tutte le sue sfaccettature, ma quello che mi piace di più è indagare i legami e scoprire le intermittenze che ci sono tra il mondo del vino e quello dell’arte. Le mie degustazioni sono sempre delle occasioni per condividere, con amici e curiosi, le suggestioni e i richiami tra le note sensoriali di un vino e l’universo artistico. Forse la mia si può chiamare deformazione professionale, ma ormai non riesco più a coltivare le mie passioni per il cinema, il cibo e i viaggi senza condirle con tannini e perlage.
  • Vino naturale, dimmi cosa bevi e ti dirò chi sei

    Sarà una moda, sarà una necessità dettata dai nuovi mercati o dai nuovi gusti, ma negli ultimi anni abbiamo incominciato a sentir parlare di vini naturali sempre più spesso.
    Ma cosa sono questi vini naturali?

  • Ostia, una nuova rotonda sul mare? Sì, grazie alla pizza di Luca Pezzetta al Marine Village

    La pizza si fa gourmet anche in spiaggia e questa volta ci pensa il pizzaiolo pluripremiato Luca Pezzetta (Tre Spicchi Gambero Rosso 2019) con le sue ricette studiate ad hoc per la nuova pizzeria Birra del Borgo presso il Marine Village di Ostia.

  • Spring Beer Festival 2019, alla scoperta delle migliori birre artigianali e dei birrifici agricoli

    Quattro giorni di evento e trenta birrifici presenti, ognuno con minimo quattro tipi di birre da proporre per un totale che supera le duecento birre da poter assaggiare. Quindi, non chiedeteci quante e quali avremmo voluto provare in una sola sera, perché non siamo riusciti a calcolarlo…

  • Storia e curiosità della Falanghina dei Campi Flegrei

    La falanghina, da cui prende il nome l’omonimo vino, è uno dei vitigni più antichi del nostro Paese. Sembra che il termine falanghina significhi “vite sorretta dai pali” perché “falanga” era il nome del palo di legno usato per sorreggere le piante.

  • Il tempo della Falanghina, la storia di un vino senza tempo

    Quanto può essere longevo un vino bianco? Dobbiamo dare ascolto al sommelier che al ristorante ci consiglia una bottiglia di bianco invecchiato più di tre o quattro anni? Ammettiamolo, quando si parla di vino bianco molto spesso è difficile credere che possa durare nel tempo e che riesca a donarci ancora, a distanza di molti anni, aromi e sensazioni in grado di stupirci.