Quattro giorni di evento e trenta birrifici presenti, ognuno con minimo quattro tipi di birre da proporre per un totale che supera le duecento birre da poter assaggiare. Quindi, non chiedeteci quante e quali avremmo voluto provare in una sola sera, perché non siamo riusciti a calcolarlo.

Se volessimo sintetizzarla così, questo è stato il cuore della nostra partecipazione alla nuova edizione dello Spring Beer Festival, la prima manifestazione brassicola gratuita di Roma dedicata alle birre artigianali e che si svolgerà fino al 19 maggio alla Città dell’altra economia a Testaccio.

Se di birra artigianale si parla ormai da un bel po’ di tempo e si assiste ad un sempre più evidente aumento della qualità e del consumo di questa bevanda, dall’altro lato è da molto meno tempo invece che si sente parlare di birra agricola a cui, proprio quest’anno, lo Spring Beer Festival dedica un interessante focus. Ma cosa sono le birre agricole? E chi può produrle? I birrifici agricoli sono quelle realtà brassicole che hanno deciso di valorizzare la propria filiera corta, producendo birra con almeno il 50% di materia prima (luppolo, cereali, frutta, verdura e molto altro) prodotta direttamente in azienda. Allora spazio alla fantasia e alla sperimentazione.

Nel vasto panorama di birre presenti al Festival, abbiamo scelto di seguire un beer trail curato dall’Unione Degustatori Birra alla scoperta di queste birre agricole e dei loro produttori.

Abbiamo incominciato con Birra Losa, un birrificio nato nel 2013 nella provincia di Latina, che ha in produzione quattordici birre di cui quattro stagionali.

Abbiamo assaggiato la +Pils Pit, una pilsner dalla schiuma molto morbida e compatta, aromi di malto e un finale leggermente amaro. Una birra di grande freschezza. Subito dopo abbiamo incontrato Agrilab, produttori di birra nati nel 2016 come spin off di un’azienda agricola fondata già nel 2011 a Campagnano Romano. Delle dodici birre stagionali prodotte, alcune nascono da ricette originali studiate in collaborazione con altri birrifici artigianali. Tra queste abbiamo provato la Sveja a base di luppolo, lievito tedesco e buccia di bergamotto calabrese. Il birrificio La Gramigna invece si trova vicino Perugia e produce luppolo e orzo con cui fa le sue birre. Con loro abbiamo provato la Genuina, una Golden Ale fresca e dissetante dal colore paglierino e dal corpo leggero.
Abbiamo scoperto poi la linea Monkey Style di Mastri Birrai, birrificio conosciuto anche per alcuni prodotti venduti nella Grande Distribuzione.

Monkey è invece una produzione (nata nell’anno della scimmia secondo il calendario cinese) realizzata appositamente per un pubblico di curiosi e di intenditori.

Abbiamo provato la California West Coast Ipa prodotta con luppoli italiani di ceppo californiano e cereali totalmente coltivati nei terreni dell’azienda. Si caratterizza per i sentori di frutta tropicale e di caramello. Birrificio Rurale invece è nato nel 2009 e si trova a Desio, in provincia di Monza.

Producono tra i quindici e i diciotto tipi di birra l’anno e sono tutte non filtrate e non pastorizzate. Tra le cinque birre in degustazione, abbiamo provato la Seta, una Blanche fresca, ottenuta con grano tenero lombardo e fiocchi d’avena che conferiscono opalescenza e spiccati sentori di agrumi come l’arancia e i fiori bianchi.
IBeer (il penultimo birrificio agricolo visitato) si trova a Fabriano in provincia di Ancona. Ci hanno colpito La Storta, una blanche alla canapa e la Special One una Imperial Stout prodotta per la linea Deluxe Special che lascia forti sentori di tabacco e liquirizia come una birra da meditazione. Il nostro giro si è concluso con una Smoked beer del birrificio Flea di Gualdo Tadino, un’ambrata non filtrata e non pastorizzata con sentori di nocciola e caramello.

Abbiamo incontrato persone entusiaste, appassionate del proprio lavoro e con tanta voglia ancora di inventare nuovi gusti.

L’incontro con i birrai agricoli e la degustazione delle loro birre ci ha confermato infatti che, al di là delle preferenze soggettive, nel panorama brassicolo italiano c’è ancora tanta voglia di crescere e di sperimentare. Il nostro tour però si è concentrato sui birrifici agricoli, chissà che in queste sere

  • Articoli
Sono nata e vivo a Roma. Mi sono laureata in Lettere alla Sapienza e dopo un master in Web Marketing e New Media ho lavorato nel settore della Comunicazione e degli eventi. Oggi mi occupo di divulgazione cinematografica in ambito museale e amo viaggiare in maniera spasmodica. Sono cresciuta in una famiglia di astemi, ma visto che ho sempre fatto il contrario di tutto e di tutti, ad un certo punto della mia vita ho deciso di diventare sommelier. Amo il vino in tutte le sue sfaccettature, ma quello che mi piace di più è indagare i legami e scoprire le intermittenze che ci sono tra il mondo del vino e quello dell’arte. Le mie degustazioni sono sempre delle occasioni per condividere, con amici e curiosi, le suggestioni e i richiami tra le note sensoriali di un vino e l’universo artistico. Forse la mia si può chiamare deformazione professionale, ma ormai non riesco più a coltivare le mie passioni per il cinema, il cibo e i viaggi senza condirle con tannini e perlage.
  • Spring Beer Festival 2019, alla scoperta delle migliori birre artigianali e dei birrifici agricoli

    Quattro giorni di evento e trenta birrifici presenti, ognuno con minimo quattro tipi di birre da proporre per un totale che supera le duecento birre da poter assaggiare. Quindi, non chiedeteci quante e quali avremmo voluto provare in una sola sera, perché non siamo riusciti a calcolarlo…

  • Storia e curiosità della Falanghina dei Campi Flegrei

    La falanghina, da cui prende il nome l’omonimo vino, è uno dei vitigni più antichi del nostro Paese. Sembra che il termine falanghina significhi “vite sorretta dai pali” perché “falanga” era il nome del palo di legno usato per sorreggere le piante.

  • Il tempo della Falanghina, la storia di un vino senza tempo

    Quanto può essere longevo un vino bianco? Dobbiamo dare ascolto al sommelier che al ristorante ci consiglia una bottiglia di bianco invecchiato più di tre o quattro anni? Ammettiamolo, quando si parla di vino bianco molto spesso è difficile credere che possa durare nel tempo e che riesca a donarci ancora, a distanza di molti anni, aromi e sensazioni in grado di stupirci.