Progetto 100 ettari per il futuro delle api. Seminario 3 luglio 2019 – Eataly Roma

Come sarebbe il mondo senza api? Ci avete mai pensato? Siamo abituati a dare tutto per scontato, pensando che la frutta, la verdura che portiamo sulle nostre tavole nasca semplicemente dall’opera di coltivazione degli agricoltori… Ma non è proprio così. Senza l’impollinazione dovuta al passaggio delle api di fiore in fiore, probabilmente tutto si ridurrebbe ad un fatto puramente meccanico, innaturale. Purtroppo il problema della moria delle api sta diventando sempre più evidente. L’introduzione di colture monovarietali, l’uso di antiparassitari e gli sconvolgimenti climatici hanno inciso notevolmente sul pericolo di estinzione di questi insetti.

Sempre più studiosi ed addetti ai lavori stanno cercando di sensibilizzare in primis gli agricoltori e tutti coloro che vivono su questo Pianeta, a fare qualcosa.

Nel 2018 viene presentato a Terra Madre – Salone del Gusto di Torino un progetto, nato dopo anni di studio in collaborazione con Eataly, Arcoiris unica azienda sementiera italiana esclusivamente biologica, il Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università di Palermo e la Fondazione Slow Food per la biodiversità. Il progetto, apparentemente semplice, ha lo scopo ambizioso di contrastare il problema della sparizione delle api.
Si chiama Bee the future ossia “L’Ape per il futuro” e consiste nel ricreare un miscuglio di fiori appetibili per le api seminato in 100 ettari di terreni messi a disposizione dagli agricoltori che aderiscono al progetto, con l’obiettivo di portare avanti un modello di agricoltura virtuosa, in aree particolarmente colpite da questo fenomeno. Gli agricoltori che partecipano a questo progetto vengono definiti resistenti, in quanto decisi a portare avanti un processo ecosostenibile, attraverso la semina del famoso miscuglio in campi di monocolture, favorendo la crescita di piante utili per le api.

A circa un anno di distanza dalla nascita di Bee the Future, Il 3 luglio 2019, presso Eataly Roma, si è tenuta una conferenza per fare il punto della situazione.

Erano presenti il Presidente Esecutivo Eataly Andrea Guerra, il Prof. Francesco Sottile del Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università di Palermo nonché rappresentante del Comitato esecutivo Slow Food, Costanza Pratesi, Responsabilità Sostenibilità Ambientale FAI, alcuni “agricoltori resistenti” come Francesco Colafemmina dell’Azienda Apistica La Pecheronza di Bari ed Elena Moschetta dell’Azienda Vitivinicola Biancavigna di Conegliano Veneto, oltre ad aziende produttrici di Nocciole dell’Alto Lazio.
I dati sono soddisfacenti: dell’obiettivo iniziale dei 100 ettari di terreni coltivati con il famoso miscuglio di semi, composto da circa 10 piante diverse che cambiano di anno in anno (quest’anno i semi sono di trifoglio alessandrino, coriandolo, facelia, lino, senape, sulla, cicoria, cima di rapa, trifoglio incarnato, girasole), ne sono stati seminati circa 50 ettari, ottenendo in un anno un ragguardevole risultato.
È chiaro che c’è ancora tanto da fare e che tra gli obiettivi del Progetto Bee the Future c’è anche quello di sensibilizzare l’opinione pubblica, non soltanto gli agricoltori, facendo informazione, portando il progetto nelle scuole, nelle associazioni, nelle comunità.
In inglese ape si scrive “Bee” e si legge “bi”, come il verbo “essere” in inglese e non è un caso:
essere = siamo = esistiamo grazie alle api che rappresentano la vita.

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • Le terrazze al Colosseo – Il nuovo ristorante sui tetti di Roma

    Roma è Roma, bella, imponente, ricca di storia, ma vista dall’alto, magari da una bella terrazza a due passi dal Colosseo è ancora più affascinante…

  • L’alta pasticceria per la ricerca scientifica

    Sabato 18 giugno 2022 nello splendido sito della Sala delle Belle Arti del Rome Cavalieri A Waldorf Astoria Hotel, si è svolto un evento a sostegno dell’Associazione Incontinenza Fecale Italia ONLUS fondata dal Prof. Carlo Ratto…

  • Spring Beer Festival 2022

    Dal 19 al 22 maggio 2022, si è svolto lo Spring Beer Festival, il grande evento ad ingresso gratuito dedicato alle birre artigianali organizzato da Maulbeere Birreria e da Arrosticini Tornese…

  • FORMATICUM 2022

    Formaticum, la mostra mercato di rarità casearie italiane “Formaticum” in partnership con la Pecora Nera Editore e Vincenzo Mancino, assaggiatore ONAF…

  • I GRANI ANTICHI SICILIANI

    “Sono Gaetano Di Carlo, Agricoltore o meglio Cerealicoltore” in Corleone – Palermo – Sicilia, eh sì …l’argomento di cui parleremo riguarda i grani antichi siciliani che costituiscono un patrimonio prezioso del territorio siciliano…

  • PASTALIVE – a Roma la presentazione del primo progetto di pasta con grano duro coltivato senza aratura.

    Si è svolta presso la splendida cornice dell’Aranciera dell’Orto Botanico la conferenza stampa riguardante la presentazione del progetto PASTALIVE, rivolto alla preservazione e alla valorizzazione del suolo agrario…

  • Racconti di famiglia di una Festa della Donna di qualche tempo fa…con qualche suggerimento culinario!

    Non scriverò di conquiste sociali, economiche e politiche delle donne e ne parlerò di discriminazioni e violenze fisiche e psicologiche di cui le Donne ancora oggi, sono oggetto in tutto il mondo. Racconterò della giornata della “Festa della Donna” di un po’ di anni fa…

  • A Vetralla le pecore parlano francese

    Davide Paolacci e Beatrice Di Fazio, producono formaggi e ricotta d’eccellenza da latte di pecore di razza Lacaune, una razza di ovini francesi originaria delle colline di Lacaune, nel Sud-Est della Francia, famosa per la produzione del formaggio erborinato Roquefort…

  • ATINA DOC – I VINI DELLA TERRA DI SATURNO

    La leggenda vuole che Saturno, divinità delle sementi e della coltivazione della vite, cacciato dall’Olimpo da Giove, si sia rifugiato in questa parte della Ciociaria, fondando le cinque “città saturniane” di Atina, Alatri, Anagni, Arpino e Antino…

  • A VINOFORUM 2021 PULIZIA, SANIFICAZIONE E RISPARMIO ENERGETICO

    Si è tenuta domenica 12 settembre 2021 alle ore 21.00 presso l’area Mix&Spirts Hospitality di Vinoforum a Roma, una Masterclass rivolta ad esperti e addetti ai lavori del settore della ristorazione…

  • La minestra calda che “rinfresca”

    È possibile proporre con le temperature alte del periodo estivo una minestra calda? Soprattutto se la minestra di cui vi parlerò fa parte della tradizione culinaria palermitana, dove il caldo isolano estivo fa aumentare i termometri sino ai 40°…

  • Il Riso della Piana di Sibari

    Sì, avete letto bene, il riso calabrese della Piana di Sibari…

  • I formaggi e i latticini della “via del latte” della Maiella.

    Il mio racconto parte dalla montagna “madre degli Abruzzesi”, la Maiella o Majella, chiamata così per la forma delle sue cime che ricordano le rotondità di una donna. La leggenda narra che siano quelle della Dea Maia…

  • La pizza di Pasqua dei “Fiorentini”

    Nella mia famiglia durante la Settimana Santa si dava inizio ad una sorta di gara per chi, tra mio padre romano e mia madre sorrentina, doveva appropriarsi della cucina per l’approntamento della pizza di Pasqua, tipico dolce della tradizione pasquale romana e la pastiera napoletana…

  • NOILLY PRAT il Vermouth del Mare

    Il Noilly Prat viene prodotto in 4 tipologie diverse: Asciutto originale, Extra secco, Ambrato e Rosso. La versione originale è la base di uno dei cocktail più famosi, il Martini dry, reso celebre per essere il preferito dal noto agente segreto britannico nato dalla penna dello scrittore Ian Fleming: James Bond…