Erano i primi anni del 2000 quando sentii parlare di Anthony Bourdain e del suo libro Kitchen Confidential. Era Daria Bignardi a parlarne nella “Mezz’ora Daria” che trascorreva in radio recensendo libri; mi ha sempre colpito il suo modo d’incuriosire gli ascoltatori e per questo ho seguito più e più volte i suoi consigli e acquistato i libri di cui parlava.

Kitchen Confidential non è che uno tra i tanti.

Nel libro lo chef Anthony Bourdain parla in prima persona e ci racconta la sua iniziazione ai fornelli, il percorso che l’ha portato a diventare uno dei migliori chef della Grande Mela. Da lì in poi la sua vita è stata un susseguirsi di successi, in cucina, in libreria e in televisione con il suo girovagare per il mondo alla ricerca della cucina più estrema, alla scoperta di sapori a volte così lontani dalla cultura occidentale da sembrare di un altro pianeta.

Quando uscì, nel 2000, il libro era rivoluzionario perché metteva a nudo segreti della vita in cucina di cui nessuno aveva mai osato parlare; “un libro irriverente” scrissero; in realtà se per irriverente s’intende un’opera che segue il percorso di vita dell’autore come se fosse una telecamera, dentro e fuori la sua mente, i suoi pensieri, la sua cucina e che non cela nulla ai lettori allora sì, Bourdain è stato irriverente, svelando cose che nessuno, in quel mondo, voleva che si sapessero.

Chi acquista questo libro può scordarsi di leggere il resoconto di un universo  dorato come appare agli occhi di noi italiani.

Da quando Vissani ha portato la cucina in Tv ha portato anche gli chef, protagonisti alla ribalta che spesso offuscano le loro stesse creazioni con una presenza scenica a volte artificialmente costruita.

Negli ultimi anni poi, non si contano le trasmissioni televisive a tema culinario, gli chef sono usciti dalle loro cucine, si solo lavati letteralmente le mani e hanno messo il cerone per apparire sempre al meglio davanti alle telecamere.  Se a tutt’oggi quelli più conosciuti alla massa sono anche quelli di aspetto più gradevole (leggi Cracco, Oldani, Borghese, Rugiadi) non è certo un caso fortuito.

Anche per questo amo il  libro di Bourdain e ve ne consiglio la lettura. Della cucina, quella vera, quella fatta di brigate affiatate, di amicizie indissolubili, di  orari massacranti io ne sento parlare da anni e quindi so che la verità non è nel mezzo ma è tutta in Kitchen Confidential.

I personaggi che si susseguono nel libro sono uomini veri, molto fisici e abituati a lavorare in cucina con tutti e cinque i sensi.

Se c’è una cosa che lega questi personaggi agli chef così come siamo stati abituati a conoscerli è il loro senso di onnipotenza, come se il potere che hanno di assurgere vegetali, cereali e animali a piatti paradisiaci li facesse sentire dei resurrettori.

Gli chef si sentono Dèi, il punto è questo. E non si vergognano di fartelo notare (non a caso il libro si conclude con una frase che è sintesi dello spirito che permea ogni pagina. Il cuoco ha sempre ragione. Vi sfido a dimostrare il contrario.)

Leggendolo scoprirete anche che “chef” lo si è ventiquattro ore al giorno: quando si gira nei mercati, si cercano i fornitori migliori, ogniqualvolta ci si misura con le cucine altrui e se ne trae il meglio per poi trasformarlo e adattarlo, quando si sperimenta e ci si esalta davanti a una nuova idea.

Ma chef lo si è anche e soprattutto a Natale, a Pasqua, nel giorno del Ringraziamento e in tutte quelle feste che si vivono lontano dalla famiglia e vicinissimo alla famiglia adottiva, quella della brigata, con cui si condividono esperienze, passioni, giochi e molto spesso segreti, tanti segreti fatti di trasgressioni, a volte droghe, alcool e sesso (a tal proposito una chicca tratta dal libro è il racconto della sposina che si apparta con uno della brigata durante il ricevimento nuziale).

L’autore ci parla di un lavoro che prima di tutto è passione, perché se non fosse la passione a muovere gli uomini, questi non accetterebbero i sacrifici che questa professione richiede.

Se c’è del genio e della sregolatezza nella sua cucina, lui non fa che raccontarcele così come sono, nude e crude, senza preoccuparsi di come reagiremo e di cosa ne trarremo, questa è la vita degli chef, questa è stata la sua vita a New York come a  Parigi o a Tokyo, “così è se vi pare” avrebbe detto Pirandello.

Ero stata attratta dal libro per il desiderio di scoprire i meri segreti dei ristoranti, come il motivo per cui faccio bene a scartare la “specialità del giorno” o perché, nel dubbio, sia meglio evitare il cestino del pane ed invece ho scoperto anche altro: che i coltelli non sono semplicemente utensili ma sono compagni fedeli che ogni chef sceglie e acquista uno ad uno (e sono acquisti di un certo valore) che coccola e affila personalmente a fine servizio; ho scoperto che cosa significhi “lavorare sul pulito” e quanto sia importante  farlo e che in cucina ci si taglia spesso, con conseguente uscita di sangue. E qui mi fermo e passo a voi la palla. Bourdain vi scioccherà, vi insegnerà e non deluderà le vostre aspettative. Se poi ogni tanto, mentre leggete, vi soffermerete a pensare ai vari Master Chef, Cuochi e Fiamme e Hell’s Kitchen, vi strapperà anche un sorriso divertito. Scommettiamo?

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • IL CELLULARE A TAVOLA. REGOLE PRATICHE, CATEGORIE CAFONE, COME SMASCHERARLE (E PUNIRLE)

    Oggi le persone scattano spesso foto a quello che mangiano, prendono spesso in mano il telefono durante una cena per controllarne le notifiche, oggi che tutto questo è divenuto parte del quotidiano sociale io voglio fare un passo indietro…

  • THE FISHERMAN BURGER

    The Fisherman Burger, in zona Piazza Bologna, regala delizie di pesce per tutti i gusti e tutte le tasche, che promette di sfamare, ingolosire e soddisfare…

  • Luca Mastracci, il Pupillo della pizza

    Conosco Luca da anni, da quando lavorava al Mercato Centrale. Ho mangiato più volte la sua pizza. E’ una sicurezza…

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?