Sei lento come una lumaca! Chi non l’ha sentito, almeno una volta, magari rivolto al proprio indirizzo? In realtà le lumache sono animali che hanno capito tutto della vita, e se la prendono giustamente comoda.

Peccato che la loro proverbiale lentezza le metta pericolosamente a rischio di cattura.

Premetto che a me le lumache cucinate fanno un tantino senso (per via del colore, della forma e della consistenza). Sono lombarda e la lumaca non rientra fra le cose propriamente commestibili (al contrario della rana, diffusissima nella Bassa).

Però, siccome sono un’assaggiatrice curiosa, le ho assaggiate, fin da ragazza, al ristorante (le famose escargot al burro, difficilissime da mangiare) e a casa di un mio amico (cucinate dalla mamma emiliana, al sugo, senza guscio e con polenta).

Assaggiate, non divorate.

Comunque in Sardegna sono considerate una vera e propria prelibatezza, e non c’è sardo che si rispetti che, dopo un paio di giornate di pioggia, non sparisca in campagna attrezzato di stivali di gomma e retino per la raccolta.

Quindi arrivano a casa e occorre un posto per tenerle per farle spurgare (in pratica devono stare a digiuno per un bel po’). In campagna quasi tutti hanno una rimessa o un porticato rustico: vanno bene anche appese nella loro reticella.

Occhio alle evasioni! Io mi sono ritrovata, in un’occasione, con il giardino infestato e tutto mangiato… Sono pure ermafrodite e si riproducono un bel po’: quella fuga ha prodotto un sacco di danni.

In Sardegna ce ne sono di diversi tipi, in pratica di tutte le misure.

Il tipo più grande è la Boveris o Coccoiddus o Babaloccas (Helix Aspersa): sono marroni, con striature tendenti al nero e hanno il guscio molto spesso.

La misura media è la Sitzigorrus o Gioggas (Eobania Vermiculata): sono le più comuni lumache di terra bianche a strisce marrone scuro.

La misura piccola è la Mongettas o Monzittas (Helix Aperta): sono completamente marroni, col guscio molto sottile. Vengono chiamate “monachelle” per il colore simile a quello della tonaca dei frati. Un altro nome per identificarle è “tappadas” per via del tappo bianco che si creano per il loro momenti “zen”…
La misura piccolissima è la Gioghittas o Cioggas Minudas (Theba pisana): sono bianche con striature marrone chiaro. I sassaresi ne vanno matti.

Vediamo come si cucinano in Sardegna.

Premessa per tutti i tipi (a parte le monachelle o tappadas al forno che vanno infornate così come sono, con il loro tappo): dopo la spurgatura (la cui durata dipende dal momento della raccolta: in pratica se hanno “pascolato” più o meno a lungo), vanno lavate benissimo e fatte bollire una ventina di minuti con acqua e sale (io ci aggiungo anche foglie di alloro e aglio).

Quelle di tipo grande (le Boveris o lumaconi) dopo la bollitura vengono saltate in padella con olio, aglio, prezzemolo, pane grattugiato finché i gusci non si riempiono del condimento.

Il tipo grande e medio finisce tranquillamente in padella. Una volta bollite e scolate si mettono in padella con aglio, olio e peperoncino, prezzemolo, timo e una buona passata di pomodoro allungata con acqua (è necessario che si mantenga il brodetto per inzupparci il pane casereccio).

Le monachelle (o tappadas ) possono anche essere infornate (ancora tappate) su una teglia coperta di sale.

Altro modo per gustare le monachelle: dopo la bollitura vengono ripassate in padella con olio, aglio, molto prezzemolo e una manciata di pane grattugiato.

Le piccolissime (quelle che piacciono ai sassaresi) di solito finiscono al sugo di pomodoro (sempre insaporito da aglio ed erbe aromatiche).

In questo momento, agli inizi di luglio, le lumache sarde sono nel loro momento zen: se ne stanno tappate appese a uno stelo di finocchietto selvatico.

Photo by Blanca Paloma Sánchez on Unsplash

  • Articoli
Luisa nasce nella Bassa Lodigiana 62 anni fa. Impara a leggere e a scrivere a quattro anni perché la madre si stanca di leggerle il Corriere dei piccoli. Alle elementari è quella che legge in classe le letture. A otto anni vince il primo premio in un concorso regionale con un tema scolastico. I suoi temi vengono letti in classe fino alle superiori. Studia e lavora a Milano finché non si innamora della Sardegna. Si trasferisce definitivamente in Sardegna quando decide di diventare mamma. Alla figlia trasmette l’amore per le letture e per gli animali. Ha appena lasciato l’ Abruzzo dove ha gestito per otto anni una location (il Vecchio Bosco di Ortona ) con annessa Associazione Culturale. Deve perennemente rinnovarsi e creare, altrimenti non sta bene. Nel 2017 ha pubblicato Storie Nere (una raccolta di 17 storie di gatti neri ) e, nel 2018, ha pubblicato Fi Fi (Fiabe e Filastrocche). Ha in cantiere Due streghe al telefono, Donne complicate e Magie in barattolo (il suo ricettario poco segreto di confetture ai fiori).
  • Lento come una lumaca

    In Sardegna le lumache sono considerate una vera e propria prelibatezza, e non c’è sardo che si rispetti che, dopo un paio di giornate di pioggia, non sparisca in campagna attrezzato di stivali di gomma e retino per la raccolta…

  • Primavera, tempo di cordula. O no?

    La cordula, chiamata anche treccia, è a base di interiora d’agnello e deve il suo nome alla forma che assume con l’intreccio degli intestini.
    E così intestino tenue e crasso, pancia e una rete, chiamata in sardo “sa nappa”, sono sapientemente intrecciati a formare la treccia…

  • Confettura ai Fiori d’arancio, il profumo della primavera in barattolo

    Quest’anno, complice un inverno mite e una primavera anticipata, riesco a fare la confettura ai fiori d’arancio a marzo, anziché a maggio…

  • La cucina degli avanzi di Paolo

    È un momentaccio, lo sappiamo tutti. Poi, scorrendo la home di fb, ti puoi imbattere anche in cose che ti scaldano il cuore. Mi riferisco alla “cucina degli avanzi” di Paolo Lepori…

  • La torta di Casale

    Quando ero piccola e andavo a trovare nonna Stella, sentivo il profumo di questa torta prima di arrivare a casa sua. La casa di nonna si affacciava su una grande corte lombarda dove c’era una panetteria che sfornava torte…

  • Seadas, il sole della Sardegna

    Le seadas, tonde e dorate come il sole pieno della Sardegna, profumate di agrumi e miele…

  • Nel regno di Polentonia…

    I polentoni si chiamano così per aver mangiato tanta polenta. Mia nonna Stella, classe 1899, mi raccontava che la sua generazione è sopravvissuta grazie alla polenta. Non c’era altro da mangiare…

  • Il mio panettone farcito

    Che Natale è senza panettone ripieno? Ecco come trasformare un panettone in una vera goduria…

  • I coccodrilli ovvero vari ed eventuali profili psicologici a tavola – seconda parte

    Mi sono iscritta per gioco (adoro scherzare!) ad un gruppo facebook dal nome che è tutto un programma: “Anonima coccodrilli” dove si confessano le varie dipendenze da cibo, il gruppo si fa sempre più esilarante e si stanno delineando vari profili…

  • I coccodrilli ovvero vari ed eventuali profili psicologici a tavola – prima parte

    Mi sono iscritta per gioco (adoro scherzare!) ad un gruppo facebook dal nome che è tutto un programma: “Anonima coccodrilli” dove si confessano le varie dipendenze da cibo, il gruppo si fa sempre più esilarante e si stanno delineando vari profili…

  • Come fare il gelato senza gelatiera

    Siete anche voi una di quelle persone che impazziscono quando entrano in una gelateria millegusti? Amate esplorare e creare in cucina? Avete desiderio di gelato anche a Gennaio? Ecco la ricetta che fa per voi…

  • Le pecore. Quelle vere…

    Le pecore, Perché quelle vere? Perché ci sono veramente, e sono veramente tante…
    Al contrario delle pecore d’Abruzzo che non ho mai visto…
    Il famoso “arrosticino” abruzzese si dice che sia prevalentemente fatto di carne importata dall’Irlanda…

  • Serpenti in tavola

    Oggi vi parlerò di un’altra prova iniziatica culinaria che ho vissuto in Sardegna. Ovvero delle anguille, che in Sardegna vengono impiattate a mo’ di serpente…

  • Casu Marzu, un alieno nel frigorifero

    Non vi tragga in inganno il nome esotico! Tutte queste “u” finali fanno presagire che trattasi di “cosa” sarda…
    Questa “cosa” sta nel frigorifero di casa mia…