Chi è stato in Grecia non può non aver assaggiato almeno una volta la Feta, il formaggio greco per antonomasia. Nelle taverne e nei ristoranti viene proposta in mille ricette, sia al naturale che cotta o insieme ad altri ingredienti per la realizzazione di gustosissimi piatti.
Ma dove nasce esattamente la Feta? La Feta nasce a Cefalonia, nella meravigliosa isola ionica dal mare turchese.
Sembra proprio che il formaggio greco più famoso al mondo abbia avuto i suoi natali su quest’isola e che la sua storia sia legata a povertà ed immigrazione da parte dei pastori cefalleni.

Le pecore e le capre da sempre sono state i maggiori allevamenti presenti a Cefalonia, il loro latte veniva lavorato per essere poi trasformato in formaggio Feta sin dai tempi di Omero.

Verso la fine degli anni ’30 Cefalonia ha visto andar via la maggior parte della sua popolazione, in conseguenza ad una crisi economica. Con essa moltissimi allevatori furono costretti ad abbandonare l’isola e a trasferirsi sul continente greco, portandosi la tradizione della lavorazione del latte di capra e di pecora. La regione dell’Epiro, in particolar modo la città di Ioannina (Giannina) a Sud, fu la destinazione finale per i pastori e allevatori di Cefalonia per poter fondare una nuova vita. Ed è così che, oggi, Ioannina viene definita la Patria della Feta.
L’ironia della sorte, vuole che attualmente il formaggio Feta prodotto nell’isola di Cefalonia non possa chiamarsi tale, ma che tale diritto spetti soltanto alla città di Ioannina , dove attualmente viene prodotto a livello industriale, in quanto paese che ne ha favorito lo sviluppo.

Ma cerchiamo di capire come viene prodotta e lavorata la Feta:

Essa è realizzata dalla coagulazione del latte di pecora per il 70% e per il 30% da latte di capra. La lavorazione prevede due fasi. La prima è quella in cui la cagliata viene posta in stampi rettangolari per la fase di spurgo ( il nome feta significa Fetta). Nella seconda fase le forme rettangolari di formaggio vengono salate in superficie e sistemate in recipienti di legno, bagnate con una salamoia, che altro non è che una miscela di acqua e sale che ha il compito di preservare il formaggio dallo sviluppo di microrganismi e muffe. Le fasi successive sono quelle della maturazione, la prima dura 15 giorni e la seconda 30 giorni.
La Feta è un formaggio friabile, di colore bianco altamente digeribile e molto meno allergenico rispetto ad altri formaggi fatti con latte vaccino. Ricco di calcio, particolarmente adatto nelle diete che ne prevedono un apporto maggiore.

Indicato per la cure delle anemie in quanto possiede vitamina B12 e piccole quantità di ferro.

Ma non bisogna esagerare con il consumo, non dimentichiamo che è un formaggio ricco di sodio, pertanto per chi ha problemi di ipertensione se ne consiglia un uso moderato, evitando di salare gli altri ingredienti che compongono il pasto.


La Feta è un formaggio versatile. Nella cucina greca è sempre la protagonista di piatti come la Greek salad, le polpette di zucchine, la Riganada (pane bruschettato con pomodori, origano e feta), la Saganaki (feta cotta al forno con origano), con le melanzane e i peperoni ripieni, oppure “nature” con dell’ottimo olio extra vergine, origano, accompagnata da una calda e fragante Pita. Io la uso per la realizzazione di un primo piatto estivo semplice e veloce , ma gustosissimo:

Fusilli con Feta, pomodorini, olive kalamata e origano

Preparare in un piatto da portata i pomodorini datterini tagliati a pezzetti, olive kalamata denocciolate, olio extra vergine, origano e la feta sbriciolata. Unire la pasta al condimento, amalgamare ben bene e servire. Abbinato ad un bel calice di vino bianco greco è la fine del mondo!

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • Il formaggio Feta figlio dell’Isola di Cefalonia

    Chi è stato in Grecia non può non aver assaggiato almeno una volta la Feta, il formaggio greco per antonomasia. Nelle taverne e nei ristoranti viene proposta in mille ricette, sia al naturale che cotta o insieme ad altri ingredienti per la realizzazione di gustosissimi piatti…

  • Bee the Future – L’Ape per il futuro

    In inglese ape si scrive “Bee” e si legge “bi”, come il verbo “essere” in inglese e non è un caso:
    essere = siamo = esistiamo grazie alle api che rappresentano la vita…

  • CHEF ESPRIT, Giovani Chef coreani alla ribalta

    Presso la bellissima location del Gran Palace Hotel di Via Veneto, i palati della stampa romana sono stati deliziati dalle ricette gourmet dei giovani talenti coreani, i quali hanno proposto i piatti della tradizione coreana influenzati dai sapori del viaggio italiano intrapreso, fondendo con sapiente armonia la cultura culinaria occidentale e quella orientale…

  • Festa a Vico 2019 – La festa dello Chef Gennaro Esposito

    Prendi un Paese della Penisola Sorrentina, Vico Equense, un gioiello tra l’azzurro del mare e il verde del Monte Faito, metti 300 Chef, 18 Chef Stellati, 60 aziende produttrici di prodotti di eccellenza, fotografi, giornalisti, addetti ai social ed ecco che avrai “Festa a Vico”

  • Mieru. Il Negroamaro a Roma – Hotel Savoy

    Venerdi 17 maggio 2019, si è svolto a Roma, presso le Sale del Hotel Savoy, un’interessante degustazione con tre Seminari sul Negramaro proposte da GnamGlam in collaborazione con l’Associazione De Gusto Salento.

  • Asparagi e Vespaiolo

    Se ad allietare i nostri piatti durante il nostro percorso in provincia di Vicenza ci sono gli Asparagi bianchi di Bassano D.O.P., a quale miglior abbinamento pensare, se non ad un caratteristico vino bianco come il Vespaiolo?

  • La Pastiera Napoletana. Storia e origini.

    La storia vuole che la “pastiera” sia nata, nel 1600, tra le mura del Convento delle Suore di San Gregorio Armeno, le quali, con sapienza e devozione, si dedicavano all’impasto degli ingredienti e alla preparazione del dolce pasquale, per allietare il palato dei nobili napoletani.
    La leggenda narra invece…

  • La Catalanesca

    Re Alfonso trascorreva le sue giornate a Somma Vesuviana, dove la ragazza viveva e dove amava dedicarsi alla cura delle piante e al suo orto. Data la passione della fanciulla per la natura, il Sovrano decise di portarle in dono dalla Spagna delle barbatelle di uva “Catalana”, che furono impiantate sulle pendici del Monte Somma, fra Somma Vesuviana e Terzigno.