È lei, la zanzara la ragione della nascita di un territorio come quello dell’Agro Pontino. Tutto iniziò nel lontano 1918, quando il Genio Civile di Roma decise di studiare le zone dell’Agro Romano e dell’Agro Pontino; 135.000 ettari di terre paludose, che si estendevano a sud di Roma tra il mare e i Monti Lepini, regno incontrastato di zanzare portatrici di malaria, terreni da sanificare e da rendere coltivabili e soprattutto vivibili.
Nel 1927, durante il Fascismo, gli studi presero vita attraverso un progetto di risanamento epocale, che prevedeva non soltanto la bonifica di una provincia, ma una trasformazione sociale, un ripopolamento, la nascita di nuove città e di agglomerati urbani con cambiamenti culturali rilevanti per il territorio.

Le terre bonificate dovevano essere coltivate e nei primi anni ’30 arrivarono i primi coloni dal Veneto, dal Ferrarese e dal Friuli.

L’Opera Nazionale Combattenti aveva il compito di raccogliere e controllare le richieste delle famiglie del Nord-Est che avevano risposto al bando. I requisiti richiesti erano che ogni famiglia doveva essere composta da almeno 4 uomini, 2 donne e 1 ex combattente della Prima Guerra Mondiale. Ad essi veniva assegnata una casa colonica, riscattabile in cinque anni, fornita di forno, camere e servizi, terra da coltivare, abbeveratoi, fienile per gli animali e il libretto colonico, sul quale ogni due settimane L’Opera Nazionale Combattenti, versava da 50 a 600 Lire a famiglia. Per molti coloni veneti, friulani, ferraresi tutto questo significava la realizzazione di un sogno.

Nascono le città di Sabaudia, Pontinia, Pomezia, Aprilia. La città di Littoria cambia nome e diventa Latina.

Agglomerati urbani limitrofi vengono “battezzati” con i nomi dei luoghi dove furono svolte le battaglie decisive e vittoriose della Prima Guerra Mondiale: Borgo Piave, Borgo Sabatino, Borgo Podgora e via dicendo. Insomma una nuova terra ma con una cultura e con tradizioni del Nord-Est di Italia.
Ed con la riforma agricola pontina che si iniziano ad allevare le bufale, in particolare a Pontinia. Esse furono la conseguenza diretta della bonifica: animali resistenti, che amano l’acqua e soprattutto ghiotte di erba, la stessa erba che cresceva lungo i canali di bonifica e vicino alle idrovore. Allevamenti intensivi, con una notevole produzione di latte ottimo per lavorare mozzarelle, ricotta e formaggi. Ma non solo, delle bufale è ottima anche la carne.
Da due anni a questa parte, l’Assessorato alle Politiche Giovanili e della Promozione del Territorio del Comune di Pontinia, capitanato dal giovane e promettente Matteo Lovato, in collaborazione con Arsial, Regione Lazio e con il Patrocinio della Provincia di Latina, promuove il territorio e le sue eccellenze nel campo agroalimentare, attraverso una manifestazione dal titolo “Lady Bu”. Street food con piatti rigorosamente di carne di bufaletta, succose mozzarelle, dolci con ricotta di bufala, divertimento e giochi di strada per bambini bambini, ormai dimenticati o sconosciuti come la “campana” o “uno-due-tre-stella”, il tutto per creare un senso di appartenenza al territorio, di conoscenza e convivialità all’interno della comunità sempre più multietnica e colorata, che vede affiancare alle nuove generazioni dei vecchi coloni veneti, friuliani e ferraresi, gli indiani Sikh, esperti allevatori di mucche e di bufale e ottimi agricoltori.
La storia del territorio è raccontata egregiamente all’interno del Museo dell’Agro Pontino, ubicato nella piazza principale di Pontinia. Giornali dell’epoca, fotografie, attrezzi per l’agricoltura e storie di vita dei coloni pontini.
E ancora una volta il cibo racconta la storia di una società, qui a Pontinia si mangia il pane ferrarese, si producono formaggi come il Taleggio, il Camembert, il Gorgonzola con il latte di bufala, tutti prodotti tipicamente appartenenti a culture enogastronomiche della Pianura Padana. A testimonianza che le tradizioni seguono i popoli indipendentemente dal luogo in cui si vive.

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • L’Agro Pontino, la Bufaletta di Pontinia e tanto di più

    È lei, la zanzara la ragione della nascita di un territorio come quello dell’Agro Pontino…

  • Il formaggio Feta figlio dell’Isola di Cefalonia

    Chi è stato in Grecia non può non aver assaggiato almeno una volta la Feta, il formaggio greco per antonomasia. Nelle taverne e nei ristoranti viene proposta in mille ricette, sia al naturale che cotta o insieme ad altri ingredienti per la realizzazione di gustosissimi piatti…

  • Bee the Future – L’Ape per il futuro

    In inglese ape si scrive “Bee” e si legge “bi”, come il verbo “essere” in inglese e non è un caso:
    essere = siamo = esistiamo grazie alle api che rappresentano la vita…

  • CHEF ESPRIT, Giovani Chef coreani alla ribalta

    Presso la bellissima location del Gran Palace Hotel di Via Veneto, i palati della stampa romana sono stati deliziati dalle ricette gourmet dei giovani talenti coreani, i quali hanno proposto i piatti della tradizione coreana influenzati dai sapori del viaggio italiano intrapreso, fondendo con sapiente armonia la cultura culinaria occidentale e quella orientale…

  • Festa a Vico 2019 – La festa dello Chef Gennaro Esposito

    Prendi un Paese della Penisola Sorrentina, Vico Equense, un gioiello tra l’azzurro del mare e il verde del Monte Faito, metti 300 Chef, 18 Chef Stellati, 60 aziende produttrici di prodotti di eccellenza, fotografi, giornalisti, addetti ai social ed ecco che avrai “Festa a Vico”

  • Mieru. Il Negroamaro a Roma – Hotel Savoy

    Venerdi 17 maggio 2019, si è svolto a Roma, presso le Sale del Hotel Savoy, un’interessante degustazione con tre Seminari sul Negramaro proposte da GnamGlam in collaborazione con l’Associazione De Gusto Salento.

  • Asparagi e Vespaiolo

    Se ad allietare i nostri piatti durante il nostro percorso in provincia di Vicenza ci sono gli Asparagi bianchi di Bassano D.O.P., a quale miglior abbinamento pensare, se non ad un caratteristico vino bianco come il Vespaiolo?

  • La Pastiera Napoletana. Storia e origini.

    La storia vuole che la “pastiera” sia nata, nel 1600, tra le mura del Convento delle Suore di San Gregorio Armeno, le quali, con sapienza e devozione, si dedicavano all’impasto degli ingredienti e alla preparazione del dolce pasquale, per allietare il palato dei nobili napoletani.
    La leggenda narra invece…

  • La Catalanesca

    Re Alfonso trascorreva le sue giornate a Somma Vesuviana, dove la ragazza viveva e dove amava dedicarsi alla cura delle piante e al suo orto. Data la passione della fanciulla per la natura, il Sovrano decise di portarle in dono dalla Spagna delle barbatelle di uva “Catalana”, che furono impiantate sulle pendici del Monte Somma, fra Somma Vesuviana e Terzigno.