È lei, la zanzara la ragione della nascita di un territorio come quello dell’Agro Pontino. Tutto iniziò nel lontano 1918, quando il Genio Civile di Roma decise di studiare le zone dell’Agro Romano e dell’Agro Pontino; 135.000 ettari di terre paludose, che si estendevano a sud di Roma tra il mare e i Monti Lepini, regno incontrastato di zanzare portatrici di malaria, terreni da sanificare e da rendere coltivabili e soprattutto vivibili.
Nel 1927, durante il Fascismo, gli studi presero vita attraverso un progetto di risanamento epocale, che prevedeva non soltanto la bonifica di una provincia, ma una trasformazione sociale, un ripopolamento, la nascita di nuove città e di agglomerati urbani con cambiamenti culturali rilevanti per il territorio.

Le terre bonificate dovevano essere coltivate e nei primi anni ’30 arrivarono i primi coloni dal Veneto, dal Ferrarese e dal Friuli.

L’Opera Nazionale Combattenti aveva il compito di raccogliere e controllare le richieste delle famiglie del Nord-Est che avevano risposto al bando. I requisiti richiesti erano che ogni famiglia doveva essere composta da almeno 4 uomini, 2 donne e 1 ex combattente della Prima Guerra Mondiale. Ad essi veniva assegnata una casa colonica, riscattabile in cinque anni, fornita di forno, camere e servizi, terra da coltivare, abbeveratoi, fienile per gli animali e il libretto colonico, sul quale ogni due settimane L’Opera Nazionale Combattenti, versava da 50 a 600 Lire a famiglia. Per molti coloni veneti, friulani, ferraresi tutto questo significava la realizzazione di un sogno.

Nascono le città di Sabaudia, Pontinia, Pomezia, Aprilia. La città di Littoria cambia nome e diventa Latina.

Agglomerati urbani limitrofi vengono “battezzati” con i nomi dei luoghi dove furono svolte le battaglie decisive e vittoriose della Prima Guerra Mondiale: Borgo Piave, Borgo Sabatino, Borgo Podgora e via dicendo. Insomma una nuova terra ma con una cultura e con tradizioni del Nord-Est di Italia.
Ed con la riforma agricola pontina che si iniziano ad allevare le bufale, in particolare a Pontinia. Esse furono la conseguenza diretta della bonifica: animali resistenti, che amano l’acqua e soprattutto ghiotte di erba, la stessa erba che cresceva lungo i canali di bonifica e vicino alle idrovore. Allevamenti intensivi, con una notevole produzione di latte ottimo per lavorare mozzarelle, ricotta e formaggi. Ma non solo, delle bufale è ottima anche la carne.
Da due anni a questa parte, l’Assessorato alle Politiche Giovanili e della Promozione del Territorio del Comune di Pontinia, capitanato dal giovane e promettente Matteo Lovato, in collaborazione con Arsial, Regione Lazio e con il Patrocinio della Provincia di Latina, promuove il territorio e le sue eccellenze nel campo agroalimentare, attraverso una manifestazione dal titolo “Lady Bu”. Street food con piatti rigorosamente di carne di bufaletta, succose mozzarelle, dolci con ricotta di bufala, divertimento e giochi di strada per bambini bambini, ormai dimenticati o sconosciuti come la “campana” o “uno-due-tre-stella”, il tutto per creare un senso di appartenenza al territorio, di conoscenza e convivialità all’interno della comunità sempre più multietnica e colorata, che vede affiancare alle nuove generazioni dei vecchi coloni veneti, friuliani e ferraresi, gli indiani Sikh, esperti allevatori di mucche e di bufale e ottimi agricoltori.
La storia del territorio è raccontata egregiamente all’interno del Museo dell’Agro Pontino, ubicato nella piazza principale di Pontinia. Giornali dell’epoca, fotografie, attrezzi per l’agricoltura e storie di vita dei coloni pontini.
E ancora una volta il cibo racconta la storia di una società, qui a Pontinia si mangia il pane ferrarese, si producono formaggi come il Taleggio, il Camembert, il Gorgonzola con il latte di bufala, tutti prodotti tipicamente appartenenti a culture enogastronomiche della Pianura Padana. A testimonianza che le tradizioni seguono i popoli indipendentemente dal luogo in cui si vive.

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • I Liquori artigianali di “Passarella”

    Quanti di noi alla fine di buon pranzo o di una cena, propongono ai propri ospiti un bicchierino di liquore, come digestivo o semplicemente per chiudere piacevolmente il pasto? Credo tutti, anzi…

  • La romanità vera de Checco Er Carettiere

    Nel cuore di Trastevere, a pochissimi passi da Piazza Trilussa, in via Benedetta 10, c’è Checco Er Carettiere, il ristorante che da quasi 90 anni porta avanti la tradizione della cucina romana. La storia di Francesco Porcelli detto Checco e sua moglie Diomira inizia nel 1935…

  • FORMATICUM 2024

    Si è svolta a Roma, nei giorni 3 e 4 marzo 2024, presso la sede della Città dell’Altra Economia a Testaccio, la quinta edizione di Formaticum, il Festival che promuove e valorizza gli artigiani casari italiani…

  • L’olio extra vergine delle Nonne Molisane

    Tra chiacchiere e curiosità, con gli ospiti, emerse che, molti confondevano la Basilicata con il Molise e che di questa piccola regione dell’Italia centro meridionale, pochi ne conoscevano le bellezze storiche e naturali. Il Molise, infatti…

  • PANETTONE MAXIMO 2023

    In una calda atmosfera prenatalizia, l’evento Panettone Maximo 2023 ha coinvolto ben 42 pasticcerie e forni provenienti da diverse le regioni d’Italia, in gara per aggiudicarsi il premio per il miglior panettone artigianale classico e panettone artigianale al cioccolato…

  • Presentazione della Guida de “La Pecora Nera” – Roma – 2024

    Da oltre venti anni la guida enogastronomica de La Pecora Nera Editore è lo strumento attraverso il quale esperti del settore in forma anonima, come dei veri e propri clienti “che pagano il conto”, offrono uno spaccato autentico delle eccellenze del territorio…

  • I virtuosi della panna a Ripa Grande

    Martedì 19 settembre 2023, nella splendida location dei giardini di “Ripa Grande”, si è svolto l’evento più “pannoso” dell’anno. Protagonisti i Maestri Gelatieri Alessandro Giuffre’…

  • PIZZA WEEK ROMA EDITION

    Dal 10 al 14 LUGLIO 2023 Roma ha ospitato l’edizione di 50 Top Pizza, la guida dedicata alla pizza di qualità. Un evento diffuso in tutta la capitale che ha visto coinvolte piu’ di 40 pizzerie con iniziative rivolte alla Regina degli impasti lievitati…

  • ROMA HORTUS VINI

    Roma Hortus Vini 2023, è stata un’occasione speciale sia per esperti del settore, per gli appassionati e i numerosi turisti stranieri che hanno apprezzato dal tramonto sino a notte fonda, i vini in degustazione nella splendida…

  • Il Roero a Roma

    I vini del Roero esprimono tutto il fascino di un territorio, che vede ogni anno aumentare la presenza di turisti provenienti da tutto il mondo pronti a farsi ammaliare dalle dolci colline, dai borghi storici e…

  • L’importanza di chiamarsi olio extravergine di qualità

    L’olio extravergine di oliva è l’ingrediente fondamentale della cucina mediterranea, fa parte del nostro quotidiano, lo usiamo per condire, per cucinare, avendo sempre più la consapevolezza che portare in tavola un piatto realizzato con un olio extravergine italiano di qualità …

  • NEBBIOLO NEL CUORE

    Si è svolta a Roma nei giorni 14/15 gennaio 2023, presso l’Hotel Palatino, la IX edizione della manifestazione “Nebbiolo nel cuore” promossa da RISERVA GRANDE. L’evento…

  • “Il favoloso Mondo di Laura” Biscottificio artigianale in Roma

    Il favoloso “mondo di Laura” al secolo Laura Raccah, pasticcera, maître chocolatier e viaggiatrice. Il biscottificio artigianale si trova in via Tiburtina 263, l’ingresso è riconoscibile…

  • IL PISTACCHIO di RAFFADALI D.O.P.
  • Le terrazze al Colosseo – Il nuovo ristorante sui tetti di Roma

    Roma è Roma, bella, imponente, ricca di storia, ma vista dall’alto, magari da una bella terrazza a due passi dal Colosseo è ancora più affascinante…