Dopo un bel po’ di divagare, torniamo in terra sarda (la terra che mi ospita) e parliamo del dolce sardo per definizione: le seadas.
Tonde e dorate come il sole pieno della Sardegna, profumate di agrumi e miele.
Un innamoramento! La prima volta che sono stata in Sardegna, nell’ 85, me ne sono mangiata una ogni sera… per un mese!
E, giuro, quasi non potevo credere che era un dolce con il cuore di formaggio.

Ma vediamo la ricetta che vi consiglio di provare.
Gli ingredienti sono semplici ed essenziali, come è semplice ed essenziale tutta la cucina sarda.

Ingredienti:

500 gr di formaggio pecorino freschissimo (astenersi “galbanini” e perditempo…)
500 gr di farina 00 (alcuni usano metà farina e metà semola)
50 gr di strutto
acqua quanto basta (l’impasto deve risultare elastico e compatto)
1 cucchiaio semola (facoltativo)
scorza di 2 limoni
sale
miele (che io scaldo leggermente, dev’essere tiepido e fuso e aromatizzato con una spruzzata di limone o arancia)

Impastate la farina con dell’acqua tiepida e un pizzico di sale, unite lo strutto a pezzi e a temperatura ambiente e lavorate sino al completo assorbimento. Lasciate riposare la pasta coperta con un tovagliolo. Tagliate il formaggio a pezzetti e mettetelo in un tegame facendolo fondere a fuoco basso mescolando (se dovesse formarsi del siero, unite un cucchiaio di semola).

Quando il formaggio sarà fuso, versatelo su un foglio di carta da forno e, prima che indurisca, modellatelo in modo da ottenere un rettangolo di circa 20 x 30 cm. Cospargete di scorza di limone grattugiata e, una volta riacquistata consistenza, tagliatelo in una dozzina di dischi.

Ricavate delle sfoglie non troppo sottili dall’impasto, poggiateci sopra i dischi di formaggio e ricoprite con una seconda sfoglia. Premete con le mani per eliminare l’aria e pressate le sfoglie per saldarle insieme. Ritagliate con la rotella tagliapasta, lasciando un bordo di 2 cm intorno al formaggio.

Friggete in abbondante olio ben caldo. Girate quando la superficie del lato inferiore risulta dorata, poi sgocciolate e posate su carta assorbente. Vanno servite caldissime, irrorate di miele fuso aromatizzato con arancia o limone.
Ottimo l’abbinamento con un miele leggermente amaro come quello di corbezzolo.
Vi sembra complicato? Semplifichiamo: fai la pasta, la tiri per bene con l’aiuto della macchinetta, fai i dischi e ci metti il formaggio che vuoi (anche a fette o grattugiato), formi il raviolone e fai friggere. Il miele fuso aromatizzato con gli agrumi però è indispensabile (diffidate dei ristoranti che vi servono le seadas con zucchero a velo in 1000 ghirigori: il sapore non è lo stesso).
Le seadas vanno consumate fresche, si conservano in frigo per un paio di giorni (altrimenti congelatele) su un vassoietto di cartone con un po’ di semola, ben coperte di pellicola (abbiate cura di mettere un po’ di semola per non farle attaccare alla pellicola).

Quale dolce sardo riesce ad evocare così bene i colori e i profumi della Sardegna?

Photo credits: ilfiordicappero.com

  • Articoli
Luisa nasce nella Bassa Lodigiana 62 anni fa. Impara a leggere e a scrivere a quattro anni perché la madre si stanca di leggerle il Corriere dei piccoli. Alle elementari è quella che legge in classe le letture. A otto anni vince il primo premio in un concorso regionale con un tema scolastico. I suoi temi vengono letti in classe fino alle superiori. Studia e lavora a Milano finché non si innamora della Sardegna. Si trasferisce definitivamente in Sardegna quando decide di diventare mamma. Alla figlia trasmette l’amore per le letture e per gli animali. Ha appena lasciato l’ Abruzzo dove ha gestito per otto anni una location (il Vecchio Bosco di Ortona ) con annessa Associazione Culturale. Deve perennemente rinnovarsi e creare, altrimenti non sta bene. Nel 2017 ha pubblicato Storie Nere (una raccolta di 17 storie di gatti neri ) e, nel 2018, ha pubblicato Fi Fi (Fiabe e Filastrocche). Ha in cantiere Due streghe al telefono, Donne complicate e Magie in barattolo (il suo ricettario poco segreto di confetture ai fiori).
  • Lento come una lumaca

    In Sardegna le lumache sono considerate una vera e propria prelibatezza, e non c’è sardo che si rispetti che, dopo un paio di giornate di pioggia, non sparisca in campagna attrezzato di stivali di gomma e retino per la raccolta…

  • Primavera, tempo di cordula. O no?

    La cordula, chiamata anche treccia, è a base di interiora d’agnello e deve il suo nome alla forma che assume con l’intreccio degli intestini.
    E così intestino tenue e crasso, pancia e una rete, chiamata in sardo “sa nappa”, sono sapientemente intrecciati a formare la treccia…

  • Confettura ai Fiori d’arancio, il profumo della primavera in barattolo

    Quest’anno, complice un inverno mite e una primavera anticipata, riesco a fare la confettura ai fiori d’arancio a marzo, anziché a maggio…

  • La cucina degli avanzi di Paolo

    È un momentaccio, lo sappiamo tutti. Poi, scorrendo la home di fb, ti puoi imbattere anche in cose che ti scaldano il cuore. Mi riferisco alla “cucina degli avanzi” di Paolo Lepori…

  • La torta di Casale

    Quando ero piccola e andavo a trovare nonna Stella, sentivo il profumo di questa torta prima di arrivare a casa sua. La casa di nonna si affacciava su una grande corte lombarda dove c’era una panetteria che sfornava torte…

  • Seadas, il sole della Sardegna

    Le seadas, tonde e dorate come il sole pieno della Sardegna, profumate di agrumi e miele…

  • Nel regno di Polentonia…

    I polentoni si chiamano così per aver mangiato tanta polenta. Mia nonna Stella, classe 1899, mi raccontava che la sua generazione è sopravvissuta grazie alla polenta. Non c’era altro da mangiare…

  • Il mio panettone farcito

    Che Natale è senza panettone ripieno? Ecco come trasformare un panettone in una vera goduria…

  • I coccodrilli ovvero vari ed eventuali profili psicologici a tavola – seconda parte

    Mi sono iscritta per gioco (adoro scherzare!) ad un gruppo facebook dal nome che è tutto un programma: “Anonima coccodrilli” dove si confessano le varie dipendenze da cibo, il gruppo si fa sempre più esilarante e si stanno delineando vari profili…

  • I coccodrilli ovvero vari ed eventuali profili psicologici a tavola – prima parte

    Mi sono iscritta per gioco (adoro scherzare!) ad un gruppo facebook dal nome che è tutto un programma: “Anonima coccodrilli” dove si confessano le varie dipendenze da cibo, il gruppo si fa sempre più esilarante e si stanno delineando vari profili…

  • Come fare il gelato senza gelatiera

    Siete anche voi una di quelle persone che impazziscono quando entrano in una gelateria millegusti? Amate esplorare e creare in cucina? Avete desiderio di gelato anche a Gennaio? Ecco la ricetta che fa per voi…

  • Le pecore. Quelle vere…

    Le pecore, Perché quelle vere? Perché ci sono veramente, e sono veramente tante…
    Al contrario delle pecore d’Abruzzo che non ho mai visto…
    Il famoso “arrosticino” abruzzese si dice che sia prevalentemente fatto di carne importata dall’Irlanda…

  • Serpenti in tavola

    Oggi vi parlerò di un’altra prova iniziatica culinaria che ho vissuto in Sardegna. Ovvero delle anguille, che in Sardegna vengono impiattate a mo’ di serpente…

  • Casu Marzu, un alieno nel frigorifero

    Non vi tragga in inganno il nome esotico! Tutte queste “u” finali fanno presagire che trattasi di “cosa” sarda…
    Questa “cosa” sta nel frigorifero di casa mia…