Di cosa sto parlando? Delle castagne ovviamente! Questo frutto dal colore marrone e dalla polpa farinosa tanto da essere chiamata nella tradizione popolare antica il pane dei poveri per il suo alto valore energetico, ci annuncia l’arrivo dell’autunno. Nei mercati e nei boschi, la castagna è la regina incontrastata delle tavole autunnali.
Conosciuta sin dall’antica Grecia e prediletta dagli antichi Romani che ne erano grandi consumatori, la castagna è da sempre il comfort food per eccellenza. I castagneti abbondano in Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio e Campania, ed ogni regione ha la propria Sagra della castagna. Qui nel Lazio ad esempio, a Canepina, nella Tuscia Viterbese, si celebrano nei weekend di ottobre le “Giornate della castagna canepinese dei Monti Cimini”. Nelle piazzette del paese vengono allestite grandi caldaie bucherellate per cuocere chili e chili di caldarroste da offrire agli ospiti.
Nel medioevo la farina di castagne veniva impiegata dalle popolazioni contadine degli Appennini per fare il pane in assenza del grano. Pare che nel 1500 sia stato inventato a Lucca il “Castagnaccio” un dolce povero, realizzato con la farina di castagne, pinoli, uva sultanina, rametti di rosmarino e olio extra vergine, diffondendosi poi in tutta Italia sino ai nostri giorni, alternando periodi di oblio e rivalutazione recente come prelibato cibo da strada.
Le proprietà energetiche e nutritive della castagna sono molteplici, ricca di ferro, potassio, magnesio, vitamina B2, vitamina PP, acido folico e carboidrati e proprio per questi ultimi va consumata con moderazione.
Oggi la castagna è utilizzata in tanti piatti della nostra cucina, dall’antipasto al dolce: tostate al forno con un pizzico di cannella, caldarroste, bollite, nei risotti, in confettura, nella preparazione di pasta fatta in casa, per arrosti e dessert, la castagna dà sfogo alla nostra fantasia culinaria, rendendo ogni piatto delizioso. Da bambina le adoravo bollite in acqua con una foglia di alloro e semi di finocchio.
Ma il vero matrimonio d’amore rimane il binomio “castagna – vino rosso”, meglio ancora se novello o frizzante come il Lambrusco o la Bonarda, oppure al Barbera o al Teroldego, ma anche all’Aglianico, l’ importante è che sia rosso, perché come dice il proverbio popolare: comp a castagnell ce vole o’ bicchieriell!00
E per ritornare al castagnaccio, il dolce che poi dolce non è, voglio lasciarvi la ricetta di mia Nonna Maria, romagnola di nascita e romana di adozione. Questa ricetta è la sua, anche perché non esiste una vera e propria ricetta del castagnaccio, ogni regione l’ha personalizzata aggiungendo o togliendo qualche ingrediente a piacere. Io lo preparo, come antipasto o aperitivo, servendolo tagliato a triangoli con la ricotta di pecora oppure con affettati e formaggi.

Ingredienti:

per 6/8 porzioni
300 gr. di farina di castagne;
1 bicchiere di acqua;
1 pizzico di sale;
50 gr. di uva sultanina;
50 gr. di pinoli;
scorza di arancia grattugiata;
100 ml. di olio extra vergine di oliva

Procedimento:

per la preparazione occorre una teglia bassa per pizza
Lavare l’uvetta, in una ciotola mettere la farina di castagna e aggiungere l’acqua amalgamando bene con la frusta. Unire l’uvetta, il pizzico di sale, la scorza di arancia, i pinoli. Predisporre nella teglia e stendere bene con le mani, lo spessore deve essere di un paio di centimetri. Mettere a filo l’olio infornare a 190° per 35 minuti.
Una volta pronto, lasciare raffreddare, tagliare a fettine e servire con abbinamenti a piacere.

Photo by Eugene Kuznetsov on Unsplash

 

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • “Quando il vino non è più mosto, il marrone è buono arrosto”

    Nel medioevo la farina di castagne veniva impiegata dalle popolazioni contadine degli Appennini per fare il pane in assenza del grano. Pare che nel 1500 sia stato inventato a Lucca il “Castagnaccio” un dolce povero…

  • La “pizza a metro” di Gigino o’ Zuzzuso

    Sono cresciuta con il mito della pizza a metro avendo avuto una mamma di Vico Equense, non poteva essere diversamente. Per me la “pizza” è questa…

  • Joleat, il marketplace dell’eccellenze enogastronomiche italiane

    Quello di cui vi voglio parlare è strettamente legato al mondo del marketplace, è la storia di tre giovani ragazzi creatori di una start up, una piattaforma dalla quale è possibile acquistare delle vere e proprie chicche del mondo agroalimentare italiano, chiamata Joleat…

  • Il Carricante – il Bianco dell’Etna

    Il mio primo incontro con il Carricante e i vitigni dell’Etna avvenne durante il corso per Sommelier…

  • I Ravioli dolci con ricotta e cioccolato di “Annamaria”

    Non ho ancora capito come e quando entra il Carnevale, ma una cosa è certa che a Carnevale, oltre alle frappe e alle castagnole, a Casa di Fulvia si preparano i Ravioli dolci con ricotta e cioccolato. Ecco a voi la storia dei miei ravioli dolci e la loro ricetta…

  • La Cuoca con la valigia

    Una volta all’anno varco i confini e vado a cucinare in Svizzera, a Basilea presso un’enoteca, dove organizzo due serate a tema regionale, presentando piatti della tradizione realizzati con materie prime genuine, ad ospiti Svizzeri curiosi e ansiosi di assaporare pasta fatta in casa, secondi, vini e dolci italiani…

  • Le Zeppoline di Nonno Pasquale

    Nonno Pasquale era un cuoco di professione, cucinava presso la mensa dei Cantieri Navali di Castellammare di Stabia. Diceva mia nonna che in cucina “ci ann stà e’ femmene” e pertanto, nonostante la sua dimestichezza con il cibo, non cucinava mai se non a Natale per preparare le famose zeppoline…

  • L’Agro Pontino, la Bufaletta di Pontinia e tanto di più

    È lei, la zanzara la ragione della nascita di un territorio come quello dell’Agro Pontino…

  • Il formaggio Feta figlio dell’Isola di Cefalonia

    Chi è stato in Grecia non può non aver assaggiato almeno una volta la Feta, il formaggio greco per antonomasia. Nelle taverne e nei ristoranti viene proposta in mille ricette, sia al naturale che cotta o insieme ad altri ingredienti per la realizzazione di gustosissimi piatti…

  • Bee the Future – L’Ape per il futuro

    In inglese ape si scrive “Bee” e si legge “bi”, come il verbo “essere” in inglese e non è un caso:
    essere = siamo = esistiamo grazie alle api che rappresentano la vita…

  • CHEF ESPRIT, Giovani Chef coreani alla ribalta

    Presso la bellissima location del Gran Palace Hotel di Via Veneto, i palati della stampa romana sono stati deliziati dalle ricette gourmet dei giovani talenti coreani, i quali hanno proposto i piatti della tradizione coreana influenzati dai sapori del viaggio italiano intrapreso, fondendo con sapiente armonia la cultura culinaria occidentale e quella orientale…

  • Festa a Vico 2019 – La festa dello Chef Gennaro Esposito

    Prendi un Paese della Penisola Sorrentina, Vico Equense, un gioiello tra l’azzurro del mare e il verde del Monte Faito, metti 300 Chef, 18 Chef Stellati, 60 aziende produttrici di prodotti di eccellenza, fotografi, giornalisti, addetti ai social ed ecco che avrai “Festa a Vico”

  • Mieru. Il Negroamaro a Roma – Hotel Savoy

    Venerdi 17 maggio 2019, si è svolto a Roma, presso le Sale del Hotel Savoy, un’interessante degustazione con tre Seminari sul Negramaro proposte da GnamGlam in collaborazione con l’Associazione De Gusto Salento.

  • Asparagi e Vespaiolo

    Se ad allietare i nostri piatti durante il nostro percorso in provincia di Vicenza ci sono gli Asparagi bianchi di Bassano D.O.P., a quale miglior abbinamento pensare, se non ad un caratteristico vino bianco come il Vespaiolo?

  • La Pastiera Napoletana. Storia e origini.

    La storia vuole che la “pastiera” sia nata, nel 1600, tra le mura del Convento delle Suore di San Gregorio Armeno, le quali, con sapienza e devozione, si dedicavano all’impasto degli ingredienti e alla preparazione del dolce pasquale, per allietare il palato dei nobili napoletani.
    La leggenda narra invece…