Pasqua chiama e le tradizioni culinarie italiane rispondono in massa.
Quale miglior risposta di un pane lievitato tipico del Centro Italia che si possa accompagnare a salumi e formaggi, perfetto anche nel cestino del picnic di fuori porta di Pasquetta?

Ho volutamente scelto, tra tante versioni della crescia (o pizza) al formaggio, tutte buonissime, la ricetta eugubina classica, perché mi affascina l’idea di una gastronomia che, per merito o colpa dell’isolamento geografico della città di Gubbio, si presenta quasi intatta dal viaggio nel corso dei secoli, così come l’architettura di questa deliziosa cittadina, chiamata non a caso “la città di pietra”.

La ricetta, per essere corretti, è stata tratta dal libro “Vecchia cucina eugubina” di Piero Luigi Menichetti e Luciana Menichetti Panfili, raccolta di vecchie ricette del territorio, ormai quasi impossibile da trovare e vero testimone di una cucina antica, orgogliosa della propria appartenenza a una terra forte e gentile allo stesso tempo.

Ricetta (come da testo originale)
Ingredienti:

Kg 1 di farina di grano
Gr 150 di burro
Gr 50 di strutto
Gr 100 di lievito di birra
Gr 500 di lievito di pane
Gr 300 di parmigiano reggiano grattugiato
Gr 100 di groviera tagliata a cubetti
Gr 500 di latte
Gr 30 di sale
10 uova

Esecuzione:
Alla sera, nella farina disposta a fontana sulla spianatoia, mettere il lievito di pane già disciolto con 250 gr. di latte e altrettanti di acqua tie pidi, e formare una pagnotta di pasta. Incidere la superficie con due tagli a croce, per facilitarne la lievitazione. Coprire il tutto per mantenere il calore.
Al mattino si rimescola questa pagnotta lievitata con il residuo latte intiepidito, si sfarina il lievito di birra; a parte in un grosso piatto si sbattono le uova, ci si aggiunge il parmigiano grattugiato, la gruviera a cubetti, il burro, lo strutto, il sale; si mescola il tutto, e si unisce alla pasta lievitata. Si “lavora” il tutto fin quando l’impasto sia soffice. In pentole profonde unte di burro o strutto, mettere un quantitativo di pasta che non superi la metà. Portare al forno per la lievitazione (di altre 8 h circa NDR) e cottura.
Buona Pasqua a tutti

Credits photo: tuttoggi.info

  • Articoli
Residente in Merida, Yucatan, Messico, ma nativa di Corniglio (Pr).Sono un avvocato che ha cambiato direzione. Dopo 22 anni di professione, nel 2014 sono partita per coronare il mio sogno: aprire un ristorante. Chiaramente un ristorante italiano all’estero. Mi piace veicolare la cultura gastronomica italiana, perché è un degno simbolo dello stile di vita del Belpaese. Nel ristorante tengo anche corsi di cucina italiana: e ci tengo anche a spiegare agli avventori il percorso culturale che ha portato alla ricetta che stanno per degustare. Cerco insomma di far sì che ogni visita al mio locale sia un piccolo viaggio in Italia. Cuoco e responsabile marketing presso ristorante di cucina tradizionale italiana “Dal Baffo” in Merida, Yucatan (Messico).
  • A CENA CON IL CARO ESTINTO: HANAL PIXAN

    In lingua maya, Hanal significa cibo, Pixan significa anime. Qui è radicatissima la credenza che, dal 31 ottobre al 2 di novembre di ogni anno, alle anime venga permesso di fare visita ai propri cari ancora vivi…

  • Il cibo: strumento di pace

    Si è svolto a Merida, Yucatan, dal 19 al 22 settembre 2019, il 17° Summit dei Nobel per la Pace.
    L’attenzione dell’inviato di Cavolo Verde è stata però rapita dall’evento nell’evento, il cibo come impronta di pace…

  • IL CHILE EN NOGADA

    Il Chile en Nogada, il piatto patrio messicano, è uno dei piatti tipici della cucina di Puebla, considerata una delle capitali gastronomiche della federazione messicana…

  • Il nopal, la natura non sempre è matrigna
  • Il pomodoro verde (anche fritto e anche alla fermata del treno)

    Il pomodoro verde, qui in Messico, se spontaneo e non coltivato, si chiama “miltomate”. La ricetta che vi propongo, semplicissima, per due persone, è stata tratta proprio dal ricettario di Fannie Flagg “Original Whistle Stop Café’ Cookbook; il passaggio più complicato è quello di eli-minare l’odore di fritto dalle tende

  • CRESCIA DI PASQUA AL FORMAGGIO DI GUBBIO

    Pasqua chiama e le tradizioni culinarie italiane rispondono in massa.
    Quale miglior risposta di un pane lievitato tipico del Centro Italia che si possa accompagnare a salumi e formaggi, perfetto anche nel cestino del picnic di fuori porta di Pasquetta?

  • IL MOLE

    Il mole è un prodotto della cultura preispanica, lo si considerava cibo da offrire come tributo agli dèi. Il suo nome originale era “mulli” (salsa); incontrandosi con il verbo spagnolo “moler” (macinare), è nato il MOLE.

  • BIBITE ANCESTRALI AL CACAO

    Cacao, cibo degli Dèi.
    E come meglio potevano onorarlo i popoli messicani preispanici se non preparandovi composti dissetanti e nutrienti assieme?

  • LA STORIA DEL TACO

    Il taco è il cibo messicano per eccellenza. È un disco di massa pressata di farina di mais o di farina di grano e acqua, cotto sulla piastra, piegato in due e poi riempito con tutto ciò che il buon gusto gastronomico può pensare. Come una piadina.
    Il taco è ovunque, imprescindibile e assolutamente democratico…

  • SUPERFOODS: LA CHAYA

    Oggi parliamo di una pianta che, se coltivata in maniera più intensiva, potrebbe facilmente salire, a ragione, sul podio dei superfoods mondiali, la CHAYA.

  • Chable’ Resort and SPA. Chochola’-Yucatan

    Oggi parliamo di lusso, quello vero. Quello che non deve essere confuso con la ricchezza, intendiamoci.

  • David Cetina, ambasciatore della gastronomia yucateca: fra cibo ancestrale e contaminazioni culturali

    David Cetina ha ricevuto molti riconoscimenti anche internazionali per la sua opera di divulgazione e preservazione della cultura gastronomica yucateca (è in contatto con Massimo Bottura e ha anche partecipato a trasmissioni Rai), ma orgogliosamente la prima cosa che rivendica è l’essere discendente di una famiglia “restaurantera” e di averne ereditato la tradizione culinaria, tramandatasi nel corso del tempo.

  • Saramuyo, il frutto che non ti aspetti
  • Gamberoni al cocco in salsa di mango
  • Il chile: ingrediente messicano ancestrale
  • Salsa tatemada di ananas e habanero: il Messico a casa vostra
  • Paolo Matteucci, il pizzaiolo innamorato del Messico
  • Chilaquile, la colazione messicana