Oggi parliamo di lusso, quello vero. Quello che non deve essere confuso con la ricchezza, intendiamoci.
Lo spunto di riflessione sono il Chable’ Resort and spa, situato in Chochola’-Yucatan, premiato, fra l’altro, come hotel più bello del mondo col Prix Versailles 2017 e il ristorante interno alla struttura, il Ixi’im.
Ho domandato a Rocco Bova (general manager del resort, un italiano, che orgoglio!) e a Luis Ronzon (executive chef di Ixiim), cosa significhi per loro il lusso, cosa significhi gestire realtà legate al lusso, quale sia il lusso richiesto da clienti che non abbiano problemi economici.
Entrambi, secondo le loro competenze, mi hanno fornito la stessa risposta: il lusso è il prendersi cura di sé, capire il valore aggiunto della bellezza dell’ambiente e degli alimenti, tutto per migliorare se stessi e spesso ritrovarsi.
L’hotel e il ristorante sono legati a filo doppio da questo concetto, è impressionante l’armonia che si riscontra fra le due realtà dell’accoglienza pura e della ristorazione.

Nell’hotel non troverete rubinetti d’oro, quelli no, quelli basta comprarli, basta avere i soldi, troverete però un ambiente pensato per far godere gli ospiti dell’armonia del bello, anche nella ricerca dei particolari più piccoli, nella assoluta professionalità, nella discrezione attenta, nella tutela dell’ambiente e nel recupero della storia di un luogo.

Lo spirito della struttura è proprio quello, le camere e le ville elegantissime dell’hotel vero e proprio sono tecnologicamente complete e dotate di tutti i comfort possibili (ancora penso a una cabina armadio grande come la mia sala da pranzo, con parete trasparente direttamente sul giardino privato, tenuto a giungla) ma immerse nella natura, con piscine private anche costruite intorno ad antiche rovine; l’arredamento e il menù del ristorante sono improntati a far sentire il cliente immerso nella natura del luogo; il tutto in un’ottica di totale presa in carico del cliente, in ogni momento della giornata.


Non a caso, appena arrivata in hotel, mi è stato subito offerto un centrifugato di spinaci, uva, kiwi, un modo gentile per darmi il benvenuto con un cocktail insieme buono e salutare.

Nel ristorante non troverete facili strizzate d’occhio alla moda e ad alimenti con nomi altisonanti, anche questi facili da comprare se ci sono i soldi sufficienti, troverete un ambiente raffinatissimo ma rilassante, assolutamente in linea con la natura che lo circonda: è un vecchio casale ristrutturato con grandi vetrate sul parco, le stoviglie sono spesso confezionate da artigiani locali.

Lo chef Luis Ronzon, 35 anni ma con alle spalle un passato importante di esperienze significative, fra l’altro, in Noma e in Quintonil, chef che potrebbe definirsi “arrivato”, mi ha invece parlato di rispetto per le persone e di gara con se stessi per migliorare sempre e comunque.
Mi ha parlato della sua ricerca degli ingredienti migliori, principalmente a km zero (i formaggi derivano da fattorie della zona, i vegetali direttamente dall’orto del ristorante, tenuto con il metodo Maya su strutture sopraelevate) ma anche di provenienza da altre zone, l’importante è per lui l’eccellenza di ciò che propone.


Mi ha parlato di ricette leggere, con le quali il sapore e l’aroma naturali degli alimenti possano essere valorizzati; mi ha parlato del patrimonio delle ricette tradizionali yucateche da cui attingere sempre nuovi spunti culturali.
In sostanza, mi ha parlato del lusso del mangiare cibi confezionati con amore, passione e cultura, lusso che non ha nulla a che fare con il costo dell’ingrediente, a riprova di ciò si è diffuso molto sul valore aggiunto di una buona cipolla, di un’erba fresca, di una ricotta ancora tiepida.
Il concetto è stato trasfuso nelle ricette del menù, leggere, saporite, con evidenti rimandi culturali allo yucatan e al Messico, eccezionali nella tecnica della realizzazione.
Lusso quindi come rispetto di sé, degli alimenti, dell’ambiente in cui viviamo. Il lusso alla portata di tutti.

  • Articoli
Residente in Merida, Yucatan, Messico, ma nativa di Corniglio (Pr).Sono un avvocato che ha cambiato direzione. Dopo 22 anni di professione, nel 2014 sono partita per coronare il mio sogno: aprire un ristorante. Chiaramente un ristorante italiano all’estero. Mi piace veicolare la cultura gastronomica italiana, perché è un degno simbolo dello stile di vita del Belpaese. Nel ristorante tengo anche corsi di cucina italiana: e ci tengo anche a spiegare agli avventori il percorso culturale che ha portato alla ricetta che stanno per degustare. Cerco insomma di far sì che ogni visita al mio locale sia un piccolo viaggio in Italia. Cuoco e responsabile marketing presso ristorante di cucina tradizionale italiana “Dal Baffo” in Merida, Yucatan (Messico).
  • A CENA CON IL CARO ESTINTO: HANAL PIXAN

    In lingua maya, Hanal significa cibo, Pixan significa anime. Qui è radicatissima la credenza che, dal 31 ottobre al 2 di novembre di ogni anno, alle anime venga permesso di fare visita ai propri cari ancora vivi…

  • Il cibo: strumento di pace

    Si è svolto a Merida, Yucatan, dal 19 al 22 settembre 2019, il 17° Summit dei Nobel per la Pace.
    L’attenzione dell’inviato di Cavolo Verde è stata però rapita dall’evento nell’evento, il cibo come impronta di pace…

  • IL CHILE EN NOGADA

    Il Chile en Nogada, il piatto patrio messicano, è uno dei piatti tipici della cucina di Puebla, considerata una delle capitali gastronomiche della federazione messicana…

  • Il nopal, la natura non sempre è matrigna
  • Il pomodoro verde (anche fritto e anche alla fermata del treno)

    Il pomodoro verde, qui in Messico, se spontaneo e non coltivato, si chiama “miltomate”. La ricetta che vi propongo, semplicissima, per due persone, è stata tratta proprio dal ricettario di Fannie Flagg “Original Whistle Stop Café’ Cookbook; il passaggio più complicato è quello di eli-minare l’odore di fritto dalle tende

  • CRESCIA DI PASQUA AL FORMAGGIO DI GUBBIO

    Pasqua chiama e le tradizioni culinarie italiane rispondono in massa.
    Quale miglior risposta di un pane lievitato tipico del Centro Italia che si possa accompagnare a salumi e formaggi, perfetto anche nel cestino del picnic di fuori porta di Pasquetta?

  • IL MOLE

    Il mole è un prodotto della cultura preispanica, lo si considerava cibo da offrire come tributo agli dèi. Il suo nome originale era “mulli” (salsa); incontrandosi con il verbo spagnolo “moler” (macinare), è nato il MOLE.

  • BIBITE ANCESTRALI AL CACAO

    Cacao, cibo degli Dèi.
    E come meglio potevano onorarlo i popoli messicani preispanici se non preparandovi composti dissetanti e nutrienti assieme?

  • LA STORIA DEL TACO

    Il taco è il cibo messicano per eccellenza. È un disco di massa pressata di farina di mais o di farina di grano e acqua, cotto sulla piastra, piegato in due e poi riempito con tutto ciò che il buon gusto gastronomico può pensare. Come una piadina.
    Il taco è ovunque, imprescindibile e assolutamente democratico…

  • SUPERFOODS: LA CHAYA

    Oggi parliamo di una pianta che, se coltivata in maniera più intensiva, potrebbe facilmente salire, a ragione, sul podio dei superfoods mondiali, la CHAYA.

  • Chable’ Resort and SPA. Chochola’-Yucatan

    Oggi parliamo di lusso, quello vero. Quello che non deve essere confuso con la ricchezza, intendiamoci.

  • David Cetina, ambasciatore della gastronomia yucateca: fra cibo ancestrale e contaminazioni culturali

    David Cetina ha ricevuto molti riconoscimenti anche internazionali per la sua opera di divulgazione e preservazione della cultura gastronomica yucateca (è in contatto con Massimo Bottura e ha anche partecipato a trasmissioni Rai), ma orgogliosamente la prima cosa che rivendica è l’essere discendente di una famiglia “restaurantera” e di averne ereditato la tradizione culinaria, tramandatasi nel corso del tempo.

  • Saramuyo, il frutto che non ti aspetti
  • Gamberoni al cocco in salsa di mango
  • Il chile: ingrediente messicano ancestrale
  • Salsa tatemada di ananas e habanero: il Messico a casa vostra
  • Paolo Matteucci, il pizzaiolo innamorato del Messico
  • Chilaquile, la colazione messicana