La Route 66, la famosissima strada spina dorsale degli USA, che collega Chicago a Santa Monica (California), è davvero una pietra miliare nell’immaginario collettivo; celebrata da scrittori, poeti, registi, pittori, rappresenta l’ideale di viaggio avventuroso e in piena libertà nella nazione americana.

E proprio perché la Route 66 attraversa da Est a Ovest il continente, addentrandosi nel profondo del territorio americano, è esattamente in questo viaggio di panorami mozzafiato che ci si può ancora imbattere nelle migliori espressioni del cibo “casalingo” di molti Stati, una cucina molto lontana dagli hamburger e dagli hot dogs che siamo soliti abbinare agli Usa.

Il filo conduttore del percorso è il comfort food, tanto caro agli Americani, che sempre abbinano il cibo “confortevole” al concetto di casa, come luogo degli affetti; il comfort food è quello che si trova in ristoranti, bar e Caffè tradizionali, non standardizzati, con proposte territoriali e legate alle stagioni, ristoranti in cui si possa pronunciare finalmente a proposito la rassicurante frase:

“Che c’è di buono oggi?” (What’s good today?).

La Route 66 è punteggiata di punti di ristoro assolutamente in tema; il percorso gastronomico diventa quindi vario, interessante e fuori dalla logica della ristorazione massiva. Locali più o meno famosi offrono ottimi, territoriali e mai banali comfort foods.
La scelta è ampia in questo percorso dei sapori made in Usa; potrete assaggiare, fra i tantissimi altri piatti: le marinated pork chops in Illinois, il bread pudding in Missouri, il custard pie in Kansas, i fagioli stufati in Oklahoma, la cheese and bacon soup in Texas, il red chili in New Mexico, la deep dish apple pie in Arizona. C’è solo l’imbarazzo della scelta in questa lunga lista di ricette tradizionali, lista che potrete divertirvi ad arricchire in loco.

Allego di seguito la ricetta dei pancakes di patate dell’Illinois, semplici ma gustosi, per una colazione veramente evocativa dell’America profonda.

PANCAKES DI PATATE

Ingredienti:
3 patate grandi
2 cucchiai rasi di farina
2 uova
1 cucchiaino di latte
1 cucchiaino scarso di sale
Pepe a piacere, ma siate generosi.
Olio per frittura (la ricetta originale indica olio di mais, chi scrive preferisce utilizzare l’olio di arachidi).

Procedimento:
Lessare le patate, poi aggiungere poco per volta la farina, Sbattere le uova con il latte, il sale e il pepe, mescolare e unire il ricavato al composto di patate e farina; se l’impasto risulta eccessivamente molle (deve essere morbido ma non troppo lento), aggiungere un poco di farina.
Scaldare a fiamma alta una padella antiaderente con tre cucchiai di olio per frittura, aggiungere una cucchiaiata abbondante del composto, allargandolo con un cucchiaio finché assume la classica forma rotonda ma non troppo sottile. Cuocere due/tre minuti per parte. Aggiungere olio per friggere se necessario.
Servire con sour cream o salsa a base di mele.

  • Articoli
Residente in Merida, Yucatan, Messico, ma nativa di Corniglio (Pr).Sono un avvocato che ha cambiato direzione. Dopo 22 anni di professione, nel 2014 sono partita per coronare il mio sogno: aprire un ristorante. Chiaramente un ristorante italiano all’estero. Mi piace veicolare la cultura gastronomica italiana, perché è un degno simbolo dello stile di vita del Belpaese. Nel ristorante tengo anche corsi di cucina italiana: e ci tengo anche a spiegare agli avventori il percorso culturale che ha portato alla ricetta che stanno per degustare. Cerco insomma di far sì che ogni visita al mio locale sia un piccolo viaggio in Italia. Cuoco e responsabile marketing presso ristorante di cucina tradizionale italiana “Dal Baffo” in Merida, Yucatan (Messico).
  • La Torta di pane

    In questo periodo di necessaria austerità, trovo che il recupero di ricette antiche basate sull’ottimizzazione degli ingredienti e sul “non spreco” sia un’ottima occasione per riscoprire le proprie radici gastronomiche.
    Era la mia amata zia Iolanda che mi preparava la torta di pane…

  • Route 66: un mito fra viaggi in libertà e gastronomia

    La Route 66 è punteggiata di punti di ristoro assolutamente in tema; il percorso gastronomico diventa quindi vario, interessante e fuori dalla logica della ristorazione massiva. Locali più o meno famosi offrono ottimi, territoriali e mai banali comfort foods…

  • TAMEYA, il fascino dello street food mediorientale

    La Tameya (fuori dall’Egitto conosciuta più comunemente come falafel) è una polpetta fritta di legumi alquanto versatile e costituente uno dei pilastri della cucina mediorientale…

  • Datteri, oro d’Oriente

    Ma voi li avete mai mangiati i datteri, quelli veri? Quelli che nulla hanno a che fare con quei pove-ri frutti secchi tutto nocciolo, costretti e soffocati negli impacchi di plastica e polistirolo, tristi comparse di un finale frettoloso del pranzo di Natale?

  • A CENA CON IL CARO ESTINTO: HANAL PIXAN

    In lingua maya, Hanal significa cibo, Pixan significa anime. Qui è radicatissima la credenza che, dal 31 ottobre al 2 di novembre di ogni anno, alle anime venga permesso di fare visita ai propri cari ancora vivi…

  • Il cibo: strumento di pace

    Si è svolto a Merida, Yucatan, dal 19 al 22 settembre 2019, il 17° Summit dei Nobel per la Pace.
    L’attenzione dell’inviato di Cavolo Verde è stata però rapita dall’evento nell’evento, il cibo come impronta di pace…

  • IL CHILE EN NOGADA

    Il Chile en Nogada, il piatto patrio messicano, è uno dei piatti tipici della cucina di Puebla, considerata una delle capitali gastronomiche della federazione messicana…

  • Il nopal, la natura non sempre è matrigna
  • Il pomodoro verde (anche fritto e anche alla fermata del treno)

    Il pomodoro verde, qui in Messico, se spontaneo e non coltivato, si chiama “miltomate”. La ricetta che vi propongo, semplicissima, per due persone, è stata tratta proprio dal ricettario di Fannie Flagg “Original Whistle Stop Café’ Cookbook; il passaggio più complicato è quello di eli-minare l’odore di fritto dalle tende

  • CRESCIA DI PASQUA AL FORMAGGIO DI GUBBIO

    Pasqua chiama e le tradizioni culinarie italiane rispondono in massa.
    Quale miglior risposta di un pane lievitato tipico del Centro Italia che si possa accompagnare a salumi e formaggi, perfetto anche nel cestino del picnic di fuori porta di Pasquetta?

  • IL MOLE

    Il mole è un prodotto della cultura preispanica, lo si considerava cibo da offrire come tributo agli dèi. Il suo nome originale era “mulli” (salsa); incontrandosi con il verbo spagnolo “moler” (macinare), è nato il MOLE.

  • BIBITE ANCESTRALI AL CACAO

    Cacao, cibo degli Dèi.
    E come meglio potevano onorarlo i popoli messicani preispanici se non preparandovi composti dissetanti e nutrienti assieme?

  • LA STORIA DEL TACO

    Il taco è il cibo messicano per eccellenza. È un disco di massa pressata di farina di mais o di farina di grano e acqua, cotto sulla piastra, piegato in due e poi riempito con tutto ciò che il buon gusto gastronomico può pensare. Come una piadina.
    Il taco è ovunque, imprescindibile e assolutamente democratico…

  • SUPERFOODS: LA CHAYA

    Oggi parliamo di una pianta che, se coltivata in maniera più intensiva, potrebbe facilmente salire, a ragione, sul podio dei superfoods mondiali, la CHAYA.

  • Chable’ Resort and SPA. Chochola’-Yucatan

    Oggi parliamo di lusso, quello vero. Quello che non deve essere confuso con la ricchezza, intendiamoci.

  • David Cetina, ambasciatore della gastronomia yucateca: fra cibo ancestrale e contaminazioni culturali

    David Cetina ha ricevuto molti riconoscimenti anche internazionali per la sua opera di divulgazione e preservazione della cultura gastronomica yucateca (è in contatto con Massimo Bottura e ha anche partecipato a trasmissioni Rai), ma orgogliosamente la prima cosa che rivendica è l’essere discendente di una famiglia “restaurantera” e di averne ereditato la tradizione culinaria, tramandatasi nel corso del tempo.

  • Saramuyo, il frutto che non ti aspetti
  • Gamberoni al cocco in salsa di mango
  • Il chile: ingrediente messicano ancestrale
  • Salsa tatemada di ananas e habanero: il Messico a casa vostra
  • Paolo Matteucci, il pizzaiolo innamorato del Messico
  • Chilaquile, la colazione messicana