È sempre un piacere incontrare persone che lasciano un segno nel mondo della gastronomia. Se poi si parla di cucina italiana oltretutto all’estero, si diventa anche orgogliosi.

In Messico abbiamo scoperto una vera eccellenza, la Pizzeria Pizza e Core, di proprietà del nostro connazionale Paolo Matteucci e della sua socia messicana Sara Zazen.

Pizza e Core è il classico esempio di come si possa esportare la cucina italiana senza compromessi e divenire davvero l’Ambasciata italiana della gastronomia.

Core (cuore) davvero significa qualcosa in questa storia di successo: metterci il cuore nel cucinare, e anche essere colpiti al cuore da quella meravigliosa terra che è il Messico.

Il perché è presto detto.

In una chiacchierata davanti a una pizza e a una birra in una notte nella bianca, bella e calda Merida, capitale dell’assolato Stato dello Yucatan, Paolo Matteucci, anconetano doc, ci ha raccontato la sua storia di “cuore”.

Nel 2002 arrivò in Messico per partecipare al matrimonio di un amico e in questa occasione conobbe la sua futura moglie, si innamorò di lei e del Messico e decise che qui sarebbe stato il suo futuro.

Scelta dettata dal cuore e rivelatasi quanto mai opportuna.

Dal 2002 Paolo ha legato il suo destino, dedicandogli tutte le sue migliori energie, all’amato Messico, che lo ha ampiamente ricambiato. Come detto, Paolo è pizzaiolo e, ovunque abbia iniziato la sua attività, dallo stato di Michoacan a Durango a Merida, è sempre divenuto un punto di riferimento di buon gusto ed eccellenza. In Merida ha aperto la propria attività da meno di un anno e già viene citato sulle riviste del settore come uno degli indirizzi top della città.

E a buon conto: è da premettere che Paolo prepara solo ed esclusivamente pizze, come una volta (la sua si può considerare una pizzeria “dura e pura”) perché produce e confeziona in prima persona, senza alcuna facile delega; motiva la sua scelta perché, dice:

Per ottenere qualcosa di buono, bisogna dedicarvi tempo, passione, attenzione; non posso garantire la qualità che desidero se mi disperdo a seguire un menù troppo ampio. Voglio che ogni mio cliente sia coccolato come se fosse l’unico e desidero che mangi il cibo preparato dalle mie stesse mani; è, insomma, un atto d’amore e ogni avventore alla fine è un amico”.

Gli abbiamo chiesto come fa a garantire l’altissima qualità dei suoi prodotti anche in terra straniera, con il problema della difficile reperibilità di ingredienti di base veramente italiani (qui non siamo negli Usa, dove ormai si possono trovare davvero e facilmente tutte le nostre eccellenze). Così ci ha risposto: “È sempre questione di amore; ogni giorno prendo l’auto e giro per tutta la città, cerco gli ingredienti importati migliori, le materie prime fresche, le novità di stagione. E continuo a sperimentare. Ci vuole umiltà e voglia di rimettersi in gioco ogni volta che si prepara la massa, non bisogna indulgere per troppo tempo in una ricetta che ci ha convinto, bisogna sempre alzare l’asticella, per essere pronti anche ad affrontare tutte le variabili del clima così diverso dal nostro, dei lieviti capricciosi, delle farine non sempre ottimali.

Gli chiediamo cosa lo spinge a cercare sempre la perfezione nella qualità, invece di ben più facili compromessi. La risposta è semplice: “Mia mamma e mia nonna, quando cucinavano,  mi trasmettevano il loro amore; cercavano ed elaboravano quanto c’era di meglio per me, ogni volta che mangiavo era come una carezza. Questo è il modo migliore per onorare la memoria di chi mi ha dato così tanto affetto, il fare le cose per bene, come vanno fatte, senza risparmiarsi”.

Per i lettori: la pizza e i calzoni di Paolo Matteucci sono buonissimi, al 100% italiani, senza alcuna indulgenza. La carta varia spesso, proprio per seguire la disponibilità degli ingredienti: si spazia dalle ricette più classiche a quelle innovative con accostamenti anche interessanti come la pizza bianca con burrata, mortadella, zeste di limone; ce n’è davvero per tutti i gusti e ogni boccone è veramente come ritrovarsi in una Italia di qualità.

  • Articoli
Residente in Merida, Yucatan, Messico, ma nativa di Corniglio (Pr).Sono un avvocato che ha cambiato direzione. Dopo 22 anni di professione, nel 2014 sono partita per coronare il mio sogno: aprire un ristorante. Chiaramente un ristorante italiano all’estero. Mi piace veicolare la cultura gastronomica italiana, perché è un degno simbolo dello stile di vita del Belpaese. Nel ristorante tengo anche corsi di cucina italiana: e ci tengo anche a spiegare agli avventori il percorso culturale che ha portato alla ricetta che stanno per degustare. Cerco insomma di far sì che ogni visita al mio locale sia un piccolo viaggio in Italia. Cuoco e responsabile marketing presso ristorante di cucina tradizionale italiana “Dal Baffo” in Merida, Yucatan (Messico).
  • A CENA CON IL CARO ESTINTO: HANAL PIXAN

    In lingua maya, Hanal significa cibo, Pixan significa anime. Qui è radicatissima la credenza che, dal 31 ottobre al 2 di novembre di ogni anno, alle anime venga permesso di fare visita ai propri cari ancora vivi…

  • Il cibo: strumento di pace

    Si è svolto a Merida, Yucatan, dal 19 al 22 settembre 2019, il 17° Summit dei Nobel per la Pace.
    L’attenzione dell’inviato di Cavolo Verde è stata però rapita dall’evento nell’evento, il cibo come impronta di pace…

  • IL CHILE EN NOGADA

    Il Chile en Nogada, il piatto patrio messicano, è uno dei piatti tipici della cucina di Puebla, considerata una delle capitali gastronomiche della federazione messicana…

  • Il nopal, la natura non sempre è matrigna
  • Il pomodoro verde (anche fritto e anche alla fermata del treno)

    Il pomodoro verde, qui in Messico, se spontaneo e non coltivato, si chiama “miltomate”. La ricetta che vi propongo, semplicissima, per due persone, è stata tratta proprio dal ricettario di Fannie Flagg “Original Whistle Stop Café’ Cookbook; il passaggio più complicato è quello di eli-minare l’odore di fritto dalle tende

  • CRESCIA DI PASQUA AL FORMAGGIO DI GUBBIO

    Pasqua chiama e le tradizioni culinarie italiane rispondono in massa.
    Quale miglior risposta di un pane lievitato tipico del Centro Italia che si possa accompagnare a salumi e formaggi, perfetto anche nel cestino del picnic di fuori porta di Pasquetta?

  • IL MOLE

    Il mole è un prodotto della cultura preispanica, lo si considerava cibo da offrire come tributo agli dèi. Il suo nome originale era “mulli” (salsa); incontrandosi con il verbo spagnolo “moler” (macinare), è nato il MOLE.

  • BIBITE ANCESTRALI AL CACAO

    Cacao, cibo degli Dèi.
    E come meglio potevano onorarlo i popoli messicani preispanici se non preparandovi composti dissetanti e nutrienti assieme?

  • LA STORIA DEL TACO

    Il taco è il cibo messicano per eccellenza. È un disco di massa pressata di farina di mais o di farina di grano e acqua, cotto sulla piastra, piegato in due e poi riempito con tutto ciò che il buon gusto gastronomico può pensare. Come una piadina.
    Il taco è ovunque, imprescindibile e assolutamente democratico…

  • SUPERFOODS: LA CHAYA

    Oggi parliamo di una pianta che, se coltivata in maniera più intensiva, potrebbe facilmente salire, a ragione, sul podio dei superfoods mondiali, la CHAYA.

  • Chable’ Resort and SPA. Chochola’-Yucatan

    Oggi parliamo di lusso, quello vero. Quello che non deve essere confuso con la ricchezza, intendiamoci.

  • David Cetina, ambasciatore della gastronomia yucateca: fra cibo ancestrale e contaminazioni culturali

    David Cetina ha ricevuto molti riconoscimenti anche internazionali per la sua opera di divulgazione e preservazione della cultura gastronomica yucateca (è in contatto con Massimo Bottura e ha anche partecipato a trasmissioni Rai), ma orgogliosamente la prima cosa che rivendica è l’essere discendente di una famiglia “restaurantera” e di averne ereditato la tradizione culinaria, tramandatasi nel corso del tempo.

  • Saramuyo, il frutto che non ti aspetti
  • Gamberoni al cocco in salsa di mango
  • Il chile: ingrediente messicano ancestrale
  • Salsa tatemada di ananas e habanero: il Messico a casa vostra
  • Paolo Matteucci, il pizzaiolo innamorato del Messico
  • Chilaquile, la colazione messicana