Un piatto di pesce classico della cucina messicana.

È una ricetta degli anni ’80 ma ha preso talmente piede da diventare famosissima. Infatti, ormai non esiste ristorante di pesce che non ne serva una propria versione.

Ne rivendicano le origini sia gli Stati Messicani che si affacciano sulla costa del Pacifico, sia Cuba, sia le Hawaii, sia la città messicana di Campeche, capitale dello Stato di Campeche, situato sul golfo del Messico. Quest’ultima è probabilmente l’ipotesi più fondata in quanto il ristorante che ne rivendicava la ricetta originale (e sulla quale ha costruito la propria fortuna, avendo avuto l’accortezza di presentarla in pranzi cui partecipavano personalità pubbliche), il ristorante “303”, era situato proprio in Campeche, città famosa per la varietà, la qualità e l’abbondanza dei gamberi, oltre che, nei secoli scorsi, per i pirati. Ma questa è un’altra storia.

Tempo di preparazione: 30 minuti circa
(Dosi per 3 persone)

Ingredienti:

  • 500 grammi di gamberi di buona dimensione, già puliti; va lasciata la coda. In Messico si utilizzano i gamberi di dimensione jumbo, quindi avremo a disposizione circa 20 gamberi già puliti;
  •  ½ tazza di cocco tritato;
  • ½ tazza di pane grattugiato fine;
  • 2 cucchiaini di buccia di limone tritata;
  • ½ cucchiaino di sale;
  • 1 uovo;
  • olio per friggere (Evo, di arachidi o, come nella ricetta originale, di cocco);
  • 2 manghi maturi;
  • 1 cucchiaio di miele;
  • 1 cucchiaino di succo di limone;
  • 1 cucchiaino di salsa piccante o un peperoncino fresco tritato finissimo.

Procedimento:

Per i gamberi:

In una ciotola mescolare il cocco tritato, il pangrattato, la buccia di limone e il sale.

Sbattere l’uovo in un altro recipiente.

Immergere i gamberi prima nell’uovo sbattuto, poi nel composto di cocco e pangrattato.

Friggere i gamberi in olio bollente, circa due minuti per parte.

Per la salsa:

Ridurre i due manghi in purea, aggiungervi miele, succo di limone, il piccante a piacere e mescolare fino a ottenere un composto omogeneo. Nella ricetta originale si aggiungeva anche la polpa schiacciata di mezza mela, ma questa aggiunta è stata poi abbandonata nel tempo, dato che conferiva eccessiva dolcezza alla salsa. Nulla vieta di reintrodurla, a piacere del cuoco, aggiungendo magari un poco più di peperoncino per riequilibrare i sapori.

Impiattamento

Disporre la salsa nel fondo del piatto e adagiarvi i gamberi bollentissimi, come da foto.

Io personalmente però preferisco servire la salsa in una ciotolina a parte in cui “affondare” a piacere il gambero fritto, da mangiarsi preferibilmente con le mani tenendolo per la coda.

Buen provecho (buon appetito)!

  • Articoli
Residente in Merida, Yucatan, Messico, ma nativa di Corniglio (Pr).Sono un avvocato che ha cambiato direzione. Dopo 22 anni di professione, nel 2014 sono partita per coronare il mio sogno: aprire un ristorante. Chiaramente un ristorante italiano all’estero. Mi piace veicolare la cultura gastronomica italiana, perché è un degno simbolo dello stile di vita del Belpaese. Nel ristorante tengo anche corsi di cucina italiana: e ci tengo anche a spiegare agli avventori il percorso culturale che ha portato alla ricetta che stanno per degustare. Cerco insomma di far sì che ogni visita al mio locale sia un piccolo viaggio in Italia. Cuoco e responsabile marketing presso ristorante di cucina tradizionale italiana “Dal Baffo” in Merida, Yucatan (Messico).
  • A CENA CON IL CARO ESTINTO: HANAL PIXAN

    In lingua maya, Hanal significa cibo, Pixan significa anime. Qui è radicatissima la credenza che, dal 31 ottobre al 2 di novembre di ogni anno, alle anime venga permesso di fare visita ai propri cari ancora vivi…

  • Il cibo: strumento di pace

    Si è svolto a Merida, Yucatan, dal 19 al 22 settembre 2019, il 17° Summit dei Nobel per la Pace.
    L’attenzione dell’inviato di Cavolo Verde è stata però rapita dall’evento nell’evento, il cibo come impronta di pace…

  • IL CHILE EN NOGADA

    Il Chile en Nogada, il piatto patrio messicano, è uno dei piatti tipici della cucina di Puebla, considerata una delle capitali gastronomiche della federazione messicana…

  • Il nopal, la natura non sempre è matrigna
  • Il pomodoro verde (anche fritto e anche alla fermata del treno)

    Il pomodoro verde, qui in Messico, se spontaneo e non coltivato, si chiama “miltomate”. La ricetta che vi propongo, semplicissima, per due persone, è stata tratta proprio dal ricettario di Fannie Flagg “Original Whistle Stop Café’ Cookbook; il passaggio più complicato è quello di eli-minare l’odore di fritto dalle tende

  • CRESCIA DI PASQUA AL FORMAGGIO DI GUBBIO

    Pasqua chiama e le tradizioni culinarie italiane rispondono in massa.
    Quale miglior risposta di un pane lievitato tipico del Centro Italia che si possa accompagnare a salumi e formaggi, perfetto anche nel cestino del picnic di fuori porta di Pasquetta?

  • IL MOLE

    Il mole è un prodotto della cultura preispanica, lo si considerava cibo da offrire come tributo agli dèi. Il suo nome originale era “mulli” (salsa); incontrandosi con il verbo spagnolo “moler” (macinare), è nato il MOLE.

  • BIBITE ANCESTRALI AL CACAO

    Cacao, cibo degli Dèi.
    E come meglio potevano onorarlo i popoli messicani preispanici se non preparandovi composti dissetanti e nutrienti assieme?

  • LA STORIA DEL TACO

    Il taco è il cibo messicano per eccellenza. È un disco di massa pressata di farina di mais o di farina di grano e acqua, cotto sulla piastra, piegato in due e poi riempito con tutto ciò che il buon gusto gastronomico può pensare. Come una piadina.
    Il taco è ovunque, imprescindibile e assolutamente democratico…

  • SUPERFOODS: LA CHAYA

    Oggi parliamo di una pianta che, se coltivata in maniera più intensiva, potrebbe facilmente salire, a ragione, sul podio dei superfoods mondiali, la CHAYA.

  • Chable’ Resort and SPA. Chochola’-Yucatan

    Oggi parliamo di lusso, quello vero. Quello che non deve essere confuso con la ricchezza, intendiamoci.

  • David Cetina, ambasciatore della gastronomia yucateca: fra cibo ancestrale e contaminazioni culturali

    David Cetina ha ricevuto molti riconoscimenti anche internazionali per la sua opera di divulgazione e preservazione della cultura gastronomica yucateca (è in contatto con Massimo Bottura e ha anche partecipato a trasmissioni Rai), ma orgogliosamente la prima cosa che rivendica è l’essere discendente di una famiglia “restaurantera” e di averne ereditato la tradizione culinaria, tramandatasi nel corso del tempo.

  • Saramuyo, il frutto che non ti aspetti
  • Gamberoni al cocco in salsa di mango
  • Il chile: ingrediente messicano ancestrale
  • Salsa tatemada di ananas e habanero: il Messico a casa vostra
  • Paolo Matteucci, il pizzaiolo innamorato del Messico
  • Chilaquile, la colazione messicana