Spesso lo diamo per scontato. Lo annusiamo con aria critica, pronti a incolparlo di ogni difetto possa presentarsi nel vino. Altrettanto spesso sappiamo ben poco di lui.
Sto parlando del sughero, quel meraviglioso materiale naturale che preserva e protegge i nostri preziosi vini. Un materiale che, in Portogallo, viene usato in mille modi. Come coibentante o rivestimento per le pareti, ma anche come fibra per confezionare borse e altri oggetti.

Il sughero è la corteccia esterna, ignifuga e idrorepellente, della quercia da sughero, l’unico albero che può essere privato della corteccia senza morire.

Per avere un’idea di quanto il sughero sia prezioso, basta ricordare che una quercia deve avere minimo 25 anni affinché si possa prelevare la corteccia per la prima volta, e il sughero ricavato è destinato alla bioedilizia, ad essere macinato e a creare oggetti ornamentali.
Dovranno passare 50 anni perché il sughero sia di buona qualità, adatto a diventare tappo per grandi vini. Dovranno poi trascorrere almeno 9 anni prima che sia possibile prelevare nuovamente il sughero dalla stessa pianta.

L’operazione non è semplice, perché, se non si è esperti, si potrebbe intaccare la parte sottostante del tronco, e provocare la morte della pianta.

Una volta esportata, la corteccia viene essiccata per circa 6 mesi poi bollita per ridurne le impurità e sterilizzarla.

Il Portogallo è il primo produttore mondiale di sughero e fornice attorno al 53% della produzione globale. L’Alentejo è la regione portoghese nella quale vengono allevati la maggior parte delle querce da sughero, circa il 70% della produzione nazionale. Questo fa dell’Alentejo un territorio speciale, per biodiversità e conservazione dell’ambiente.
Pensateci, quando, la prossima volta, annuserete un tappo…

 

  • Articoli
E’ il direttore responsabile e la proprietaria del sito. Laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Milano, giornalista, iscritta all’ASA (Associazione Stampa Agroalimentare), degustatore ONAV e sommelier, è tra i più diffusi autori italiani contemporanei di cucina, studiosa di tradizioni popolari e ricercatrice di storia dell’alimentazione e della gastronomia, con, al suo attivo, un centinaio di pubblicazioni, tra saggistica e manualistica per editori quali Giunti, Mursia, Newton & Compton, De Vecchi, Xenia, ecc. Per anni ha scritto su un quotidiano a diffusione nazionale e su numerose riviste di settore. È presidente del CeSTAEG (Centro Studi Tradizioni Alimentari Eno Gastronomiche). Ragazza madre di undici gatti, vive sui Colli Bolognesi coltivando orto, rose, piante officinali e cucinando tagliatelle per gli amici. Se volete saperne di più visitate il blog: www.casarangoni.it o il sito: www.laurarangoni.com URL del sito web: http://www.laurarangoni.com
  • Vita, morte e miracoli del baccalà

    Uno dei mangiari tipici italiani, polenta e baccalà, ha una storia curiosa che vale davvero la pena raccontare. Fino a tutto il Quattrocento in Italia non si conosceva l’esistenza del merluzzo, ed è stato un veneziano a scoprirlo…

  • Baccalà, il maiale del mare

    Da quando vivo in Portogallo, sono “perseguitata” dal baccalà.
    È in ogni supermercato, in ogni ristorante, in ogni caffè che offra anche stuzzichini, persino nei negozi di frutta e verdura, nei banchi del mercato e sui camioncini degli ambulanti…

  • Sughero : il dono di un gigante gentile

    Il sughero è la corteccia esterna, ignifuga e idrorepellente, della quercia da sughero, l’unico albero che può essere privato della corteccia senza morire.

  • Felicità è pascolare al tramonto in riva al mare

    Da quando mi sono trasferita in Portogallo ogni giorno è una scoperta, o meglio, una riscoperta, di riti, usanze, saperi contadini a volte banali e semplici, ma efficacemente evocativi di un universo che, in Italia, se non proprio scomparso, si è fortemente ristretto e ripiegato su se stesso.

  • Siamo tornati…