In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso.
I cardini del quotidiano sono stati stravolti. Lavoro, tempo libero, veglia, sonno, non c’è una persona che non lamenti un disagio, un cambiamento forzoso delle proprie abitudini e un momentaneo allontanamento da quelle certezze che – prima – erano considerate la base, l’humus del nostro vivere.
Per tenere botta, per sopperire alle mancanze e, non ultimo, per cercare di non impazzire, ho visto persone iniziar a panificare come se non ci fosse un domani (e non esistessero le bilance pesapersona), alcune abbonarsi alla pay tv, altre comprare un tapis roulant, ho visto gente darsi al volontariato e foodies mangiare cibo spazzatura mentre i golosi puntavano tutto su dieta e allenamento in casa. Ognuno ha fatto il possibile per impiegare questo tempo e traghettarsi fino al 4 di Maggio.
Un discorso a parte merita chi, in questa lunga pandemia, ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare; pensateci, ad oggi anche percepire un assegno di disoccupazione regala certezze a confronto di chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

Proprio in riferimento a queste realtà ho assistito alla nascita di un’iniziativa a sostegno del delivery e cioè dei servizi di consegna a domicilio che permettano ai cittadini di rimanere a casa, ma ai commercianti del settore food di continuare ad avere degli introiti: DeliveryRoma.it

Tutto ha avuto origine l’11 di Marzo, mi racconta Irene Guidobaldi, una delle promotrici dell’iniziativa, quando – girando su Instagram – è incappata in un utente che richiamava all’appello i foodblogger perché si desse visibilità – attraverso Instagram – alle attività che avevano cominciato a fare delivery.
Da qui alla creazione di deliveryroma.it il passo è stato breve; tra tutti quelli che avevano risposto all’appello, Irene e altri quattro (Marco Sabatini, Ludovica Aprico, Noemi Camerota e Claudia Papa) con il contributo tecnico dell’Ingenio Labs, hanno unito le forze e realizzato, come si legge sulla loro Home “un sito internet senza scopo di lucro, dedicato a creare un filo diretto tra consumatore ed esercente che offre servizio di delivery.”
Irene, dal canto suo, ha portato una rete di conoscenze fatta di foodblogger e giornalisti, nonché i suoi contatti tra le attività di food, nati dalla sua esperienza come responsabile commerciale dell’olio evo di cui è produttrice (va detto che si occupa anche di inserire sul sito tutte le schede dei vari esercenti).
Mentre all’inizio erano loro a cercare le attività che facessero delivery, ad oggi, con alle spalle un gruppo Facebook che conta oltre 17.000 membri e un sito che ha pubblicate al suo interno più di 585 attività, possiamo affermare che Deliveryroma.it è un progetto ricercato, dove sono gli esercenti a proporsi per entrare nel circuito, che può contare anche sul canale Instagram @delivery.roma

Lo scopo – benefico e senza fini commerciali da parte dei promotori, che hanno un solido accordo che li impegna a non guadagnare né oggi né mai da questa attività – è quello di dare visibilità a chi effettua consegne a domicilio

non solo su Roma ma anche in altri Comuni e Province del Lazio, realtà concentrate prevalentemente nel food, ma che ora vede anche attività che consegnano kit per igienizzare piscine, ottici, negozi di informatica e altro.
Come mi raccontava Irene, ad oggi, visto che le previsioni per un ritorno alla normalità ci parlano di tempi lunghissimi, al di là delle aperture ufficiali e delle modalità delle stesse, incentivare dei facili collegamenti tra cliente e commerciante, sia per quanto riguarda la fase del solo delivery, sia per ciò che concernerà la fase seguente del takeaway, è un modo per stare vicini ai commercianti e aiutarli a superare un momento davvero buio della storia economica nazionale.
Tutta questa struttura verrà poi smantellata quando l’emergenza coronavirus sarà conclusa, quando noi tutti torneremo alla vita “di prima”, anche se – e credo di non sbagliare con la mia previsione – forse per nessuno sarà veramente come quella di prima.

Photo on Stockio.com

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.