Il mio primo incontro con il Carricante e i vitigni dell’Etna avvenne durante il corso per Sommelier. Il programma del secondo anno prevede lo studio dei vitigni e il territorio e ricordo la forte emozione che provai nella parte introduttiva della lezione. Daniela Scrobogna, eccellente docente del corso, nonché grande appassionata dei vini dell’Etna, introdusse la lezione a luci spente. Sulle note di “Dark side of the Moon” dei Pink Floyd, apparvero sullo schermo le immagini di un’eruzione dell’Etna. La potenza della natura e contemporaneamente il fascino di quei luoghi mi fecero capire che ci stavamo incamminando in un territorio unico, particolare e che i vitigni dell’Etna meritavano un discorso a parte. Fui conquistata da quel paesaggio e fu così che l’estate successiva decisi di organizzare un viaggio nella Sicilia dell’Etna, tra vitigni secolari di Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio e Carricante, coltivati a 800 mt. di altezza. Mi innamorai di quei luoghi, di quei vini, delle persone autentiche e degli agricoltori eroici che all’ombra del “Mungibeddu” producono vino da secoli.

Se il Nerello Mascalese e il Nerello Cappuccio sono i vini rossi che preferisco, il Carricante è senza dubbio uno dei vini bianchi che adoro.

Il vitigno è autoctono e costituisce la base principale dell’Etna Bianco Doc. Il terroir è straordinario, capace di produrre vini di grande raffinatezza, lo stesso Mario Soldati nel suo viaggio effettuato a metà degli anni ’60 “attraverso l’Italia alla ricerca del buon vino”, ne rimase affascinato. Inconsapevole, assaggiò un bianco prodotto da un’azienda vinicola a Milo, un paese alle pendici dell’Etna, a 750 mt. sul livello del mare e ne fu catturato.
Il paesaggio è caratterizzato da toni forti: terra scura, lava, roccia, vecchie vigne quasi tutte a piede franco. La forte escursione termica e la brezza marina donano ai vini profumi ed aromi intensi.

Il suo nome deriva dall’espressione siciliana “u carricanti”, che sottolinea l’abbondante produzione delle sue piante, capaci di riempire i carri d’uva.

È tradizionalmente coltivato secondo l’uso ad alberello, su suoli di sabbie vulcaniche ricche di minerali. In passato, il Carricante era spesso vinificato in uvaggio con altri vitigni coltivati sull’Etna, come il Catarratto, Minnella bianca e Inzolia. Oggi viene sempre più spesso vinificato in purezza e grazie alla sapienza degli enologi, le sue caratteristiche vengono esaltate al meglio, facendo dell’Etna Bianco DOC, un vino di gran classe.
Il vino si presenta di colore giallo paglierino pallido, con riflessi verdolini. Il profilo olfattivo è elegante, con delicati profumi di zagara e fresche note di frutta bianca, mela, agrumi e sfumature di anice. Al palato colpisce per una fresca acidità, con un buon corredo di aromi fruttati e una piacevole sapidità finale. È un vino di buona struttura e longevità, che si presta sia all’affinamento in acciaio, che ne esalta la freschezza e la fragranza, che al passaggio in legno, per privilegiarne le caratteristiche di complessità e morbidezza. A tavola si abbina perfettamente con la cucina tradizionale del territorio, come ad esempio il Macco di fave con finocchietto selvatico, al pesce spada, al pesce al cartoccio, al fritto di paranza, alle frittelline di neonata (piccoli pesci tipo i lattarini fatti in pastella e fritti), a carni bianche. Perfetto e seducente come aperitivo, servito ad una temperatura di servizio di 8°- 10°, regala emozioni ad ogni sorso.

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • Il Riso della Piana di Sibari

    Sì, avete letto bene, il riso calabrese della Piana di Sibari…

  • I formaggi e i latticini della “via del latte” della Maiella.

    Il mio racconto parte dalla montagna “madre degli Abruzzesi”, la Maiella o Majella, chiamata così per la forma delle sue cime che ricordano le rotondità di una donna. La leggenda narra che siano quelle della Dea Maia…

  • La pizza di Pasqua dei “Fiorentini”

    Nella mia famiglia durante la Settimana Santa si dava inizio ad una sorta di gara per chi, tra mio padre romano e mia madre sorrentina, doveva appropriarsi della cucina per l’approntamento della pizza di Pasqua, tipico dolce della tradizione pasquale romana e la pastiera napoletana…

  • NOILLY PRAT il Vermouth del Mare

    Il Noilly Prat viene prodotto in 4 tipologie diverse: Asciutto originale, Extra secco, Ambrato e Rosso. La versione originale è la base di uno dei cocktail più famosi, il Martini dry, reso celebre per essere il preferito dal noto agente segreto britannico nato dalla penna dello scrittore Ian Fleming: James Bond…

  • “Quando il vino non è più mosto, il marrone è buono arrosto”

    Nel medioevo la farina di castagne veniva impiegata dalle popolazioni contadine degli Appennini per fare il pane in assenza del grano. Pare che nel 1500 sia stato inventato a Lucca il “Castagnaccio” un dolce povero…

  • La “pizza a metro” di Gigino o’ Zuzzuso

    Sono cresciuta con il mito della pizza a metro avendo avuto una mamma di Vico Equense, non poteva essere diversamente. Per me la “pizza” è questa…

  • Joleat, il marketplace dell’eccellenze enogastronomiche italiane

    Quello di cui vi voglio parlare è strettamente legato al mondo del marketplace, è la storia di tre giovani ragazzi creatori di una start up, una piattaforma dalla quale è possibile acquistare delle vere e proprie chicche del mondo agroalimentare italiano, chiamata Joleat…

  • Il Carricante – il Bianco dell’Etna

    Il mio primo incontro con il Carricante e i vitigni dell’Etna avvenne durante il corso per Sommelier…

  • I Ravioli dolci con ricotta e cioccolato di “Annamaria”

    Non ho ancora capito come e quando entra il Carnevale, ma una cosa è certa che a Carnevale, oltre alle frappe e alle castagnole, a Casa di Fulvia si preparano i Ravioli dolci con ricotta e cioccolato. Ecco a voi la storia dei miei ravioli dolci e la loro ricetta…

  • La Cuoca con la valigia

    Una volta all’anno varco i confini e vado a cucinare in Svizzera, a Basilea presso un’enoteca, dove organizzo due serate a tema regionale, presentando piatti della tradizione realizzati con materie prime genuine, ad ospiti Svizzeri curiosi e ansiosi di assaporare pasta fatta in casa, secondi, vini e dolci italiani…

  • Le Zeppoline di Nonno Pasquale

    Nonno Pasquale era un cuoco di professione, cucinava presso la mensa dei Cantieri Navali di Castellammare di Stabia. Diceva mia nonna che in cucina “ci ann stà e’ femmene” e pertanto, nonostante la sua dimestichezza con il cibo, non cucinava mai se non a Natale per preparare le famose zeppoline…

  • L’Agro Pontino, la Bufaletta di Pontinia e tanto di più

    È lei, la zanzara la ragione della nascita di un territorio come quello dell’Agro Pontino…

  • Il formaggio Feta figlio dell’Isola di Cefalonia

    Chi è stato in Grecia non può non aver assaggiato almeno una volta la Feta, il formaggio greco per antonomasia. Nelle taverne e nei ristoranti viene proposta in mille ricette, sia al naturale che cotta o insieme ad altri ingredienti per la realizzazione di gustosissimi piatti…

  • Bee the Future – L’Ape per il futuro

    In inglese ape si scrive “Bee” e si legge “bi”, come il verbo “essere” in inglese e non è un caso:
    essere = siamo = esistiamo grazie alle api che rappresentano la vita…

  • CHEF ESPRIT, Giovani Chef coreani alla ribalta

    Presso la bellissima location del Gran Palace Hotel di Via Veneto, i palati della stampa romana sono stati deliziati dalle ricette gourmet dei giovani talenti coreani, i quali hanno proposto i piatti della tradizione coreana influenzati dai sapori del viaggio italiano intrapreso, fondendo con sapiente armonia la cultura culinaria occidentale e quella orientale…