Era la Pasqua del 2012.
All’epoca convivevo e – solitamente la nostra tradizione prevedeva alle 10:00 la colazione pasquale di stampo umbro/marchigiana dai suoceri (leggi ciauscolo, vernaccia, pizze di pasqua, uova di cioccolato, uova sode, pizze al formaggio e molto altro ancora). A seguire, verso le 13:00 ci si spostava dai miei, per un tipico pranzo pasquale romano (leggi lasagna con i carciofi, abbacchio al forno con patate, uova di cioccolato, colomba e molto altro).

Se avessimo invitato Bastianich a unirsi a noi, la sua risposta sarebbe stata uno scontato “vuoi che muoro!?”

Ammetto che per me Pasqua era ‘na pacchia, non dovevo preoccuparmi di cosa cucinare, dovevo solo preoccuparmi di avere lo stomaco abbastanza vuoto da poter contenere il tutto.


È curioso, ma per il pranzo del 2012 non ricordavo che mio fratello non avesse lavorato, come invece faceva di solito nei giorni di festa, me l’ha fatto scoprire la foto che vedete qui sopra, fatta da me quel giorno con l’immancabile obiettivo macro, dove si vedono le sue dita che arrotolano una sigaretta, le sue dita rovinate dal lavoro. Dal lavoro in cucina.
Da anni la passione della cucina l’aveva rapito, gli occhi brillavano ogniqualvolta si parlasse di cibo (ma è un tarlo di famiglia); le mani di un allora 27enne avevano visto per anni libri, aule universitarie, poi un’estate avevano iniziato a lavorare su sacchi di patate da pulire, cozze da lavare ma ben presto erano passate a intagliare ortaggi e poi impiattamenti e decorazioni, di seguito antipasti, primi da far uscire, pesci e carni da grigliare.
Quando faccio zapping e incappo, per caso, in quelle trasmissioni culinarie che oramai riempiono l’etere (forse dovrei dire il digitale) ricolme di chef blasonati e conosciuti mi chiedo se loro, quel lavoro in cucina, lo ricordano ancora, se l’hanno abbandonato e delegano tutto alla brigata (altrimenti non saprei come possano stare in due luoghi contemporaneamente, visto che se cucini nel tuo ristorante non puoi dedicarti ad altro e che io sappia il dono dell’ubiquità è appannaggio di uno e uno solo).


Da anni vedo le pubblicità, dove chef acclamati a loro volta acclamano la tavole imbandite dove si pasteggia a Cola industriale, dove chef stellati si arrovellano per come dare un senso a una patatina fritta (industriale eddue) lei che un senso in cucina non ce l’ha.

Inevitabile chiedersi se questi uomini, questi artisti che hanno scoperto la cucina e la passione per essa tanti anni fa, che hanno lavorato, sudato e faticato per portarla avanti, per farla crescere e crescere con lei si riconoscano in quello che fanno, oggi, oggi che il marketing li compra con “poco” perché tutti noi abbiamo un prezzo (dicono) e pecunia non olet (ari-dicono). E ritorno con il pensiero a mio fratello, e a Gianluca, a Federico, a Massimo, Luca, Daniele, cuochi che trascorrono le giornate chiusi in una stanza, tra fornelli, padelle, abbattitori e griglie, a coltivare la loro passione, a buttare il loro sudore, a lavorare quando gli altri si divertono e a divertirsi mentre lavorano, in cucina, dove nascono gli chef.

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.

  • Quando l’arte nutre l’anima – World Press Photo 2019

    Fotografia dopo fotografia, sala dopo sala, mi nutro del bello ma molto più spesso dell’orrido del mondo, dello scioccante, del pauroso, del desolante spettacolo che siamo noi, esseri umani e che facciamo noi, del mondo che ci circonda e che crediamo, sciocchi Dei in Terra, di governare…

  • Ti trovo dimagrita…

    Oggi ho deciso di scrivere un pezzo di “aiuto al maschio” per parlare di uno dei più grandi impasse in cui si ritrovano gli uomini nei rapporti di coppia con l’altro sesso: le liti, che spesso iniziano con un:
    – “amore, cos’hai?”
    – “niente…”

  • Di buona critica e altri disastri…

    Noi di Cavolo Verde non pubblichiamo recensioni negative per il semplice fatto che abbiamo scelto di rispettare il lavoro di ognuno, dietro ogni impresa ci sono persone, posti di lavoro, ci auguriamo anche passione, dedizione e serietà per cui vogliamo rispettare il buono e il sano di ogni esperienza ed evitare di salire in cattedra. Ma, c’è un “ma”.