Vi sarà capitato di trovarvi in aeroporto, di fronte ad un nastro trasportatore di bagagli, intenti a guardare l’arrivo della vostra valigia? Sicuramente sì. Mentre aspetto la mia, mi capita di immaginare il contenuto dei bagagli che scorrono in attesa di farsi ritrovare dal proprietario e pensare chissà cosa ci sarà a parte gli indumenti, qualche souvenir ed effetti personali? Forse salumi, formaggi, piccoli utensili da cucina, pasta fatta in casa, grembiuli.

Opss scusate, ma questa è la mia di valigia!

Eh sì, spesso mi ritrovo ad essere una Cuoca con la valigia, in giro per l’Italia e l’Europa a preparare cene per ospiti stranieri.
Una volta all’anno varco i confini e vado a cucinare in Svizzera, a Basilea presso un’enoteca, dove organizzo due serate a tema regionale, presentando piatti della tradizione realizzati con materie prime genuine, ad ospiti Svizzeri curiosi e ansiosi di assaporare pasta fatta in casa, secondi, vini e dolci italiani.
La mia prima esperienza di Cuoca con la valigia è avvenuta lo scorso anno. Tutto è iniziato a seguito di un contatto avuto con un giornalista enogastronomico svizzero con il quale avevo un’amicizia in comune. Numerosi scambi di e-mail e telefonate per concordare il menù per le due serate a Basilea e finalmente, dopo aver scelto tra le tante proposte regionali, i piatti della tradizione napoletana, ho costruito il menù con le varie portate partendo dagli antipasti con il Provolone del Monaco DOP, il Salame di Secondigliano, le pizzelle fritte. Proseguendo con il primo fatto dagli scialatielli (pasta di semola, farina, uovo, pecorino, prezzemolo tipica della costiera amalfitana e sorrentina) con i pomodorini del Piennolo e basilico, con il secondo di lacierto (girello di vitellone adatto a lunghe cotture) al ragout, con contorno di melanzane a fungetiello e dulcis in fundo: la pastiera. La fase successiva è stata quella di contattare i piccoli produttori locali per le materie prime.

È stato facile, dal momento che giocavo in casa (le mie origini sono in parte partenopee) reperire sapori e profumi ai quali sono abituata.

E così ho preparato la valigia con i provoloni, i salumi, la pasta fatta in casa, le pastiere, qualche piccolo utensile da cucina e sono partita per questa avventura. Non vi nascondo che all’arrivo in Svizzera, mi sono sentita molto Nino Manfredi nel film “Pane e cioccolata”. Per chi non conoscesse il film, la parte più saliente è quella in cui Nino Manfredi interpreta il ruolo di un emigrante italiano in una Svizzera degli anni 60, il quale, cercando goffamente di nascondere le sue origini, con l’intento di integrarsi con gli Svizzeri, decide di schiarirsi i capelli per recitare la parte del biondo elvetico, smascherato però miseramente durante la telecronaca della partita della Nazionale di Calcio italiana, in cui ad una rete degli Azzurri, non riesce a trattenere la gioia per il gol appena segnato ed esplode in un urlo liberatorio. È indubbio che gli Svizzeri, dal punto di vista del rigore e del calore umano, siano diversi da noi. Ma il fatto che a tanto rigore e anche un po’ di freddezza si contrapponga il nostro fantasioso calore, li affascina tanto da apprezzare il Made in Italy sotto ogni espressione, dalle città d’arte, alla nostra cultura, dal nostro cibo, al vino e alle nostre tradizioni.

Le mie prime cene napoletane a Basilea sono state un successo tanto da richiedere una nuova data per l’anno dopo.

Gli ospiti hanno gradito la tipicità dei piatti e i racconti legati ad ognuno di essi. Ho collegato ogni portata ad un racconto prendendo spunto dalla filmografia italiana, ad esempio per le pizzelle fritte con pomodorini, basilico e mozzarella, l’episodio del film “l’oro di Napoli”, in cui una provocante pizzaiola, Sofia Loren, impasta la pasta lievitata, mettendo in mostra tutta la sua bellezza e spiegando gli ingredienti usati e le lavorazioni. E via di seguito fino al dolce con la mitica “Pastiera”. Tanto impegno e orgoglio italiano, ripagato da sorrisi e riconoscimenti da parte degli ospiti svizzeri.
Per le cene di quest’anno la proposta è stata tutta siciliana, ma questa è un’altra storia! Se vi ho incuriosito con il racconto di Cuoca con la valigia, seguitemi su “Cavolo Verde” con il mio prossimo articolo.

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • La romanità vera de Checco Er Carettiere

    Nel cuore di Trastevere, a pochissimi passi da Piazza Trilussa, in via Benedetta 10, c’è Checco Er Carettiere, il ristorante che da quasi 90 anni porta avanti la tradizione della cucina romana. La storia di Francesco Porcelli detto Checco e sua moglie Diomira inizia nel 1935…

  • FORMATICUM 2024

    Si è svolta a Roma, nei giorni 3 e 4 marzo 2024, presso la sede della Città dell’Altra Economia a Testaccio, la quinta edizione di Formaticum, il Festival che promuove e valorizza gli artigiani casari italiani…

  • L’olio extra vergine delle Nonne Molisane

    Tra chiacchiere e curiosità, con gli ospiti, emerse che, molti confondevano la Basilicata con il Molise e che di questa piccola regione dell’Italia centro meridionale, pochi ne conoscevano le bellezze storiche e naturali. Il Molise, infatti…

  • PANETTONE MAXIMO 2023

    In una calda atmosfera prenatalizia, l’evento Panettone Maximo 2023 ha coinvolto ben 42 pasticcerie e forni provenienti da diverse le regioni d’Italia, in gara per aggiudicarsi il premio per il miglior panettone artigianale classico e panettone artigianale al cioccolato…

  • Presentazione della Guida de “La Pecora Nera” – Roma – 2024

    Da oltre venti anni la guida enogastronomica de La Pecora Nera Editore è lo strumento attraverso il quale esperti del settore in forma anonima, come dei veri e propri clienti “che pagano il conto”, offrono uno spaccato autentico delle eccellenze del territorio…

  • I virtuosi della panna a Ripa Grande

    Martedì 19 settembre 2023, nella splendida location dei giardini di “Ripa Grande”, si è svolto l’evento più “pannoso” dell’anno. Protagonisti i Maestri Gelatieri Alessandro Giuffre’…

  • PIZZA WEEK ROMA EDITION

    Dal 10 al 14 LUGLIO 2023 Roma ha ospitato l’edizione di 50 Top Pizza, la guida dedicata alla pizza di qualità. Un evento diffuso in tutta la capitale che ha visto coinvolte piu’ di 40 pizzerie con iniziative rivolte alla Regina degli impasti lievitati…

  • ROMA HORTUS VINI

    Roma Hortus Vini 2023, è stata un’occasione speciale sia per esperti del settore, per gli appassionati e i numerosi turisti stranieri che hanno apprezzato dal tramonto sino a notte fonda, i vini in degustazione nella splendida…

  • Il Roero a Roma

    I vini del Roero esprimono tutto il fascino di un territorio, che vede ogni anno aumentare la presenza di turisti provenienti da tutto il mondo pronti a farsi ammaliare dalle dolci colline, dai borghi storici e…

  • L’importanza di chiamarsi olio extravergine di qualità

    L’olio extravergine di oliva è l’ingrediente fondamentale della cucina mediterranea, fa parte del nostro quotidiano, lo usiamo per condire, per cucinare, avendo sempre più la consapevolezza che portare in tavola un piatto realizzato con un olio extravergine italiano di qualità …

  • NEBBIOLO NEL CUORE

    Si è svolta a Roma nei giorni 14/15 gennaio 2023, presso l’Hotel Palatino, la IX edizione della manifestazione “Nebbiolo nel cuore” promossa da RISERVA GRANDE. L’evento…

  • “Il favoloso Mondo di Laura” Biscottificio artigianale in Roma

    Il favoloso “mondo di Laura” al secolo Laura Raccah, pasticcera, maître chocolatier e viaggiatrice. Il biscottificio artigianale si trova in via Tiburtina 263, l’ingresso è riconoscibile…

  • IL PISTACCHIO di RAFFADALI D.O.P.
  • Le terrazze al Colosseo – Il nuovo ristorante sui tetti di Roma

    Roma è Roma, bella, imponente, ricca di storia, ma vista dall’alto, magari da una bella terrazza a due passi dal Colosseo è ancora più affascinante…

  • L’alta pasticceria per la ricerca scientifica

    Sabato 18 giugno 2022 nello splendido sito della Sala delle Belle Arti del Rome Cavalieri A Waldorf Astoria Hotel, si è svolto un evento a sostegno dell’Associazione Incontinenza Fecale Italia ONLUS fondata dal Prof. Carlo Ratto…