Vi sarà capitato di trovarvi in aeroporto, di fronte ad un nastro trasportatore di bagagli, intenti a guardare l’arrivo della vostra valigia? Sicuramente sì. Mentre aspetto la mia, mi capita di immaginare il contenuto dei bagagli che scorrono in attesa di farsi ritrovare dal proprietario e pensare chissà cosa ci sarà a parte gli indumenti, qualche souvenir ed effetti personali? Forse salumi, formaggi, piccoli utensili da cucina, pasta fatta in casa, grembiuli.

Opss scusate, ma questa è la mia di valigia!

Eh sì, spesso mi ritrovo ad essere una Cuoca con la valigia, in giro per l’Italia e l’Europa a preparare cene per ospiti stranieri.
Una volta all’anno varco i confini e vado a cucinare in Svizzera, a Basilea presso un’enoteca, dove organizzo due serate a tema regionale, presentando piatti della tradizione realizzati con materie prime genuine, ad ospiti Svizzeri curiosi e ansiosi di assaporare pasta fatta in casa, secondi, vini e dolci italiani.
La mia prima esperienza di Cuoca con la valigia è avvenuta lo scorso anno. Tutto è iniziato a seguito di un contatto avuto con un giornalista enogastronomico svizzero con il quale avevo un’amicizia in comune. Numerosi scambi di e-mail e telefonate per concordare il menù per le due serate a Basilea e finalmente, dopo aver scelto tra le tante proposte regionali, i piatti della tradizione napoletana, ho costruito il menù con le varie portate partendo dagli antipasti con il Provolone del Monaco DOP, il Salame di Secondigliano, le pizzelle fritte. Proseguendo con il primo fatto dagli scialatielli (pasta di semola, farina, uovo, pecorino, prezzemolo tipica della costiera amalfitana e sorrentina) con i pomodorini del Piennolo e basilico, con il secondo di lacierto (girello di vitellone adatto a lunghe cotture) al ragout, con contorno di melanzane a fungetiello e dulcis in fundo: la pastiera. La fase successiva è stata quella di contattare i piccoli produttori locali per le materie prime.

È stato facile, dal momento che giocavo in casa (le mie origini sono in parte partenopee) reperire sapori e profumi ai quali sono abituata.

E così ho preparato la valigia con i provoloni, i salumi, la pasta fatta in casa, le pastiere, qualche piccolo utensile da cucina e sono partita per questa avventura. Non vi nascondo che all’arrivo in Svizzera, mi sono sentita molto Nino Manfredi nel film “Pane e cioccolata”. Per chi non conoscesse il film, la parte più saliente è quella in cui Nino Manfredi interpreta il ruolo di un emigrante italiano in una Svizzera degli anni 60, il quale, cercando goffamente di nascondere le sue origini, con l’intento di integrarsi con gli Svizzeri, decide di schiarirsi i capelli per recitare la parte del biondo elvetico, smascherato però miseramente durante la telecronaca della partita della Nazionale di Calcio italiana, in cui ad una rete degli Azzurri, non riesce a trattenere la gioia per il gol appena segnato ed esplode in un urlo liberatorio. È indubbio che gli Svizzeri, dal punto di vista del rigore e del calore umano, siano diversi da noi. Ma il fatto che a tanto rigore e anche un po’ di freddezza si contrapponga il nostro fantasioso calore, li affascina tanto da apprezzare il Made in Italy sotto ogni espressione, dalle città d’arte, alla nostra cultura, dal nostro cibo, al vino e alle nostre tradizioni.

Le mie prime cene napoletane a Basilea sono state un successo tanto da richiedere una nuova data per l’anno dopo.

Gli ospiti hanno gradito la tipicità dei piatti e i racconti legati ad ognuno di essi. Ho collegato ogni portata ad un racconto prendendo spunto dalla filmografia italiana, ad esempio per le pizzelle fritte con pomodorini, basilico e mozzarella, l’episodio del film “l’oro di Napoli”, in cui una provocante pizzaiola, Sofia Loren, impasta la pasta lievitata, mettendo in mostra tutta la sua bellezza e spiegando gli ingredienti usati e le lavorazioni. E via di seguito fino al dolce con la mitica “Pastiera”. Tanto impegno e orgoglio italiano, ripagato da sorrisi e riconoscimenti da parte degli ospiti svizzeri.
Per le cene di quest’anno la proposta è stata tutta siciliana, ma questa è un’altra storia! Se vi ho incuriosito con il racconto di Cuoca con la valigia, seguitemi su “Cavolo Verde” con il mio prossimo articolo.

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • A VINOFORUM 2021 PULIZIA, SANIFICAZIONE E RISPARMIO ENERGETICO

    Si è tenuta domenica 12 settembre 2021 alle ore 21.00 presso l’area Mix&Spirts Hospitality di Vinoforum a Roma, una Masterclass rivolta ad esperti e addetti ai lavori del settore della ristorazione…

  • La minestra calda che “rinfresca”

    È possibile proporre con le temperature alte del periodo estivo una minestra calda? Soprattutto se la minestra di cui vi parlerò fa parte della tradizione culinaria palermitana, dove il caldo isolano estivo fa aumentare i termometri sino ai 40°…

  • Il Riso della Piana di Sibari

    Sì, avete letto bene, il riso calabrese della Piana di Sibari…

  • I formaggi e i latticini della “via del latte” della Maiella.

    Il mio racconto parte dalla montagna “madre degli Abruzzesi”, la Maiella o Majella, chiamata così per la forma delle sue cime che ricordano le rotondità di una donna. La leggenda narra che siano quelle della Dea Maia…

  • La pizza di Pasqua dei “Fiorentini”

    Nella mia famiglia durante la Settimana Santa si dava inizio ad una sorta di gara per chi, tra mio padre romano e mia madre sorrentina, doveva appropriarsi della cucina per l’approntamento della pizza di Pasqua, tipico dolce della tradizione pasquale romana e la pastiera napoletana…

  • NOILLY PRAT il Vermouth del Mare

    Il Noilly Prat viene prodotto in 4 tipologie diverse: Asciutto originale, Extra secco, Ambrato e Rosso. La versione originale è la base di uno dei cocktail più famosi, il Martini dry, reso celebre per essere il preferito dal noto agente segreto britannico nato dalla penna dello scrittore Ian Fleming: James Bond…

  • “Quando il vino non è più mosto, il marrone è buono arrosto”

    Nel medioevo la farina di castagne veniva impiegata dalle popolazioni contadine degli Appennini per fare il pane in assenza del grano. Pare che nel 1500 sia stato inventato a Lucca il “Castagnaccio” un dolce povero…

  • La “pizza a metro” di Gigino o’ Zuzzuso

    Sono cresciuta con il mito della pizza a metro avendo avuto una mamma di Vico Equense, non poteva essere diversamente. Per me la “pizza” è questa…

  • Joleat, il marketplace dell’eccellenze enogastronomiche italiane

    Quello di cui vi voglio parlare è strettamente legato al mondo del marketplace, è la storia di tre giovani ragazzi creatori di una start up, una piattaforma dalla quale è possibile acquistare delle vere e proprie chicche del mondo agroalimentare italiano, chiamata Joleat…

  • Il Carricante – il Bianco dell’Etna

    Il mio primo incontro con il Carricante e i vitigni dell’Etna avvenne durante il corso per Sommelier…

  • I Ravioli dolci con ricotta e cioccolato di “Annamaria”

    Non ho ancora capito come e quando entra il Carnevale, ma una cosa è certa che a Carnevale, oltre alle frappe e alle castagnole, a Casa di Fulvia si preparano i Ravioli dolci con ricotta e cioccolato. Ecco a voi la storia dei miei ravioli dolci e la loro ricetta…

  • La Cuoca con la valigia

    Una volta all’anno varco i confini e vado a cucinare in Svizzera, a Basilea presso un’enoteca, dove organizzo due serate a tema regionale, presentando piatti della tradizione realizzati con materie prime genuine, ad ospiti Svizzeri curiosi e ansiosi di assaporare pasta fatta in casa, secondi, vini e dolci italiani…

  • Le Zeppoline di Nonno Pasquale

    Nonno Pasquale era un cuoco di professione, cucinava presso la mensa dei Cantieri Navali di Castellammare di Stabia. Diceva mia nonna che in cucina “ci ann stà e’ femmene” e pertanto, nonostante la sua dimestichezza con il cibo, non cucinava mai se non a Natale per preparare le famose zeppoline…

  • L’Agro Pontino, la Bufaletta di Pontinia e tanto di più

    È lei, la zanzara la ragione della nascita di un territorio come quello dell’Agro Pontino…

  • Il formaggio Feta figlio dell’Isola di Cefalonia

    Chi è stato in Grecia non può non aver assaggiato almeno una volta la Feta, il formaggio greco per antonomasia. Nelle taverne e nei ristoranti viene proposta in mille ricette, sia al naturale che cotta o insieme ad altri ingredienti per la realizzazione di gustosissimi piatti…