Il periodo dell’anno che preferisco in assoluto è quello che precede il Natale. L’atmosfera natalizia mi rievoca ricordi di infanzia, dei Natali trascorsi in famiglia a Vico Equense, ricordi fatti di profumi, di sapori, di voci festanti, immagini di donne indaffarate in cucina alle prese con i piatti della tradizione napoletana: spaghetti a vongole, pezzogne all’acqua pazza, baccalà con l’insalata di rinforzo, scarole imbuttunate e poi i dolci. Dai roccoco’ ai susamielli, dai raffaiuoli agli struffoli. Tutti dolci che venivano fatti dalle sapienti mani di Mamma’ e di Nonna Virginia, ma c’era un dolce, un solo dolce natalizio, che veniva fatto da Lui, da mio Nonno Pasquale e questo dolce erano le zeppoline di pasta cresciuta avvolte da profumato miele.

Nonno Pasquale era un cuoco di professione, cucinava presso la mensa dei Cantieri Navali di Castellammare di Stabia, ma essendo marito di una donna del Sud, a casa doveva stare lontano dai fornelli.

Diceva sua moglie Virginia, nonché mia nonna, che in cucina “ci ann stà e’ femmene” e pertanto, nonostante la sua dimestichezza con il cibo, non cucinava mai se non a Natale per preparare le famose zeppoline.
Iniziava il 23 dicembre a preparare il criscito, ossia l’impasto di acqua e farina con l’aggiunta di lievito di birra. Lasciava lievitare per ventiquattr’ore in un posto caldo al riparo dalle correnti d’aria, altrimenti la pasta non lievitava, aggiungendo uvetta e pinoli. La sera del 24 dicembre, prima di sedersi a tavola per la cena della Vigilia, iniziava a friggere le zeppoline. Ultimata la frittura le insaporiva con il miele, precedentemente sciolto in un padellino con l’anice per dare un ulteriore profumo. L’ultimo passaggio era quello di spolverarle di confettini colorati, i cosidetti diavulille, di confetti con il seme di anice chiamati annisiell e scorzetta di arancia.

Il piatto di zeppoline calde, profumate e colorate prendeva posto sopra la credenza nella sala da pranzo, vicino agli altri dolci e bontà e Nonno Pasquale orgoglioso le ammirava nell’attesa di gustarne il sapore.

Ogni Vigilia di Natale ripeto questa ricetta, perché senza le zeppoline di Nonno Pasquale non è Natale. Provate a farle anche voi, di seguito la ricetta di famiglia per realizzare un bel piatto di zeppole. Buon Natale a tutti!

Ingredienti

– 500 g farina
– 2 tazze acqua tiepida
– 20 g lievito di birra
– 1 pizzico sale
– 50 g tra uvetta e pinoli
– miele
– confettini colorati diavulille /arancia candita

Procedimento

In una capiente terrina lavorate la farina, aggiungendo il lievito sciolto in acqua tiepida. Unite il sale e lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto liscio e colloso. Aggiungete all’impasto pinoli e uvetta sultanina precedentemente ammollata in acqua e strizzata. Lasciate lievitare l’impasto per 24h circa, coperto da canovaccio: dovrà raddoppiare di volume.
Friggete le zeppole di pasta cresciuta in abbondante olio, con l’aiuto d’un cucchiaio prendete una porzione d’impasto e fatela scivolare nell’olio. Lasciate dorare e scolate su carta assorbente.
Sciogliete appena il miele e mantecate le zeppole.
Sistematele su un vassoio da portata e decorate con confettini colorati e scorzette di arancia candita.

Consigli di Fulvia:

Le zeppoline vanno mangiate calde, possibilmente con le mani. Ponete il piatto con le zeppoline al centro del tavolo, l’effetto appiccicoso del miele sulle dita è una garanzia della riuscita della ricetta. Vi assicuro che leccare le dita con i confettini colorati e il miele è divertente oltre che delizioso!

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • A VINOFORUM 2021 PULIZIA, SANIFICAZIONE E RISPARMIO ENERGETICO

    Si è tenuta domenica 12 settembre 2021 alle ore 21.00 presso l’area Mix&Spirts Hospitality di Vinoforum a Roma, una Masterclass rivolta ad esperti e addetti ai lavori del settore della ristorazione…

  • La minestra calda che “rinfresca”

    È possibile proporre con le temperature alte del periodo estivo una minestra calda? Soprattutto se la minestra di cui vi parlerò fa parte della tradizione culinaria palermitana, dove il caldo isolano estivo fa aumentare i termometri sino ai 40°…

  • Il Riso della Piana di Sibari

    Sì, avete letto bene, il riso calabrese della Piana di Sibari…

  • I formaggi e i latticini della “via del latte” della Maiella.

    Il mio racconto parte dalla montagna “madre degli Abruzzesi”, la Maiella o Majella, chiamata così per la forma delle sue cime che ricordano le rotondità di una donna. La leggenda narra che siano quelle della Dea Maia…

  • La pizza di Pasqua dei “Fiorentini”

    Nella mia famiglia durante la Settimana Santa si dava inizio ad una sorta di gara per chi, tra mio padre romano e mia madre sorrentina, doveva appropriarsi della cucina per l’approntamento della pizza di Pasqua, tipico dolce della tradizione pasquale romana e la pastiera napoletana…

  • NOILLY PRAT il Vermouth del Mare

    Il Noilly Prat viene prodotto in 4 tipologie diverse: Asciutto originale, Extra secco, Ambrato e Rosso. La versione originale è la base di uno dei cocktail più famosi, il Martini dry, reso celebre per essere il preferito dal noto agente segreto britannico nato dalla penna dello scrittore Ian Fleming: James Bond…

  • “Quando il vino non è più mosto, il marrone è buono arrosto”

    Nel medioevo la farina di castagne veniva impiegata dalle popolazioni contadine degli Appennini per fare il pane in assenza del grano. Pare che nel 1500 sia stato inventato a Lucca il “Castagnaccio” un dolce povero…

  • La “pizza a metro” di Gigino o’ Zuzzuso

    Sono cresciuta con il mito della pizza a metro avendo avuto una mamma di Vico Equense, non poteva essere diversamente. Per me la “pizza” è questa…

  • Joleat, il marketplace dell’eccellenze enogastronomiche italiane

    Quello di cui vi voglio parlare è strettamente legato al mondo del marketplace, è la storia di tre giovani ragazzi creatori di una start up, una piattaforma dalla quale è possibile acquistare delle vere e proprie chicche del mondo agroalimentare italiano, chiamata Joleat…

  • Il Carricante – il Bianco dell’Etna

    Il mio primo incontro con il Carricante e i vitigni dell’Etna avvenne durante il corso per Sommelier…

  • I Ravioli dolci con ricotta e cioccolato di “Annamaria”

    Non ho ancora capito come e quando entra il Carnevale, ma una cosa è certa che a Carnevale, oltre alle frappe e alle castagnole, a Casa di Fulvia si preparano i Ravioli dolci con ricotta e cioccolato. Ecco a voi la storia dei miei ravioli dolci e la loro ricetta…

  • La Cuoca con la valigia

    Una volta all’anno varco i confini e vado a cucinare in Svizzera, a Basilea presso un’enoteca, dove organizzo due serate a tema regionale, presentando piatti della tradizione realizzati con materie prime genuine, ad ospiti Svizzeri curiosi e ansiosi di assaporare pasta fatta in casa, secondi, vini e dolci italiani…

  • Le Zeppoline di Nonno Pasquale

    Nonno Pasquale era un cuoco di professione, cucinava presso la mensa dei Cantieri Navali di Castellammare di Stabia. Diceva mia nonna che in cucina “ci ann stà e’ femmene” e pertanto, nonostante la sua dimestichezza con il cibo, non cucinava mai se non a Natale per preparare le famose zeppoline…

  • L’Agro Pontino, la Bufaletta di Pontinia e tanto di più

    È lei, la zanzara la ragione della nascita di un territorio come quello dell’Agro Pontino…

  • Il formaggio Feta figlio dell’Isola di Cefalonia

    Chi è stato in Grecia non può non aver assaggiato almeno una volta la Feta, il formaggio greco per antonomasia. Nelle taverne e nei ristoranti viene proposta in mille ricette, sia al naturale che cotta o insieme ad altri ingredienti per la realizzazione di gustosissimi piatti…