Il periodo dell’anno che preferisco in assoluto è quello che precede il Natale. L’atmosfera natalizia mi rievoca ricordi di infanzia, dei Natali trascorsi in famiglia a Vico Equense, ricordi fatti di profumi, di sapori, di voci festanti, immagini di donne indaffarate in cucina alle prese con i piatti della tradizione napoletana: spaghetti a vongole, pezzogne all’acqua pazza, baccalà con l’insalata di rinforzo, scarole imbuttunate e poi i dolci. Dai roccoco’ ai susamielli, dai raffaiuoli agli struffoli. Tutti dolci che venivano fatti dalle sapienti mani di Mamma’ e di Nonna Virginia, ma c’era un dolce, un solo dolce natalizio, che veniva fatto da Lui, da mio Nonno Pasquale e questo dolce erano le zeppoline di pasta cresciuta avvolte da profumato miele.

Nonno Pasquale era un cuoco di professione, cucinava presso la mensa dei Cantieri Navali di Castellammare di Stabia, ma essendo marito di una donna del Sud, a casa doveva stare lontano dai fornelli.

Diceva sua moglie Virginia, nonché mia nonna, che in cucina “ci ann stà e’ femmene” e pertanto, nonostante la sua dimestichezza con il cibo, non cucinava mai se non a Natale per preparare le famose zeppoline.
Iniziava il 23 dicembre a preparare il criscito, ossia l’impasto di acqua e farina con l’aggiunta di lievito di birra. Lasciava lievitare per ventiquattr’ore in un posto caldo al riparo dalle correnti d’aria, altrimenti la pasta non lievitava, aggiungendo uvetta e pinoli. La sera del 24 dicembre, prima di sedersi a tavola per la cena della Vigilia, iniziava a friggere le zeppoline. Ultimata la frittura le insaporiva con il miele, precedentemente sciolto in un padellino con l’anice per dare un ulteriore profumo. L’ultimo passaggio era quello di spolverarle di confettini colorati, i cosidetti diavulille, di confetti con il seme di anice chiamati annisiell e scorzetta di arancia.

Il piatto di zeppoline calde, profumate e colorate prendeva posto sopra la credenza nella sala da pranzo, vicino agli altri dolci e bontà e Nonno Pasquale orgoglioso le ammirava nell’attesa di gustarne il sapore.

Ogni Vigilia di Natale ripeto questa ricetta, perché senza le zeppoline di Nonno Pasquale non è Natale. Provate a farle anche voi, di seguito la ricetta di famiglia per realizzare un bel piatto di zeppole. Buon Natale a tutti!

Ingredienti

– 500 g farina
– 2 tazze acqua tiepida
– 20 g lievito di birra
– 1 pizzico sale
– 50 g tra uvetta e pinoli
– miele
– confettini colorati diavulille /arancia candita

Procedimento

In una capiente terrina lavorate la farina, aggiungendo il lievito sciolto in acqua tiepida. Unite il sale e lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto liscio e colloso. Aggiungete all’impasto pinoli e uvetta sultanina precedentemente ammollata in acqua e strizzata. Lasciate lievitare l’impasto per 24h circa, coperto da canovaccio: dovrà raddoppiare di volume.
Friggete le zeppole di pasta cresciuta in abbondante olio, con l’aiuto d’un cucchiaio prendete una porzione d’impasto e fatela scivolare nell’olio. Lasciate dorare e scolate su carta assorbente.
Sciogliete appena il miele e mantecate le zeppole.
Sistematele su un vassoio da portata e decorate con confettini colorati e scorzette di arancia candita.

Consigli di Fulvia:

Le zeppoline vanno mangiate calde, possibilmente con le mani. Ponete il piatto con le zeppoline al centro del tavolo, l’effetto appiccicoso del miele sulle dita è una garanzia della riuscita della ricetta. Vi assicuro che leccare le dita con i confettini colorati e il miele è divertente oltre che delizioso!

  • Articoli
Sono Fulvia Maison (all’anagrafe Tiziana Fiorentini) Sommelier diplomata F.I.S. e cuoca per passione. Sono nata e vivo a Roma e nelle mie vene scorre anche un po’ di sangue partenopeo. Cucinare è il linguaggio attraverso il quale esprimo me stessa e le mie emozioni; la tavola, sin da bambina, ha rappresentato il luogo dove poter dialogare, ridere, scherzare, riflettere, emozionarsi, condividere e conoscersi…è proprio dalle mie radici familiari che nasce il mio trasporto nei confronti della ricerca e valorizzazione dei prodotti tipici, del rispetto del territorio, delle tradizioni e del vino….e chi mi conosce lo sa…. Amo viaggiare e spesso unisco le mie due passioni nei viaggi alla scoperta di ricette tipiche, di vitigni autoctoni e di eccellenze. Sono un’appassionata di tradizioni popolari, le feste e sagre paesane sono spesso le mie mete. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter viaggiare in giro per l’Italia, da Nord a Sud, alla ricerca del buon vino e del buon cibo , ripercorrendo le orme del grande “Mario Soldati” Mi piacerebbe condividere con voi, racconti legati ai vitigni , dei quali non mi limiterò a descriverne le caratteristiche tecniche, ma costruirò “addosso” un menù che ne esalti le caratteristiche, partendo dal terroir, con incursioni nella sua storia, nelle particolarità delle aree geografiche, nelle tipicità , nelle storie e aneddoti che legano nel tempo un territorio ai suoi vitigni. Pronti ad iniziare questo viaggio insieme?
  • La romanità vera de Checco Er Carettiere

    Nel cuore di Trastevere, a pochissimi passi da Piazza Trilussa, in via Benedetta 10, c’è Checco Er Carettiere, il ristorante che da quasi 90 anni porta avanti la tradizione della cucina romana. La storia di Francesco Porcelli detto Checco e sua moglie Diomira inizia nel 1935…

  • FORMATICUM 2024

    Si è svolta a Roma, nei giorni 3 e 4 marzo 2024, presso la sede della Città dell’Altra Economia a Testaccio, la quinta edizione di Formaticum, il Festival che promuove e valorizza gli artigiani casari italiani…

  • L’olio extra vergine delle Nonne Molisane

    Tra chiacchiere e curiosità, con gli ospiti, emerse che, molti confondevano la Basilicata con il Molise e che di questa piccola regione dell’Italia centro meridionale, pochi ne conoscevano le bellezze storiche e naturali. Il Molise, infatti…

  • PANETTONE MAXIMO 2023

    In una calda atmosfera prenatalizia, l’evento Panettone Maximo 2023 ha coinvolto ben 42 pasticcerie e forni provenienti da diverse le regioni d’Italia, in gara per aggiudicarsi il premio per il miglior panettone artigianale classico e panettone artigianale al cioccolato…

  • Presentazione della Guida de “La Pecora Nera” – Roma – 2024

    Da oltre venti anni la guida enogastronomica de La Pecora Nera Editore è lo strumento attraverso il quale esperti del settore in forma anonima, come dei veri e propri clienti “che pagano il conto”, offrono uno spaccato autentico delle eccellenze del territorio…

  • I virtuosi della panna a Ripa Grande

    Martedì 19 settembre 2023, nella splendida location dei giardini di “Ripa Grande”, si è svolto l’evento più “pannoso” dell’anno. Protagonisti i Maestri Gelatieri Alessandro Giuffre’…

  • PIZZA WEEK ROMA EDITION

    Dal 10 al 14 LUGLIO 2023 Roma ha ospitato l’edizione di 50 Top Pizza, la guida dedicata alla pizza di qualità. Un evento diffuso in tutta la capitale che ha visto coinvolte piu’ di 40 pizzerie con iniziative rivolte alla Regina degli impasti lievitati…

  • ROMA HORTUS VINI

    Roma Hortus Vini 2023, è stata un’occasione speciale sia per esperti del settore, per gli appassionati e i numerosi turisti stranieri che hanno apprezzato dal tramonto sino a notte fonda, i vini in degustazione nella splendida…

  • Il Roero a Roma

    I vini del Roero esprimono tutto il fascino di un territorio, che vede ogni anno aumentare la presenza di turisti provenienti da tutto il mondo pronti a farsi ammaliare dalle dolci colline, dai borghi storici e…

  • L’importanza di chiamarsi olio extravergine di qualità

    L’olio extravergine di oliva è l’ingrediente fondamentale della cucina mediterranea, fa parte del nostro quotidiano, lo usiamo per condire, per cucinare, avendo sempre più la consapevolezza che portare in tavola un piatto realizzato con un olio extravergine italiano di qualità …

  • NEBBIOLO NEL CUORE

    Si è svolta a Roma nei giorni 14/15 gennaio 2023, presso l’Hotel Palatino, la IX edizione della manifestazione “Nebbiolo nel cuore” promossa da RISERVA GRANDE. L’evento…

  • “Il favoloso Mondo di Laura” Biscottificio artigianale in Roma

    Il favoloso “mondo di Laura” al secolo Laura Raccah, pasticcera, maître chocolatier e viaggiatrice. Il biscottificio artigianale si trova in via Tiburtina 263, l’ingresso è riconoscibile…

  • IL PISTACCHIO di RAFFADALI D.O.P.
  • Le terrazze al Colosseo – Il nuovo ristorante sui tetti di Roma

    Roma è Roma, bella, imponente, ricca di storia, ma vista dall’alto, magari da una bella terrazza a due passi dal Colosseo è ancora più affascinante…

  • L’alta pasticceria per la ricerca scientifica

    Sabato 18 giugno 2022 nello splendido sito della Sala delle Belle Arti del Rome Cavalieri A Waldorf Astoria Hotel, si è svolto un evento a sostegno dell’Associazione Incontinenza Fecale Italia ONLUS fondata dal Prof. Carlo Ratto…