Quest’anno la scelta della meta turistica di famiglia è caduta sul Cilento, una zona che non conoscevamo e, soprattutto, che ci garantiva aria fresca e buon cibo. Già al momento della prenotazione eravamo stati informati che il nostro soggiorno sarebbe coinciso con la XIII edizione della Sagra della Patata di Montagna, e ovviamente, era diventato per noi un appuntamento da non perdere.
Ogni anno, infatti, il signor Davide, titolare di Villa Cosilinum, hotel presso cui eravamo ospiti, è l’organizzatore, insieme all’Amministrazione locale, di questa Festa, in cui la protagonista è appunto questa varietà di patata, coltivata sul Monte Romito a 1100 mt di altezza. Tutta la contrada di via Garibaldi, a Padula, è coinvolta nell’organizzazione delle quattro serate, solitamente dal 16 al 19 Agosto.

Già dal primo mattino del 16 si respira un gran fermento per l’allestimento delle pagodine e dei tavoli, dislocati lungo la via.

Il menù che si può degustare è davvero molto ben assortito.
Tra i primi si può scegliere il raviolo di patate con salsiccia, porcini e tartufo (nella foto) oppure la zuppa di patate e fagioli ca’ polvr. Se preferite, ci sono anche gli gnocchi con pomodoro e scamorza.
Tra i secondi, il panuozzo di gragnano con patate, pancetta e provola, Baccalà e patate, polpo e patate (in foto), salsiccia patate e peperoni (in foto), spezzatino di vitello con patate al sugo e frittata di patate.
Se siete tipi sfiziosi, potrete scegliere anche tra chips di patate fritte (in foto), oppure patate e cipolloni, polpetta di patate farcita, piadina con salsiccia patate e friariell, cuoppo di patate e baccalà, o pizza di patate.

Per chiudere in bellezza, anche anguria e dolci (zeppole, anche con crema o nutella, e ovviamente babà).

A rallegrare le serate un angolo musicale dove soprattutto i bambini possono affollare la pista da ballo, sotto lo sguardo divertito degli astanti.
Lateralmente alcuni stand di manufatti artigianali e prodotti della locale apicoltura, da portare a casa come souvenir di sostanza.
In una cornice paesaggistica unica, un’atmosfera quasi intima ed una folla composta e gentile hanno reso la serata davvero piacevole. D’altra parte, in questa zona del Cilento, a 700 mt sul livello del mare e con la Certosa di San Lorenzo che domina la pianura del Vallo di Diano, in un contesto artistico e culturale dove si incrociano le vie della fede e del moto, tra i Cammini Lucani, non potevamo chiedere di meglio per staccare la spina dallo stress lavorativo.
Come recita un hashtag del momento sui Social #lavitaèunSaGrificio, allora SaGrifichiamoci tutti!

  • Articoli
“Le carote sono cotte” è la metafora gastronomica che ho scelto nella mia bio sui Social, a significare quante cose si possono dire parlando di cibo. Non sono chef, ma piuttosto sperimentatrice,d’altro canto cosa può fare in cucina una Biologa che si occupa di corretta alimentazione tutto il giorno? Troverete i risultati nel mio Blog GiocaSorridiMangia.
  • LE MILLE ALGHE BLU. Un tuffo dentro i Novel Food di sempre

    Oggi parliamo delle alghe, che entrano nei nostri piatti (e nei nostri cosmetici) con una certa disinvoltura, ma anche con tante proprietà; siamo sicuri di conoscerle?

  • La patata di montagna di Padula ha una marcia in più

    Già al momento della prenotazione eravamo stati informati che il nostro soggiorno sarebbe coinciso con la XIII edizione della Sagra della Patata di Montagna, e ovviamente, era diventato per noi un appuntamento da non perdere…

  • Curcuma: tanto rumore per nulla?

    Il suo colore e il suo gusto esotico ma delicato ne hanno determinato la diffusione e l’utilizzo sin dalla notte dei tempi. Chi è? La curcuma…

  • A qualuno piace caldo… e bollente

    Siamo fatti d’acqua per almeno il sessantacinque percento del nostro peso, ma di quanto caffè? Non è una domanda retorica…

  • Se lo mangio, lo posso spalmare in faccia

    Se vale la regola empirica secondo cui “se lo mangio, lo posso spalmare in faccia”, la cosmetologia cinese deve essersi evoluta seguendo la stessa regola…