L’altro giorno in cucina piangevo.
Sì, stavo tritando le cipolle e pareva che niente potesse fermare tutte le lacrime. Visto che le idee migliori vengono in cucina mi sono trovata a pensare: “Ma che santo dovrei pregare per non farmi lacrimare gli occhi quando taglio le cipolle?”.

E così ho scoperto che il santo patrono dei cuochi è San Francesco Caracciolo, festività il 13 ottobre, nato in provincia di Chieti a Villa Santa Maria, universalmente riconosciuta come patria dei cuochi più bravi del mondo.

Ed esiste anche una preghiera dei cuochi a San Francesco: “O umilissimo San Francesco, adoratore e apostolo di Gesù Pane di vita, che rinunciasti ai beni e agli onori terreni per metterti pienamente al servizio di Dio e del prossimo più povero e più bisognoso di aiuto materiale e spirituale, noi Cuochi ti ammiriamo e a te ci rivolgiamo come nostro Patrono particolare. Tu che fosti profondamente unito a Cristo, Pane spezzato per la vita del mondo, aiutaci a saper promuovere, attraverso la mensa che prepariamo, rapporti più umani e fraterni per contribuire alla diffusione nel mondo della pace e dell’amore di Dio. Infondi in noi e in tuffi gli uomini il desiderio e il gusto della Mensa della Parola e del Pane di vita eterna, ottieni da Dio grazia e benedizione sulle nostre famiglie e sul nostro lavoro, aiutaci ad essere sempre degni figli di Dio per poter meritare di partecipare, al termine del nostro cammino terreno, alla tua gloria e alla beatitudine di tutti i Santi in cielo”.

La vostra specialità è invece la pizza? Nessun problema, potete affidarvi a Sant’Alberto di Lovanio, festività 21 novembre, patrono dei pizzaioli e dei fornai.

Siete un ristoratore? Allora potete rivolgere le vostre preghiere a San Teodoro di Ancira, che si festeggia il 18 maggio. Era un oste che venne martirizzato per essersi convertito al cristianesimo.
Il 6 febbraio i caffettieri invece hanno il loro patrono: Sant’Amando di Maastricht, che è anche il protettore dei fabbricanti di aceto, dei commercianti di vino e dei lavoratori della mostarda.
I sommelier si possono affidare alle cure di San Martino di Tours, 11 novembre, il famoso “San Martino, castagne e vino”. È anche il patrono dei fabbricanti di botti, degli ubriachi e degli alcolizzati guariti.

San Paolo di Verdun, che si festeggia l’8 febbraio, è il protettore dei pasticceri e dei panettieri, proprio perché moltiplicava il pane da distribuire ai poveri.

E per il vino?
Beh, i santi partoni sono moltissimi, a iniziare da Noè. Capirete, dopo tutti quei giorni in mare appena sceso a terra dall’Arca piantò una vigna che crebbe subito miracolosamente. Lui bevve il succo di quella pianta e cadde a terra ubriaco. Et voilà, ecco qui il primo santo protettore degli avvinazzati!

Ma i santi patroni di chi produce vino sono tantissimi davvero, ogni Paese ne ha uno e in Italia se ne registrano quasi uno per Regione.

Come sant’Urbano, spesso ritratto con un grappolo di uva in mano, invocato per una buona vendemmia.
Oppure San Barnaba, che viene invocato contro la grandine che ha il potere di distruggere tutto il raccolto di vino.
O San Zeno, grande esperto di vino, invocato dai produttori di vino novello soprattutto in Veneto.
Come vedete ci sono davvero tanti santi protettori del cibo e del vino, segno che queste due cose sono essenziali per la nostra esistenza ed è quindi nostro dovere onorarli.
Dopotutto siamo in un sito enogastronomico, no?

Photo by Alina Sofia on Unsplash

  • Articoli
Maria Benedetta Errigo da anni fa finta di essere una seria giornalista di politica e attualità, infatti potete trovarla qua e là in giro per il web con articoli impegnati o approfondimenti culturali.Di tanto in tanto pubblica libri horror, tanto per rilassarsi. La sua vera passione, però, è il cibo, infatti le piace tantissimo mangiare oltre che cucinare, e il mondo che ruota attorno alle dinamiche sociali che si instaurano quando qualcuno mangia bene e in compagnia. Vive a Roma e scrive quando i suoi due gatti le lasciano il posto, scendendo dalla tastiera.
  • A che Santo votarsi

    Ci sono davvero tanti santi protettori del cibo e del vino, segno che queste due cose sono essenziali per la nostra esistenza ed è quindi nostro dovere onorarli

  • Cosa si mangia in The Walking Dead?

    La domanda sorge spontanea: ma cosa mangiano i protagonisti di questa serie, The Walking Dead per la precisione, evitando di diventare loro il cibo degli zombie?

  • I cibi più mangiati nelle serie tv

    quali sono i piatti più gettonati nelle serie tv? Quelli davanti ai quali capitano i cliffhanger o i protagonisti si lasciano scappare segreti inconfessabili o semplicemente fanno battute? Vediamoli assieme

  • Come ti servo un delitto

    Se non sai usare un’arma, niente di meglio che un po’ di arsenico per far sparire qualcuno.

  • Il meraviglioso mondo di Downton Abbey

    Durante le puntate i momenti conviviali sono tanti e – come si è cercato di ricostruire luoghi e costumi – anche i cibi tipici serviti nelle grandi dimore nobiliari inglesi sono stati studiati e riprodotti.

  • Troppi caffè per Laura Palmer

    Parecchie delle scene più importanti si svolgevano nel Double R Diner di Norma Jennings, una sorta di tavola calda aperta dalla mattina presto fino a tardi, dove è possibile fare colazione, pranzare, cenare o prendersi solo qualcosa da sgranocchiare.

  • Il cibo nel Trono di Spade

    Tutti abbiamo visto almeno una puntata del Trono di Spade, la famosa serie tratta dai libri di George R.R. Martin. L’autore ha costruito un universo vero e proprio, abitato da persone estremamente gaudenti, bisogna dire.

    Nessuno dei protagonisti è infatti immune ad alcun tipo di passione e ovviamente anche il cibo non poteva passare inosservato.

  • Le inaspettate origini del biscotto della fortuna
  • Gli ultimi pasti celebri
  • Gli spaghetti del Padrino
  • I gamberi Pink Floyd
  • Il cibo nel cinema: alcuni piatti famosi