Oggi ho deciso di scrivere un pezzo di “aiuto al maschio” per parlare di uno dei più grandi impasse in cui si ritrovano gli uomini nei rapporti di coppia con l’altro sesso: le liti, che spesso iniziano con un:
– “amore, cos’hai?”
– “niente…”
per poi diventare un fiume in piena di rinfacci, accuse, un profluvio di parole urlate e vomitate, ad opera di quelle puntualizzatrici folli, custodi della verità assoluta, con una memoria che farebbe impallidire un elefante, che poi siamo noi donne.

Eppure, uomini, se voi sapeste i segreti per accedere al cervello di una donna, quanto sarebbe più semplice l’interazione tra i due sessi.

Ah, uomini, se voi conosceste quel paio di frasi ad hoc, le frasi passe-partout che aprono tutte le porte, quelle che risolvono le situazioni, come sarebbe più facile la convivenza “tra le nostre due specie”.
Alcuni di voi, per pura sopravvivenza, per timore di ritorsioni psicologiche, per esaurimento fisico o mentale, credono che darci ragione (o fingersi morti) sia la panacea di tutti i mali, che così facendo le donne si plachino, sazie della loro ragione, appagate nel post orgasmico “scusami amore, hai ragione tu, ho sbagliato” ma invece no, così non è, perché il sesto senso femminile (quell’acume che ci contraddistingue) ci permette di smascherare questi falsi positivi, queste ragioni regalate che costano poco e non valgono di più. Le annusiamo, le percepiamo con la punta della nostra lingua biforcuta ehm… con la stessa innata capacità con cui, entrando in un negozio, adocchiamo subito i capi in saldo.

Dio salvi l’uomo scoperto a regalare ragioni in cui non crede, finti pentimenti e ammissioni di colpa, la vendetta femminile è – in questi casi – qualcosa davanti a cui le ritorsioni di mafia finiscono per sembrare un nonnulla.

Il problema alla base del tutto è che ci sono alcune situazioni, alcune questioni, che impongono un contraddittorio, situazioni dalle quali non potete rifuggire (porelli voi…) dove bisogna mettersi in gioco e districarsi tra questioni mnemoniche per ricordare 1) la promessa fatta dodici mesi fa e oggi non mantenuta 2) il commento non gradito di tre settimane prima 3) varie ed eventuali; durante queste discussioni, davanti a scomode questione, in caso di incertezza, cari uomini, vi do un consiglio che potrebbe, in alcuni casi, valere oro, ascoltatemi attentamente.
Nel momento di maggior bisogno, quando la vostra donna vi ha oramai messo alle corde, quando occupate l’angolo del ring e siete solo in attesa che lei sferri il colpo decisivo che vi metterà ko, trasformatevi in un pargolo ottenne, che scruta l’adulto con occhi curiosi, guardate attentamente e intensamente la vostra donna negli occhi, chinate leggermente la testa da un lato, crucciate la fronte quasi ad assumere un atteggiamento che simuli una reale concentrazione, fate per parlarle, fermatevi, deve sembrare che voi stiate soppesando bene le parole da pronunciare, questo creerà pathos e alzerà il livello di curiosità del vostro carnefice e uscitevene così, sinceramente, spontaneamente, quasi ingenuamente, pronunciando queste paroline:

“Ma… Sai che Ti. Trovo. Dimagrita.”

E come il mare dopo una tempesta, come il primo raggio di sole dopo un temporale, come la vista di un bagno dopo una giornata passata in riunione, se siete fortunati potreste vedere il viso della vostra Lei distendersi, un sorriso spuntarle spontaneo a tendere le sue labbra all’udire l’inaspettata frase; se siete convincenti, se siete stati davvero convincenti (e se lei è un esemplare di donna comune, sempre in lotta con la bilancia e con i chiletti di troppo), potrebbe addirittura dimenticarsi di che cosa stavate parlando prima che pronunciaste questa frase magica, la frase che tutto può, tutto appiana, tutto placa e rispondervi con un “tu trovi?”.
E’ fatta! Avvalorate la vostra stessa tesi con l’impeto di Mel Gibson quando interpretava William Wallace in Braveheart e mettetevi il cuore in pace, pronti a sentirla parlare di creme dimagranti che allora effettivamente funzionano, sedute di cavitazione miracolose e convenientissimi abbonamenti in palestra di coppia.
Siete salvi! Certo, fino al prossimo match!

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.

  • Quando l’arte nutre l’anima – World Press Photo 2019

    Fotografia dopo fotografia, sala dopo sala, mi nutro del bello ma molto più spesso dell’orrido del mondo, dello scioccante, del pauroso, del desolante spettacolo che siamo noi, esseri umani e che facciamo noi, del mondo che ci circonda e che crediamo, sciocchi Dei in Terra, di governare…

  • Ti trovo dimagrita…

    Oggi ho deciso di scrivere un pezzo di “aiuto al maschio” per parlare di uno dei più grandi impasse in cui si ritrovano gli uomini nei rapporti di coppia con l’altro sesso: le liti, che spesso iniziano con un:
    – “amore, cos’hai?”
    – “niente…”

  • Di buona critica e altri disastri…

    Noi di Cavolo Verde non pubblichiamo recensioni negative per il semplice fatto che abbiamo scelto di rispettare il lavoro di ognuno, dietro ogni impresa ci sono persone, posti di lavoro, ci auguriamo anche passione, dedizione e serietà per cui vogliamo rispettare il buono e il sano di ogni esperienza ed evitare di salire in cattedra. Ma, c’è un “ma”.