Di guide su cosa fare/dove andare/come vestirsi/come comportarsi in occasione del primo appuntamento con un uomo ne è pieno l’Etere e pure l’Internet. Non sarò quindi certo io a darvi consigli in merito.

Però – dall’alto delle mie continue e proficue (nonché goderecce) scorribande culinarie una breve guida mi sento di scriverla; la guida dei piatti da non ordinare mai al primo appuntamento.

Iniziamo da principio.

L’uomo che vi piace vi ha chiesto di uscire. Sulla tempistica non metto bocca, ci sono i turbo, ci sono i diesel, ci sono i colpi di fulmine e ci sono i bradipi. Dal canto mio vanto la conoscenza con un uomo che mi chiese di uscire dopo 11 mesi dal primo incontro, ma a me non piace vincere facile (e poi una si chiede come mai fossi una single incallita…)

Quindi poniamo che lui, l’uomo che vi piace per davvero o anche solo un pochino, vi abbia chiesto di uscire.

Superata la fase del “oh mio Dio cosa mi metto?” dove i consigli delle amiche pioveranno sicuramente a inondare la vostra già confusa testa, arriviamo al nocciolo della questione.

Avrete scelto magari di vedervi per una cena, cosa affatto scontata in un’epoca in cui i caffè o gli aperitivi vanno alla grande, perché ti “vestono” la giornata senza impegnare. Ecco quindi che – deciso il posto – vi troverete dinanzi a un menu.

Premettiamolo: parlare e mangiare è difficile. Difficile scegliere la giustezza del boccone che non spezzi la conversazione (oddio che orrida visione, voi che accelerate la masticazione per poter deglutire il bolo di cibo tra un “il mio ex era un idiota” e un “ma io credo ancora all’amore perché sono una fottuta romantica”). Il problema è che alcuni cibi non permettono di fare un piccolo boccone che non rovini la nostra bocca con smorfie degne di Joker e non trasfigurino le nostre gote come foste scoiattoli che fanno scorta di ghiande, per regola non scritta, per tradizione. E uno di questi cibi è… reggetevi forte… il sushi.

Il SUSHI – Mi spiace, belle mie, ma il sushi si mette in bocca intero. La tradizione giapponese non prevede la possibilità di morsicare, è contro le regole, il nighiri (o nigiri) per esempio, con la sua sleppa di pescetto crudo adagiato sopra mezzo pugno di riso, va tale e quale, preso con le bacchette, messo tutto in bocca et voilà!

IL RAMEN – Abolita quindi l’idea del sushi passiamo a sconsigliare il ramen.

Così come il sushi – anche il ramen è una pietanza per cui mi sento di dare il via libera dopo il quarto appuntamento, quando la confidenza è aumentata, e di molto, quando è chiaro che sì, ci piacciamo e anche tanto, e non sarà un boccone oblungo a rovinare disdicevolmente l’idea che lui ha di voi (o voi di lui, si intende!)

Caldo o freddo che sia, il ramen, seppure sia una pietanza buonissima, è pregna di insidie: la prima è il malefico cucchiaio con cui raccogliere alla meno peggio i suoi ingredienti, di dimensioni notoriamente maggiori, poi ci sono i noodles, da pescare nel brodo usando solo due bacchette di legno, manco fosse una prova del rimpianto Giochi senza Frontiere, da infilare poi in bocca e risucchiare come foste il nonnino dell’anime di turno, masticando animatamente.

Nel caso fortuito riusciste, da trapeziste del ramen, a superare questo scoglio, temo vi infrangereste contro la barriera del mezzo uovo sodo galleggiante. Come afferrarlo? Con le bacchette (qui immaginatemi mentre me la rido al solo pensiero) o con il sopracitato cucchiaio di ceramica? Per farne poi cosa, un sol boccone? No, non ci siamo proprio. Ramen abolito!

IL BURGER – Dopo avervi inorriditi con pensieri di bocconi, scivolamenti e risucchi vari già vi ci vedo, pensare di trovare un porto sicuro nel cibo solido, in qualcosa di cui si possa dosare il boccone a piacimento, da mangiare con le mani in maniera easy, una pietanza che non impegni: il burger.

Ce ne sono di gourmet, infarciti di ogni delizia prelibata e con accostamenti degni delle più ardite sperimentazioni. Ecco, appunto.

A forza di sperimentare e ardire e mischiare e condire i burgers sono diventati alti come un palazzo a due piani, larghi come una pizza e – di conseguenza – difficili da mangiare. Fateci caso, quando ci vengono serviti, succulentemente accostati a patatine fritte o fresca insalatina, sono spesso trafitti da sottili bastoncini di legno annodato o colorate bandierine. Quello che sembra un innocente ammennicolo è invece l’ombelico del Mondo, il coperchio del vaso di Pandora. Come Atlante che teneva sulle spalle la Volta Celeste così quel sottile bastoncino tiene fermo il vostro burger. Tolto quello, la fine del Mondo. Se lo tagliate con coltello e forchetta vi ritroverete con spicchi triangolari alti come una chiffon cake (venuta bene!). Se lo impugnate a due mani e provate ad addentarlo sarà impossibile che non strabordino salse e parti di farciture varie, che al meglio cadranno sulle vostre mani, in alternativa sul tavolo, sui vestiti e via discorrendo. Vi è passata la voglia di burger? Vi capisco.

I BUCATINI – Se avete scelto la cucina romana, perché “semo Romani de Roma” e un piatto di pasta è sempre un must, occhio a che tipologia di pasta vi verrà servita. Via libera alle paste corte, ma uno stop deciso alla varietà “bucatini” che sovente completa le nostre amatriciane. Il bucatino guizza come un’anguilla, essendo bucato all’interno fischia come foste un portiere e fa schizzare il sugo ovunque. Siete avvisati

LE LUMACHE – Ok, magari non è proprio un alimento tipico dei nostri locali ma poniamo il caso che lui voglia stupirvi e vi porti in un localino che serve escargot e che voi, in preda a un’ondata di sano romanticismo, decidiate di emulare Julia Roberts con il solo intendo di assicurarvi scaramanticamente un finale da favola, vi avviso: ricordate bene la scena del lancio della lumaca? Considerando che la vita non è un film e che di camerieri così ben allenati non ne sono certo piene le nostre sale, regolatevi di conseguenza.

ALIMENTI PREZZEMOLO ADDICTED – Siete sedute e state discorrendo di cambiamenti climatici. Lui vi fissa, siete magnetiche stasera, lo sapete voi ed evidentemente se n’è accorto anche lui. Da qui passate a disquisire di microcriminalità, di arte, di fotografia; parlate dell’ultima mostra vista al Vittoriano e dell’ultimo libro letto, com’è che si chiama l’autore? E’ il vincitore del premio Strega di un paio di anni fa. Fingete di non ricordarlo per inclinare la testa di lato e far scivolare lo scialle dalla spalla, sorridendo melliflue. E lo state facendo, con del prezzemolo che staziona sul molare. Devo aggiungere altro?

LE BRUSCHETTE AL POMODORO – Sconsigliatissime anche le bruschette al pomodoro, deliziose nella loro semplicità sono un esercizio di equilibrismo non facile da gestire a tavola. Il pomodoro che traballa e finisce per caderci addosso/sulla tavola è un’eventualità più che concreta. Meglio optare per una più sicura bruschetta con patè o formaggi spalambili che non risentiranno della nostra emozione e del tremolio delle nostre mani di donne agitate/emozionate/imbranate.

LE ALETTE DI POLLO – At last but not least vi consiglio spassionatamente di non cedere alla gola davanti a un piatto di alette di pollo. Per quanto siano gustose, le alette di pollo vanno mangiate con le mani. Senza se e senza ma. Anch’io – che schifo anche la sola idea di sporcare le mie falangette mentre mangio – perdo ogni inibizione davanti a un piatto di alette di pollo panate, finendo per agguantarle a mani basse e rosicchiarle attentamente fino a lasciare solo qualche ossicino nel piatto. Immaginate la scena. Immaginate di metterla in atto davanti alla vostra ultima conquista. Non se po’ fa. Credete a me!

Photo by Jack Finnigan on Unsplash

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Guida semiseria su cosa non ordinare mai al ristorante al primo appuntamento

    Dall’alto delle mie continue e proficue (nonché goderecce) scorribande culinarie una breve guida mi sento di scriverla; la guida dei piatti da non ordinare mai al primo appuntamento…

  • Ornelli Black Angus – La steakhouse all’Esquilino

    Nel pieno centro di Roma, dove per anni e anni c’è stata l’attività di famiglia, Nicola Ornelli ha creato una steakhouse sui generis. Sì perché da Ornelli Black Angus si mangia…

  • Fotografia, industria e lavoro a Bologna. Tema? FOOD!

    Dal 14 Ottobre Bologna si è tinta di… FOOD e lo rimarrà fino a fine Novembre; undici mostre in giro per la città allietano i curiosi che amano il tema Food visto in una chiave totalmente nuova e inaspettata. Dal MAST parte una mostra…

  • IL CELLULARE A TAVOLA. REGOLE PRATICHE, CATEGORIE CAFONE, COME SMASCHERARLE (E PUNIRLE)

    Oggi le persone scattano spesso foto a quello che mangiano, prendono spesso in mano il telefono durante una cena per controllarne le notifiche, oggi che tutto questo è divenuto parte del quotidiano sociale io voglio fare un passo indietro…

  • THE FISHERMAN BURGER

    The Fisherman Burger, in zona Piazza Bologna, regala delizie di pesce per tutti i gusti e tutte le tasche, che promette di sfamare, ingolosire e soddisfare…

  • Luca Mastracci, il Pupillo della pizza

    Conosco Luca da anni, da quando lavorava al Mercato Centrale. Ho mangiato più volte la sua pizza. E’ una sicurezza…

  • Guida semiseria ai cibi da evitare al primo appuntamento

    Di guide su cosa fare/dove andare/come vestirsi/come comportarsi in occasione del primo appuntamento con un uomo ne è pieno l’Etere e pure l’Internet. Non sarò quindi certo io a darvi consigli in merito. Però una breve guida mi sento di scriverla: la guida dei piatti da non ordinare mai al primo appuntamento…

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…