Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?” E’ così che prendono il via una serie di pezzi, a cadenza mensile, dove vi racconterò dei miei luoghi, quelli dove capito sovente o per la prima volta. Sperando che vi siano d’ispirazione ma senza la presunzione di esserlo.

Grano, Frutta e Farina Bistrot

Il mio Gennaio si è aperto all’insegna dei posti belli. E buoni. La mattinata del Primo dell’anno l’ho passato con un’amica, alla ricerca di un posto carino dove fare una tarda colazione. Pur stando in pieno centro romano le opzioni scelte avevano la serranda abbassata ma – gira che ti rigira (letteralmente parlando…) siamo arrivate in Via della Croce e qui abbiamo trovato Grano, Frutta e Farina Bistrot, un localino sui toni del verde pistacchio, deliziosamente curato, con carta da parati a righe (adoro!) e boiserie (vedi sopra!); quel giorno poi, l’atmosfera era resa ancor più coccolosa dalle lucine e da delicati addobbi natalizi. Qui si può fare colazione con lieviti, spremute e Co. ma anche pranzare e restare a chiacchierare beandosi dell’atmosfera da fiaba che vi si respira.

Pupillo Pura Pizza

A distanza di un paio di giorni, dopo vari tentativi di organizzare con un paio di amiche, è arrivato il momento della nostra gita fuori porta in una delle pizzerie di Luca Mastracci. Luca è un giovane pizzaiolo che ho conosciuto anni fa, quando lavorava nella pizzeria di Pier Daniele Seu al Mercato Centrale di Roma Termini. Di Luca salta agli occhi la scintilla che si porta dentro, una voglia di fare e di creare che manca a tantissimi giovani della sua età che vedo spesso spaesati davanti alla vita. Luca è diverso, la passione per il suo lavoro la sprizza da ogni poro e dopo aver aperto anni fa la sua prima pizzeria “Pupillo Pura Pizza” a Priverno, eccolo a distanza di poco bissare con l’apertura a Frosinone. Non vi parlerò certo della qualità delle pizze, o del suo amore e attaccamento al territorio, che lo porta a selezionare personalmente i piccoli produttori da cui si rifornisce per creare le sue pizze, non vi racconterò nemmeno di quando è stato premiato come “Miglior Pizzaiolo Emergente 2019”, le parole sarebbero davvero superflue, però vi dico una cosa, e potete credermi: la pizza di Luca vale ogni chilometro fatto per arrivare a mangiarla.

Pasticceria La Dolcecassia

Per noi che siamo di zona la Dolcecassia è un’istituzione da decenni. La prima sede fu nel piccolo quartiere de La Giustiniana; ci si andava la Domenica mattina a prendere le grandi paste dolci (chiamate all’epoca “pastarelle”) per il pranzo con i parenti o da portare a casa di amici. La carta verde con decori geometrici che usavano e usano tutt’ora per incartare i dolci riporta alla mente ricordi di cioccolata, grandi bignè, diplomatici e cannoli di sfoglia. Nel tempo le pastarelle di sono trasformate in mignon, la sede si è spostata nel quartiere più periferico de La Storta, a due passi dall’Olgiata e, oltre alla classica pasticceria, due salette e un dehors ospitano i clienti che, come è capitato a me per un paio di pomeriggi, vogliano passare qualche ora in compagnia, sorseggiando un tè, una tisana o un caffè. Un luogo accogliente dove rifugiarsi.

Osteria Iotto

Avevo bisogno di un posto in provincia per festeggiare il compleanno di mio padre e quando sono in cerca di consigli so bene a chi rivolgermi. La mia amica nonché blogger “Senzapanna” è una certezza, lei è informatissima e ne conosce tanti di posti, di quelli buoni davvero. Mi ha nominato, tra i vari, questa Osteria di Campagnano di Roma, e mi sono subito ricordata di quando ci ero passata davanti e di come la mia amica che vive proprio a due passi mi aveva detto “dovremmo provarla, mi sa che qui si mangia bene…” e così la scelta è stata facile: Osteria Iotto per il pranzo della Domenica.
Abbiamo mangiato bene, davvero, ma quello che più mi ha colpita sono state alcune proposte del menù. Trovare la parmigiana di gobbi (che sarebbero poi i cardi) e il ramoraccio selvatico tra i contorni è stata una bella sorpresa, una di quelle cose che ti restano impresse e – di conseguenza – ti fanno rimanere nella memoria un luogo, dove a tavola non solo hai mangiato bene ma il tuo palato non si è annoiato, ritrovando sapori romani che non sono da tutti ma è bello diventino per tutti.

Osteria Sette

Evidentemente Gennaio è stato il mese delle osterie perché, a ragionarci ora, ne ho provate addirittura tre.
L’Osteria Sette è stata una simpatica scoperta, complice un’amica che voleva farcela provare, lei, io e la cavolina Manuela ci siam state a cena una sera di un tranquillo feriale; Osteria Sette è un locale senza menù, dove i piatti proposti te li legge chi prende l’ordine, dove la forchetta dei prezzi è appesa in bellavista sui muri e dove l’arredo ti fa pensare di stare a casa della nonna, credenze e sedie tra campagna, dopoguerra e miracolo italiano. Da provare? La carbonara, rinomata, abbondante e ben presentata è cotta e mantecata al punto giusto.

Barred

Quando si va in giro con le foodie non si fa mai cilecca. Ecco quindi una serata a sette che si preannunciava così come si è rivelata: allegra e di gusto, trascorsa da Barred, a due passi da Piazza Re di Roma, un posto piccolo ma cazzuto, con il carattere nel piatto. Abbiamo scelto l’opzione “tre tapas” che prevede tre porzioni ridotte a scelta nel menù, un menù tutto da scoprire dove l’imbarazzo è nella scelta e i sapori sono tutti azzeccati. E poi la cura dei particolari, quelli che accompagnano e fanno da sottofondo al tutto, come il pane del forno Roscioli e l’olio Flaminio. Non credo servano commenti, è decisamente un posto dove tornare.

Osteria Dar Bruttone

Per lavoro o per diletto il mese di Gennaio si è concluso a tavola. Un’ennesima osteria e un’ennesima scoperta. Dar Bruttone, dove Giuseppe – il proprietario – ci ha fatto provare un antipasto misto che comprendeva una ventina di assaggi tra formaggi, salumi e altre piccole chicche. A seguire abbiamo provato (eravamo in cinque) una quindicina di portate tra primi, secondi, contorni, dolci e qualche extra. Alla luce del fatto che abbiamo assaggiato quasi tutto il menù senza fare prigionieri (leggi: abbiamo finito ogni portata servita) posso affermare senza timore di essere smentita che, all’Osteria Dar Bruttone, abbiamo mangiato proprio bene.
A rileggerci con le scorribande del prossimo mese.

Foto di copertina by Nate Johnston on Unsplash

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.

  • Quando l’arte nutre l’anima – World Press Photo 2019

    Fotografia dopo fotografia, sala dopo sala, mi nutro del bello ma molto più spesso dell’orrido del mondo, dello scioccante, del pauroso, del desolante spettacolo che siamo noi, esseri umani e che facciamo noi, del mondo che ci circonda e che crediamo, sciocchi Dei in Terra, di governare…