Foodie. Secondo il dizionario Garzanti, dicesi “foodie” il buongustaio, l’amante della buona tavola; foodie è un termine che racchiude in sé molte sfumature, che abbraccia vari personaggi: i critici gastronomici, i giornalisti del settore food (come la sottoscritta), spesso – ma non sempre – anche i foodblogger e infine i puri e semplici appassionati del buon mangiare (e bere) che sicuramente sono la maggioranza.

Mangiare è sicuramente uno dei piaceri della vita, il palato regala emozioni che possono arrivare a livelli inimmaginabili, sapori, sentori e sensazioni che risvegliano i sensi, che appagano mente e corpo.

Mangiare bene non è però scontato, basti vedere quanto successo abbiano gli all you can eat per capire che sovente le persone preferiscono la quantità (a buon prezzo) rispetto alla qualità. Mangiare bene è un lusso, a volte è anche una missione, comunque è un piacere e troppo spesso un piacere riservato a pochi.
Foodie spesso si nasce, altre volte si diventa, per passione, per diletto o per lavoro. Foodie possono essere sia gli uomini che le donne, ignoro le percentuali ma sicuramente è una caratteristica che abbraccia entrambe i sessi e si spalma in tutte le fasce di età.

Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.

Vi spiego il perché.
Immaginatevi un Lunedì mattina carico di buoni propositi, immaginatevi la bilancia e immaginatevi di salirci sopra. Il peso che leggete non vi piace e decidete di mettervi a dieta.
Perfetto, gli ingredienti sono presto detti: diminuzione delle calorie ingerite, sport quotidiano, varie ed eventuali;
Immaginatevi invece il Lunedì mattina di una persona che fa il mio lavoro.
Buoni propositi, bilancia, pesata della sottoscritta, urli e imprecazioni varie, tentativi di addossare la colpa alla genetica/alle ossa grosse/alla sindrome premestruale, duro scontro con la realtà delle cose (leggete: la causa è solo l’assunzione di troppe calorie) e infine la decisione del piano di attacco al grasso: sport (palestra, nello specifico) 5 giorni a settimana e dieta.

Il percorso parrebbe lo stesso, se non fosse che, nel caso di una “food jornalist” accade l’inaspettato.

Inizi la dieta il Lunedì? bene, il Martedì hai l’opening di un locale in centro, che si espleta in una cena stampa dove provare il nuovo menù (10 portate comprensive di finger food, assaggi di primi, un paio di secondi, assaggi di tutti i dessert della casa e devi pure essere contenta perché ti hanno risparmiato i contorni).
Mercoledì riprendi la dieta? bene, il Giovedì c’è una cena di lavoro al ristorante “Tal dei Tali” per parlare di quei nuovi progetti editoriali che lo riguardano (ovviamente mentre ti fanno assaggiare le loro proposte gastronomiche. In dodici portate. Stavolta comprensive dei contorni.)
Venerdì riinizi la dieta e dici agli amici che questo weekend non farai serata con loro, dato che “sei a dieta”? Bene, Sabato ti ricordi di quel ristorante da recensire e che il pezzo doveva uscire entro la settimana e allora corri a prenotare la visita per il giorno dopo, cena completa, stretta di mano, vai a casa, scrivi, invii il tutto al giornale e, se sei fortunata, il Lunedi mattina avrai messo su un altro chiletto. Facciamo due.

  • Articoli

Vicedirettore di questa rivista nonché blogger, giornalista, laureata in comunicazione, parlo di food ma non solo; recensisco locali ed eventi, racconto di persone e situazioni su siti e riviste. Qui su Cavolo Verde – sperando di non essere presa troppo sul serio – chiacchiero, polemizzo, ironizzo, punzecchio e faccio anche la morale.
In sintesi? Scrivo – seriamente – e mi piace. Tanto.

  • Dai, consigliami un ristorante…

    Quando mi chiedono “che ristorante mi consigli” dovrei rispondere con una serie di domande…

  • VIVI – Il Bistrot di Villa Pamphili (e non solo…)

    ViVi, il bistrot che allieta gli stomaci di chi soggiorna per qualche ora a Villa Pamphili, tempo fa mi ha invitata a fare una nuova esperienza, cullandomi della sua cucina…

  • ECCO. Il food delivery di quartiere

    Era da poco finito il lockdown, era un’assolata mattinata e io mi dirigevo verso Centocelle dopo circa tre mesi che mancavo (per ovvi motivi) dalla zona. Lo ricordo come fosse ora…

  • Osteria Dar Bruttone, tra storia e tradizione

    A San Giovanni, noto quartiere di Roma, da quasi cento anni c’è un’Osteria, che oggi si chiama Dar Bruttone. Nata come piccola locanda dove si andava per rifocillarsi, dopo la seconda guerra mondiale divenne una pizzeria di quelle senza nemmeno il nome…

  • Il mondo food al tempo del Covid. Ecco volti, nomi, storie

    Nel mondo food, come in altri ambiti lavorativi, è tutto un discutere di cassa integrazione, di delivery, di asporto; si ragiona su barriere in plexiglas, riaperture, distanziamento dei tavoli ma nessuno parla di chi è coinvolto in prima persona, nessuno vi racconta di Luca, di Giancarlo, di Fabiola. E così – oggi – ho deciso di farlo io

  • Deliveryroma.it: quando l’unione è la tua forza

    In questi ultimi due mesi ognuno di noi ha dovuto reinventare se stesso. Un discorso a parte merita chi ha visto stravolto il proprio lavoro, annullati gli introiti, chi non ha uno stipendio fisso su cui contare, chi ha una bottega, un bar, un ristorante ed è obbligato dagli eventi a tenerlo chiuso.

  • Febbraio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Siamo a Marzo, è quindi il tempo di dirvi i miei luoghi del cuore di Febbraio, quelli dove ho mangiato e/o bevuto bene, quelli che umilmente vi consiglio perché poi son gli stessi che frequento io…

  • Come vive un fumettista a Codogno nel tempo del Coronavirus.

    Giorni fa mi sono fatta una bella chiacchierata con il caro Lele Corvi, disegnatore, illustratore e vignettista. Voi direte “cosa c’entra un vignettista con un magazine di enogastronomia?” è presto detto, perché Lele vive e lavora a Codogno, il paese balzato agli onori della cronaca come il centro nevralgico dell’epidemia di Coronavirus in Italia…

  • Buon San Valentino a te e famiglia…

    Caro San Valentino io mi rivolgo proprio a te, per spiegarti cosa passa nella testa degli esseri umani, per dirti che è tutta colpa del marketing che ci impone rose rosse e cioccolatini, ristorantini a go go e serate bollenti per festeggiare te e il nostro amore (!!!)

  • Gennaio in pancia. Luoghi del cuore dove mangiare, bere ed essere felici

    Ho avuto l’idea di questa rubrica una mattina, stavo ricapitolando il mio Gennaio 2020 sotto vari punti di vista e ho pensato “perché non scrivere dei locali che ho visto, scoperto o anche solo frequentato?”

  • MUU_BIS! Muu_Muuzzarella apre il secondo store a Milano

    Ho mangiato da MuuMuuzzarella nel mio ultimo weekend Milanese, questa estate, e ho mangiato molto bene anche perché – di base – io adoro la mozzarella di bufala e il format di questo locale si basa proprio sulla reinterpretazione della mozzarella di Bufala Campana DOP in ogni suo piatto…

  • Nero e caldo, come il caffè…

    Per me il caffè è una tradizione, un’usanza, un affare sociale che mi lega a stretto giro a mille e più persone ed episodi. Una volta lessi una frase bellissima “Il caffè è una scusa per tutto…” quanto è vera?

  • Manifesto semiserio della liberalizzazione della socialità dal vincolo enogastromonico

    Noi italiani, che tanto prendiamo in giro gli europei che “bevono, bevono, bevono” siamo comunque quelli che – alla parola convivialità – associano sempre del cibo. E sovente anche del bere.

  • Kiamì – Bistrot in chiave pugliese

    Da Kiamì puoi ordinare tante mini porzioni, che poi proprio mini non sono, tanti assaggi di piatti tipici pugliesi e magari condividerli con i tuoi commensali…

  • Quello che le foodie non dicono…

    Tra tutti gli esemplari foodie, noi donne – che per giunta nel food ci lavoriamo – siamo forse più spesso quelle alle prese con la bilancia, succubi della mannaia del “chiletto di troppo” ma, a differenza delle altre donne, per noi è più difficile seguire un regime alimentare corretto.