Se non sai usare un’arma, niente di meglio che un po’ di arsenico per far sparire qualcuno.
Niente paura, non sono parole mie, ma della regina dei libri gialli, Agatha Christie, che amava ripetere questa frase durante le cene organizzate da lei, quella burlona.
Chi vi scrive, però, è una sua estimatrice da parecchi decenni, tanto che, a nove anni, si è ritrovata tra le mani l’autobiografia di questa scrittrice. E qui si scoprono parecchie sfumature di Agatha Mary Clarissa Miller, non ancora coniugata Christie, ancora lontanissima da essere lady Mallowan e sicuramente non Dame dell’Impero Britannico.

La scrittrice ebbe un’infanzia agiata e felice e visse con gioia nella grande casa di Torquay, circondata dall’amore della famiglia e dei domestici.

Una delle parti più belle dell’autobiografia, infatti, è il racconto che la Christie fa dei luculliani pranzi di Natale che si servivano a casa sua e di come lei mangiasse tutto, e a più riprese, senza nemmeno mettere su un etto.
Insomma, la piccola Agatha amava il cibo e da grande diventò una cuoca davvero brava, questo a detta di chiunque fosse tra le sue amicizie.
E visto che si deve scrivere di quello che si sa, la Dame dei veleni decise di utilizzare i veleni come arma dei suoi delitti, visto la sua grande esperienza di infermiera durante la guerra.

Quale mezzo migliore di infilarli in un piatto o in una bevanda?

Ed ecco che parecchi infelici stramazzano dopo aver mangiato un porridge o una fetta di torta i cui decori di zucchero erano avvelenati. E se pensate che i protagonisti dei suoi gialli potevano stare a digiuno vi state sbagliando: sapete quanti ne sono morti sorseggiando il tea delle cinque o un caffè?
Insomma, o dieta o morte per le sue vittime, e spesso la Christie descriveva nei propri libri ciò che cucinava per gli amici. Si spera non avvelenato, però!

Tutti questi cibi sono stati raccolti da due francesi, Anne Martinetti e François Rivière, nel loro delizioso libro Crèmes&châtiments (in italiano Creme e crimini edizioni Sonzogno) nel quale si possono trovare ricette come il famoso Lemon Cake, che Miss Marple mangiava all’ora del tea mentre sferruzzava e pensava a come risolvere un delitto, ma soprattutto la fantastica “Delizia Mortaleˮ, una torta al cioccolato che diventa l’arma di un delitto in uno dei suoi libri più famosi.
Come? Non vi resta che leggere “Un delitto avrà luogoˮ e poi guarderete con sospetto tutto il cioccolato che incontrerete per il resto della vostra vita!

  • Articoli
Maria Benedetta Errigo da anni fa finta di essere una seria giornalista di politica e attualità, infatti potete trovarla qua e là in giro per il web con articoli impegnati o approfondimenti culturali.Di tanto in tanto pubblica libri horror, tanto per rilassarsi. La sua vera passione, però, è il cibo, infatti le piace tantissimo mangiare oltre che cucinare, e il mondo che ruota attorno alle dinamiche sociali che si instaurano quando qualcuno mangia bene e in compagnia. Vive a Roma e scrive quando i suoi due gatti le lasciano il posto, scendendo dalla tastiera.
  • Napoleone e il Gianduiotto

    21 novembre 1806, Berlino, è una data importante, almeno per una golosa come me, perché questo è il giorno in cui viene alla luce il primo abbozzo di Gianduiotto…

  • Il cibo ai tempi di Shakespeare

    William Shakespeare: spesso nelle sue tragedie, come anche nelle sue commedie, si parla di cibo. Ma che cosa si mangiava esattamente ai tempi di William Shakespeare in Inghilterra?

  • I cibi afrodisiaci dei tempi andati

    Immaginate la scena.
    Siete in cucina e state pensando a cosa preparare da mangiare al vostro uomo, che sta per rientrare e che non vedete da tempo; decidete che, oltre a nutrirlo, avete voglia di riaccendere la passione e così optate per un buon piatto di cervello di piccione.
    Perché fate quella faccia? Ah forse non vi ho detto che siamo nel periodo del Medioevo e state aspettando il vostro eroe andato in guerra, una qualsiasi…

  • A che Santo votarsi

    Ci sono davvero tanti santi protettori del cibo e del vino, segno che queste due cose sono essenziali per la nostra esistenza ed è quindi nostro dovere onorarli

  • Cosa si mangia in The Walking Dead?

    La domanda sorge spontanea: ma cosa mangiano i protagonisti di questa serie, The Walking Dead per la precisione, evitando di diventare loro il cibo degli zombie?

  • I cibi più mangiati nelle serie tv

    quali sono i piatti più gettonati nelle serie tv? Quelli davanti ai quali capitano i cliffhanger o i protagonisti si lasciano scappare segreti inconfessabili o semplicemente fanno battute? Vediamoli assieme

  • Come ti servo un delitto

    Se non sai usare un’arma, niente di meglio che un po’ di arsenico per far sparire qualcuno.

  • Il meraviglioso mondo di Downton Abbey

    Durante le puntate i momenti conviviali sono tanti e – come si è cercato di ricostruire luoghi e costumi – anche i cibi tipici serviti nelle grandi dimore nobiliari inglesi sono stati studiati e riprodotti.

  • Troppi caffè per Laura Palmer

    Parecchie delle scene più importanti si svolgevano nel Double R Diner di Norma Jennings, una sorta di tavola calda aperta dalla mattina presto fino a tardi, dove è possibile fare colazione, pranzare, cenare o prendersi solo qualcosa da sgranocchiare.

  • Il cibo nel Trono di Spade

    Tutti abbiamo visto almeno una puntata del Trono di Spade, la famosa serie tratta dai libri di George R.R. Martin. L’autore ha costruito un universo vero e proprio, abitato da persone estremamente gaudenti, bisogna dire.

    Nessuno dei protagonisti è infatti immune ad alcun tipo di passione e ovviamente anche il cibo non poteva passare inosservato.

  • Le inaspettate origini del biscotto della fortuna
  • Gli ultimi pasti celebri
  • Gli spaghetti del Padrino
  • I gamberi Pink Floyd
  • Il cibo nel cinema: alcuni piatti famosi