x5

Bottiglie aperte: Milano wine show

27 Giugno 2016

Dall’1 al 3 ottobre al Palazzo delle Stelline di Milano torna l’appuntamento con Bottiglie Aperte, la kermesse del vino che non ti aspetti.

 

Grande attesa per la quinta edizione di un evento unico nel suo genere,che riunisce il vertice della produzione enologica nazionale

 

Dagli ultimi wine trendai segreti per gestire al meglio il propriolocale,dallenovità tecnologiche in cantina al mondo del vino 2.0.

L’obiettivo, ambizioso ma concreto, è quello di rappresentare il mondo del vino a 360 gradi, valorizzando le eccellenze territoriali e dando il giusto spazio alle nuove tendenze di consumo e somministrazione.

Oltre 5000 metri quadri e più di 150 produttori, influencer e sommelier sono attesi dai padroni di casa Federico Gordini e Aliante Business Solution, affiancati da un team di grandi specialisti.

Bottiglie Aperte è il risultato di un inedito lavoro di squadra che include alcuni tra i più importanti nomi del mondo vinicolo italiano, riuniti insieme per creare un evento completo, diverso, appassionante!

Mancano poco meno di cinque mesi alla quinta edizione di Bottiglie Aperte, il festival dei vini italiani d’autore organizzato da Blend Srl e Aliante Business Solution sotto la direzione di Federico Gordini, imprenditore, ideatore e protagonista di alcuni dei più grandi eventi enogastronomici milanesi (The Tank, Milano Food Week) e numerosi format di successo.

Quest’anno gli organizzatori hanno deciso di affiancare al proprio lavoro di selezione una grande squadra di esperti vinicoli italiani del calibro di Andrea Grignaffini, giornalista e direttore creativo di Spirito di Vino, Enzo Vizzari direttore de Le Guide de L’Espresso, Andrea Gabbrielli, firma del Gambero Rosso, Pierluigi Gorgoni docente di Enologia alla Scuola Alma, Orazio Vagnozzi board KPMG, membro GJE e grande collezionista di vini, Antonio Paolini, critico e giornalista enogastronomico e Cesare Pillon, noto giornalista ed esperto di vino.

L’attesissimo appuntamento è in calendario dall’1 al 3 ottobre al Palazzo delle Stelline di Milano con un programma sempre più ricco e ambizioso: riunire le aziende al vertice dell’enologia nazionale, ambasciatori indiscussi del proprio territorio e della ricchezza vinicola regionale. Oltre alle cantine di culto, capaci di stare al passo con i tempi e le esigenze dei consumatori status symbol dall’immagine vincente, con una distribuzione ben organizzata e un rapporto di stima reciproca con i propri partner, ci saranno una serie di eccellenze di nicchia che puntano sul mercato italiano e che trovano in Bottiglie Aperte la giusta opportunità per spiccare il volo e tessere contatti importanti.

Dal 2012 Bottiglie Aperte è il luogo d’incontro privilegiato per gli operatori del settore enologico e in particolare per i professionisti del canale Horeca, che scelgono la manifestazione per confrontarsi sui trend vinicoli e sulle ultime novità in fatto di retail e somministrazione. Se Verona è la capitale fieristica del vino, Milano è senza dubbio la piazza più importante dal punto di vista commerciale, barometro delle vendite e termometro delle tendenze di consumo a livello nazionale. 

LE NOVITÀ DELL’EDIZIONE 2016

Per la quinta edizione l’obiettivo è crescere ancora, coinvolgendo un numero sempre maggiore di realtà vinicole di alto profilo, espressione dell’eccellenza dei territori vinicoli italiani. Per la prima volta ci sarà anche un’area dedicata alloChampagne con alcune delle più importanti Maison riunite per offrire una selezione di bottiglie unica. 

Accanto ai walk around tasting non mancheranno le Master Class e oltre 20degustazioni verticali guidate da illustri performer del panorama enologicoededicate ad alcune tra le più blasonate etichette italiane. Per un weekend Milano si trasformerà nella capitale italiana delle verticali. 

Un’altra importante novità che fa di Bottiglie Aperte un evento sempre più multitasking è l’app ufficiale dell’evento. Ciascun visitatore potrà costruire un percorso di degustazione completamente customizzato edare un voto ai vini in degustazione. 

Non mancheranno dei sommelier multilingue capaci di interfacciarsi con il pubblico straniero per raccontare le etichette nelle loro lingue d’origine, dal russo al cinese, oltre ovviamente all’inglese passepartout.

Un capitolo molto importante è rappresentato dai riconoscimenti nazionali dedicati a chi opera nel settore. A grande richiesta tornano gli ambitissimi Wine Style Award e Wine List Award, perfettamente in linea con lo spirito di Bottiglie Aperte e la sua impostazione “milanese”: attenta agli aspetti della comunicazione e del marketing da un lato e alla vendita e relazione con il cliente dall’altro. Entrambi i premi sono assegnati da una giuria tecnica. 

Il Wine Style Award, va all’azienda con la miglior comunicazione e immagine coordinata. Perché oggi non basta fare del buon vino, bisogna anche saperlo proporre e comunicarlo in modo accattivante. La giuria sarà composta da giornalisti fuori settore, esperti di moda, comunicazione e design. L’anno scorso sul podio sono salite la Cantina siciliana Planeta (miglior comunicazione social), e le due aziende piemontesi Elvio Cogno (miglior sito web) e Vietti (miglior packaging).

Il Wine List Award, invece, è pensato per i locali con servizio di somministrazione e premia la migliore carta dei vini. Il riconoscimento è aperto a tutti i ristoranti d’Italia divisi per categorie. I concorrenti saranno giudicati da giornalisti, enologi ed esperti del settore. Nel 2015 ad aggiudicarsi il titolo sono stati La Ciaudel Tornavento di Treiso (miglior ristorante stellato), La Pergola di Roma (miglior grande ristorante di albergo), Locanda Mariella di Calestano (migliore trattoria tradizionale), Enoteca dei 100 Barolo di Cologno Monzese (categoria Enotavole), Langosteria di Milano (miglior ristorante a tema) e Wicky’sdi Milano (miglior etnico).

Per l’edizione 2016 il programma si arricchisce anche di un “fuori Bottiglie Aperte”. Durante la settimana della manifestazione, dal 26 settembre al 3 ottobre, infatti, saranno organizzati numerosieventi e appuntamenti in città. Ogni Cantina sarà abbinata a un locale o a un ristorante che ospiterà i suoi vini, con tasting e appuntamenti enogastronomici ad hoc. L’obiettivo è quello di permettere anche al pubblico dei milanesi e ai tanti turisti che visitano il capoluogo lombardo di vivere l’evento da una diversa prospettiva, certamente non meno appassionante, e di valorizzare le attività che si occupano del vino e della sua commercializzazione durante tutto l’anno. 

Sempre più spazio, infine, avranno i convegni e i workshop dedicati all’approfondimento di temi di attualità vinicola. Si parlerà di lotta alla contraffazione, ma anche di family business e ricambio generazionale all’interno delle aziende, del ruolo centrale del territorio come elemento di rafforzamento del brand e dell’importanza del marketing.

Molto interessante sarà l’esclusivo lo spazio dedicato agli imprenditori che si occupano dell’innovazione del settore vinicolo. Bottiglie Aperte organizzerà un grande workshop dove proporre progetti, idee, spunti inediti. Un think tank dedicato ai giovani innovatori e agli imprenditori enologici. Dai progetti legati alla tracciabilità dei vini, fino ai nuovi sistemi per la somministrazione, rappresentati da realtà di dimensioni diverse: dalle start up con progetti innovativi per la ricerca di finanziamenti a realtà  consolidate presenti in diversi mercati internazionali.Una sorta di “geniusroom”, insomma, per un utile confronto di idee, programmi, strategie per il presente e il futuro del settore.  

Tra i temi centrali legati al trade c’è ovviamente anche quello del retail, dei wine bar e dei wine corner. Oggi queste realtà sono, giustamente,apprezzatedalle aziende per il supporto e il ruolo di ambasciatrici nei confronti dei loro prodotti. Saranno questi le basi su cui si svilupperà l’interessante workshop del lunedì realizzato in collaborazione con la testata Mixer. 

Nel 2015, l’anno di Expo, Bottiglie Aperte ha superato le 100 Case vinicole partecipanti, con oltre 2000 operatori Horeca e più di 200 tra giornalisti e blogger. Per il 2016 gli organizzatori puntano a bissare il grande successo della scorsa edizione. A guardare il programma, le premesse ci sono tutte.

Tra le aziende che hanno confermato la loro presenza citiamo: 

 

Pol Roger

Compagnia del Vino

Querciabella

Elvio Cogno

Planeta

Tenuta San Leonardo

Terre di Leone

Cantine Lunae Bosoni

Le Macchiole

Azienda Agricola Falesco

Tormaresca

Villa De Varda

Baron di Pauli

Caldaro

Attimis Maniago

Omina Romana

Valle Isarco

Tenuta CisaAsinari dei Marchesi di Gresy

La Vis

Cesarini Sforza

Velenosi Vini

La Morandina

Podere Rocche dei Manzoni

Tenimenti Luigi d'Alessandro

Vigneti Luigi Oddero

La Guardiense

Consorzio Piccole Cantine Italiane

Cascina Bruni

Le Culture di Ruggeri

Società Agricola Tenuta Mara

Società Agricola Terenzi

 

 

 

 

Cronoprogramma della tre giorni: 

 

Sabato 1 ottobre 

Sabato 1 ottobre è la giornata d’inaugurazione della quinta edizione di Bottiglie Aperte e per antonomasia sarà principalmente rivolta al grande pubblico appassionato. Nel pomeriggio ci sarà uno spazio dedicato alle prime 7, delle oltre 20 degustazioni verticali, in calendario. La chiusura al pubblico, prevista attorno alle 19.00, precederà un cocktail party riservato ai produttori e agli opinion leader dei diversi mondi del business milanese. 

 

Domenica 2 ottobre

La mattinata si concentrerà attorno al forum sull’innovazione applicata al mondo del vino. Interverranno diversi operatori e specialisti di settore che illustreranno quelle che sono le innovazioni che ruotano intorno al mondo del vino. Dalla conservazione, alla tecnologia applicata, alle nuove idee in termini di packaging e branding seguendo il leitmotiv di Bottiglie Aperte: commercio, comunicazione e innovazione. 

Durante il pomeriggio si terranno altre 8 degustazioni verticali. Il fulcro della giornata sarà l’annuncio dei vincitori dei Wine List Award e Wine Style Award che andranno a premiare rispettivamente le migliori carte vini dei ristoranti italiani selezionati per categoria da una giuria tecnica e le aziende partecipanti a Bottiglie Aperte 2016 che si sono distinte per la propria immagine coordinata. Un premio particolare verrà attribuito ai migliori innovatori di settore che avranno partecipato a Bottiglie Aperte. 

 

Lunedì 3 ottobre

Il lunedì è la giornata dedicata principalmente al pubblico della ristorazione e Horeca. Il forum previsto durante la mattinata tratterà i temi caldi per questi due settori in collaborazione con Mixer. Le ultime 6 verticali chiuderanno la giornata prima di una “verticale delle verticali”. Una degustazione molto tecnica ed esclusiva riservata ai grandi esperti di settore, sommelier di rilievo e delle più importanti strutture di ristorazione del Nord Italia. 

 

 

INFO PRATICHE

Per maggiori informazioni www.bottiglieaperte.it.

Le aziende vinicole che desiderano partecipare all’edizione 2016 possono completare il form all’indirizzo www.bottiglieaperte.it/selezione

 

Come arrivare

Palazzo delle Stelline, Corso Magenta 61, 20123 Milano. 

Metro: MM1/MM2 Cadorna, MM1 Conciliazione, MM2 S. Ambrogio

Treno: FNM Stazione Cadorna  Tram: 16-19 Autobus: 50-58-67-94

 

UFFICIO STAMPA

Véronique Enderlin - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 340 8525313

www.enderlin.it